Nella messa con i cappuccini il Papa parla del confessore. Il gran perdonatore

Must read

Il Papa: la fede non è un pacchetto di idee ma una strada da percorrere

Cecilia Seppia – Città del Vaticano Quando la paura stringe la gola, quando si...

“I Bambini e la guerra”. Relazione di Mons. Renzo Giuliano

a cura della Redazione/ Pubblichiamo a seguire la relazione di Mons. Renzo Giuliano nel corso del convegno dal...

Veglia pasquale, il Papa: ricorda e cammina, per tornare al primo incontro con Gesù

Fonte Vaticannews.va di Alessandro Di Bussolo – Città del Vaticano “Ricorda e cammina! Se recuperi il primo amore,...

La Peregrinatio della Reliquia di Livatino tra Istituzioni e Giovani

Cultura della legalità. Sembra uno slogan elettorale ma in realtà è la chiave di accesso alla nostra vita, alla nostra quotidianità, in...

papa-francesco-basilica-vaticana«Siate grandi perdonatori»: è l’invito rivolto da Papa Francesco alle centinaia di frati cappuccini che hanno partecipato alla messa celebrata martedì mattina, 9 febbraio, in occasione della traslazione nella basilica vaticana delle spoglie di san Pio da Pietrelcina e san Leopoldo Mandić.

papa-francesco-messa-per-i-cappucciniAll’omelia il Pontefice ha commentato le letture del giorno, sottolineando come «la tradizione dei cappuccini» sia «una tradizione di perdono. Tra voi — ha constatato — ci sono tanti bravi confessori: è perché si sentono peccatori, davanti alla grandezza di Dio». Ma soprattutto «perché sanno pregare, sanno perdonare», mentre «quando qualcuno si dimentica la necessità che ha di perdono, lentamente si dimentica di Dio, si dimentica di chiedere perdono e non sa perdonare».

san-leopoldo

Ecco allora la necessità di avere quello che il Pontefice con un’immagine efficace ha definito «un cuore largo», perché «il perdono è un seme, è una carezza di Dio» e bisogna avere fiducia nel suo perdono. Insomma, ha esortato Francesco, occorre essere «grandi perdonatori, perché chi non sa perdonare finisce come un grande condannatore.

san-pio-da-pietrelcinaE chi è il grande accusatore, nella Bibbia? Il diavolo». Di conseguenza: «O fai l’ufficio di Gesù, che perdona dando la vita, la preghiera, tante ore lì, seduto, come quei due — ha concluso indicando le teche contenenti i resti di san Leopoldo e di san Pio — o fai l’ufficio del diavolo che condanna, accusa».

L’omelia del Papa  

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

Il Papa: la fede non è un pacchetto di idee ma una strada da percorrere

Cecilia Seppia – Città del Vaticano Quando la paura stringe la gola, quando si...

“I Bambini e la guerra”. Relazione di Mons. Renzo Giuliano

a cura della Redazione/ Pubblichiamo a seguire la relazione di Mons. Renzo Giuliano nel corso del convegno dal...

Veglia pasquale, il Papa: ricorda e cammina, per tornare al primo incontro con Gesù

Fonte Vaticannews.va di Alessandro Di Bussolo – Città del Vaticano “Ricorda e cammina! Se recuperi il primo amore,...

La Peregrinatio della Reliquia di Livatino tra Istituzioni e Giovani

Cultura della legalità. Sembra uno slogan elettorale ma in realtà è la chiave di accesso alla nostra vita, alla nostra quotidianità, in...

Reso noto il programma della Peregrinatio Livatino a Roma

In questo mese di gennaio 2023, come già annunciato dalle pagine del Vaticanese.it, accade a Roma un evento di interesse nazionale che...