La Festa della Fede: Pasqua

Must read

Attesa la cerimonia del Premio Maison des Artistes. La Fondazione “Paolo di Tarso” tra i premiati per il Bene Comune

Venerdì 18 novembre 2022, dalle ore 17.30 alle 20.00, presso l’Aula Magna dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, avrà luogo la...

Apertura straordinaria del Teatro di Villa Torlonia a Roma

Sabato 24 Settembre 2022, alle ore 17.30, presso il Teatro Villa Torlonia, in via Via Lazzaro Spallanzani 1/A, a Roma, in occasione...

Michelangelo Pistoletto approda a Rende (Cs) grazie a Roberto Bilotti

A Rende (Cs) davanti al Comune giunge il "Terzo Paradiso", più che un'opera un simbolo, una icona che ha viaggiato per il...

Mons. Giuseppe Blanda: il saluto commosso tra Roma e la Sicilia

Mons. Giuseppe Blanda (Palazzo Adriano, Palermo 5.9.1936-Roma 19.7.2022) ci ha lasciati a ottantacinque anni ma solo fisicamente con la raccomandazione di stare...

a cura di S. E. l’Arcivescovo Mons Giuseppe Mani/

Questa notte tutta la chiesa sparsa nel mondo veglia in preghiera e dopo quaranta giorni di preparazione e di desiderio è arrivata a celebrare la Pasqua. Come? Rinnovando la sua fede in Dio. Come un unico grido questa notte si è levato dalla terra al cielo “Io credo” ed è stato quanto di meglio l’uomo ha potuto offrire al Suo Creatore e Signore. Fede è sinonimo di fiducia ma questo non significa che dobbiamo aver fiducia ciecamente. Siamo uomini ed abbiamo la possibilità di stabilire relazioni di fiducia e sono queste relazioni che umanizzano l’uomo perché soltanto quando offre fiducia può essere veramente se stesso. Siamo stati battezzati da bambini e sono stati i nostri genitori che hanno fatto fiducia a Dio per noi. Ogni Pasqua, facendo memoria del nostro battesimo rinnoviamo la fiducia a Dio sempre più motivati che si merita la nostra fiducia, tutta la nostra fiducia. Per questo la Pasqua di ogni anno ci responsabilizza e ci pone nell’atteggiamento di chi si fa battezzare da adulto, proprio ora, proprio quest’anno non appoggiandoci sulla fede dei genitori e del padrino ma sulla propria: voglio essere battezzato perché , Signore, credo fermamente in Te, ho fiducia in te perché te la meriti tutta.
E ci viene concessa la grazia del battesimo. Non è magia. Dio non si impone mai alla nostra libertà. La grazia del battesimo non produce i suoi effetti senza il nostro attivo consenso. Il battesimo , come tutti i sacramenti, ha un principio attivo: Gesù Cristo che agisce se gli apriamo la porta della nostra libertà. E allora ci dona la vita eterna, e Dio fa tutto per noi ma niente senza di noi. Da questo la formidabile potenza del Battesimo se attiva la nostra fede…

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

Attesa la cerimonia del Premio Maison des Artistes. La Fondazione “Paolo di Tarso” tra i premiati per il Bene Comune

Venerdì 18 novembre 2022, dalle ore 17.30 alle 20.00, presso l’Aula Magna dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, avrà luogo la...

Apertura straordinaria del Teatro di Villa Torlonia a Roma

Sabato 24 Settembre 2022, alle ore 17.30, presso il Teatro Villa Torlonia, in via Via Lazzaro Spallanzani 1/A, a Roma, in occasione...

Michelangelo Pistoletto approda a Rende (Cs) grazie a Roberto Bilotti

A Rende (Cs) davanti al Comune giunge il "Terzo Paradiso", più che un'opera un simbolo, una icona che ha viaggiato per il...

Mons. Giuseppe Blanda: il saluto commosso tra Roma e la Sicilia

Mons. Giuseppe Blanda (Palazzo Adriano, Palermo 5.9.1936-Roma 19.7.2022) ci ha lasciati a ottantacinque anni ma solo fisicamente con la raccomandazione di stare...

Il Rosario per la Pace nel mondo

A conclusione del mese mariano Papa Francesco desidera offrire un segno di speranza al mondo, sofferente per il conflitto in Ucraina, e...