“Ho sensazione che sarà breve”

Must read

Etiopia, tragedia dimenticata. Il vescovo del Tigrai: fermate guerra e genocidio. Video

Paolo Lambruschi Avvenire Desolazione e distruzione, fame e spada, chi ti consolerà? Cita il profeta Isaia (51:19) il vescovo dell’eparchia cattolica di...

Don Marco Pagniello è il nuovo direttore di Caritas Italiana

Vatican News “Ringrazio il Consiglio permanente della Cei per la fiducia mostrata nei miei confronti”. Così il nuovo direttore...

“Verso un noi sempre più grande”: porte aperte alla speranza.

Guardare negli occhi dei migranti e scorgere la loro voglia di ricominciare. Papa Francesco lo aveva chiesto ai tanti fedeli che erano...

Francesco: sogno un mondo geloso del Creato e vicino ai fragili

“Quando si sogna da soli, è solo un sogno; ma quando si sogna con gli altri, è l’inizio di una nuova realtà”:...

Papa Bergoglio-vaticano-Gesù-fede
Papa Bergoglio

Con qualche giorno di ritardo il Gruppo Comunicare Italia porge i più autentici auguri per il secondo anno di pontificato a una persona semplice che sta vicino e cammina tra la gente, si espone in prima persona, va contro corrente cercando di demolire con grande umiltà spirituale ed intellettuale la sete di Potere che si aggira nella Chiesa e fra le mura vaticane.

Il Papa ammette che gli manca il fatto di poter girare liberamente, magari per poter andare in pizzeria senza essere riconosciuto. Spiega anche di avere la sensazione che il suo sarà un pontificato breve, anche se dice che potrebbe sbagliarsi. Non sembra intenzionato a dimettersi, e ribadisce l’apprezzamento per la scelta fatta da Benedetto XVI. Di papa Ratzinger apprezza anche la lotta contro gli abusi. Definisce la curia l’ultima corte d’Europa. Spiega perché non è capace di girarsi dall’altra parte di fronte ai mali del mondo. Indica nelle migrazioni e nel narcotraffico i problemi del Messico che non sono solo del Messico.

Papa Bergoglio lo dichiara in una bella e ampia intervista a Valentina Alazraki, storica vaticanista dell’emittente messicana Televisa, di cui la Radiovaticana fornisce una sintesi e il testo integrale in spagnolo. Nel colloquio, pubblicato a due anni dalla elezione – papa Francesco affronta moltissimi temi caldi, tra cui il clericalismo nella curia, l’appello a non girarsi dall’altra parte nei confronti dei mali del mondo, il sinodo sulla famiglia – tra l’altro definisce smisurate le aspettative su temi complessi e delicati come quello della comunione ai divorziati risposati o in materia di omosessualità.

Papa Francesco critica l’incapacità del clero di coinvolgere i laici a causa di un eccessivo clericalismo. Anche per la curia, dice, ogni cambiamento inizia dal cuore – spiega il Papa – e comporta una conversione nel modo di vivere. Una conversione che coinvolge la stessa figura del Pontefice e che è alla base dei fuori protocollo che tanto entusiasmano il popolo di Dio. All’intervistatrice che accenna all’eventualità di un ritiro per limiti di età, come avviene per i vescovi, il Papa risponde di non condividere una simile evenienza per la figura del Pontefice – definisce il Papato una grazia speciale – ma dice anche di apprezzare la strada aperta da Benedetto XVI riguardo alla figura del Papa emerito. Una scelta coraggiosa la definisce, come coraggiosa fu la decisione di avere reso pubblica la gravità degli abusi commessi da alcuni membri della Chiesa contro i bambini e la necessità di prendersi cura delle vittime.

Ho sensazione pontificato sarà breve – “Ho la sensazione che il mio pontificato sarà breve. Quattro o cinque anni. Non lo so, o due, tre. Ben due sono passati da allora. E’ come un piccolo vago sentimento”. Lo dice Papa Francesco in un’intervista alla tv messicana Televisa. “E’ una sensazione”, ammette facendo intendere che potrebbe sbagliarsi.

La più grande penitenza è viaggiare – “Non mi piace viaggiare”. Tra gli aspetti del pontificato “penso che sia la penitenza più grande”. A due anni dall’elezione, Papa Francesco si ‘confessa’ con Televisa, tv messicana. “Sono molto legato all’habitat, è una nevrosi” ma “le nevrosi – scherza Bergoglio con l’intervistatrice – bisogna trattarle bene”. “Non mi piace viaggiare oggi” come “prima non mi piaceva venire a Roma”, ammette il Papa.

Semper ad maiora, Francesco

Fonte. www.ansa.it

 

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

Etiopia, tragedia dimenticata. Il vescovo del Tigrai: fermate guerra e genocidio. Video

Paolo Lambruschi Avvenire Desolazione e distruzione, fame e spada, chi ti consolerà? Cita il profeta Isaia (51:19) il vescovo dell’eparchia cattolica di...

Don Marco Pagniello è il nuovo direttore di Caritas Italiana

Vatican News “Ringrazio il Consiglio permanente della Cei per la fiducia mostrata nei miei confronti”. Così il nuovo direttore...

“Verso un noi sempre più grande”: porte aperte alla speranza.

Guardare negli occhi dei migranti e scorgere la loro voglia di ricominciare. Papa Francesco lo aveva chiesto ai tanti fedeli che erano...

Francesco: sogno un mondo geloso del Creato e vicino ai fragili

“Quando si sogna da soli, è solo un sogno; ma quando si sogna con gli altri, è l’inizio di una nuova realtà”:...

Le mura vaticane si aprono a “Connessioni”, il Centro di Alta Competenza di Cosenza

Redazione IlVATICANESE.IT/ Sarà il Centro di Alta Competenza CONNESSIONI di Cosenza a digitalizzare la nuova cappella del Pontificio Seminario Romano Maggiore. “Connessioni” è la struttura tecnologicamente avanzata...