Coraggio e fedeltà per il Papa: giurano trenta Guardie Svizzere

Must read

La Peregrinatio della Reliquia di Livatino tra Istituzioni e Giovani

Cultura della legalità. Sembra uno slogan elettorale ma in realtà è la chiave di accesso alla nostra vita, alla nostra quotidianità, in...

Reso noto il programma della Peregrinatio Livatino a Roma

In questo mese di gennaio 2023, come già annunciato dalle pagine del Vaticanese.it, accade a Roma un evento di interesse nazionale che...

Il saluto commosso a Papa Ratzinger grati per la sua dedizione e sapienza

La parola ricorrente nell’Omelia di Papa Francesco, dedicata al Papa emerito Benedetto XVI, Joseph Ratzinger (Marktl, 16 aprile 1927 – Città del...

Addio al Papa emerito Benedetto XVI. L’invito a rimanere saldi nella fede

L’annuncio della sala stampa vaticana: si è spento alle ore 9,34 di sabato 31 dicembre. Da lunedì 2 gennaio la salma sarà...

papafrancesco -accoglie-inVaticano-

L’atmosfera che si respira in Vaticano è stata di festa. Come ogni Stato, anche la Santa Sede ricorda i propri eroi.

Messa a San Pietro per il giuramento delle Guardie Svizzere, celebrata dal Segretario di Stato vaticano il cardinale Pietro Parolin. Il cardinale chiesto loro di operare “con gioia e fiducia”, senza lasciarsi “turbare da difficoltà e incomprensioni”. Un invito poi a diventare “con Gesù ‘pane buono’ per le persone “incontrate nell’attività quotidiana”. Trenta le nuove Guardie Svizzere. La cerimonia si è svolta, come ogni anno, nel giorno in cui si ricorda il sacrificio di 147 soldati del Corpo, morti il 6 maggio del 1527 durante il “sacco di Roma”.

Lo squillo di trombe, il rullo dei tamburi, le note di musiche e di inni, il susseguirsi di voci e di giuramenti solenni hanno scandito, nel Cortile di San Damaso del Palazzo apostolico, questo tradizionale appuntamento. E’ il giorno in cui si ricorda l’eroica morte di 147 soldati alabardieri, che durante il “Sacco di Roma” non hanno esitato a sacrificare la loro vita per difendere il Pontefice scrivendo un’indelebile pagina di storia. E’ il 6 maggio del 1527. I mercenari spagnoli sfondano la porta del Torrione. Mentre i lanzichenecchi invadono Borgo Santo Spirito, le guardie svizzere cercano disperatamente di resistere. Si salvano solo in 42, quelli che accompagnano Papa Clemente VII a Castel Sant’Angelo. Quel sacrificio – ha detto il comandante Daniel Anrig – incarna anche oggi lo spirito del servizio, di profonda lealtà, offerto al Santo Padre:

“Voi giurate di servire il Sommo Pontefice fedelmente, lealmente e di impegnare tutte le vostre forze per lui, anche a rischio della vita. …Non è il denaro, il divertimento, il consumismo, etc., che arricchiscono la vita, ma la dedizione, il sacrificio”.

Mons. Becciu ha esortato le nuove Guardie Svizzere ad affidarsi, nelle loro preghiere, ai Santi Giovanni Paolo II e Giovanni XXIII. Chiedete loro – ha detto il sostituto della Segreteria di Stato – di aiutarvi a svolgere nel modo migliore il vostro compito. Un impegno quotidiano, ha osservato il cappellano Markus Heinz, animato da valori imprescindibili:

“Care Guardie, la seconda faccia della medaglia del vostro servizio, oltre il coraggio, è la fedeltà: essere pronti a impegnarsi con tutti se stessi non solo nel caso estremo, ma anche nelle faccende quotidiane del servizio e della vita nel Corpo della Guardia. L’impegno che si svolge non alle luci della ribalta del pubblico non è meno eroico e non richiede meno forze. E’ fedele e forte chi sa resistere alle difficoltà e alle tentazioni, perseverare nel cercare di fare il bene e superare gli ostacoli”.

Solenne il momento del giuramento. Hanno giurato trenta nuove reclute, chiamate per nome, con la mano sinistra sulla bandiera della Guardia e la destra alzata con le tre dita aperte, quale simbolo della Trinità. La giornata si è conclusa nel pomeriggio con la Messa, presieduta dal cardinale segretario di Stato, Pietro Parolin, nella Basilica di San Pietro e il concerto dell’orchestra “Schwyzer Kantonale Jugend Blasorchester” nell’Aula Paolo VI.

Fonte: www.news.va

Foto: Il Vaticanese.it, immagine di Fabio Pignata, scattata in una delle Cerimonie Liturgiche presiedute da Papa Francesco in Piazza S. Pietro.

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

La Peregrinatio della Reliquia di Livatino tra Istituzioni e Giovani

Cultura della legalità. Sembra uno slogan elettorale ma in realtà è la chiave di accesso alla nostra vita, alla nostra quotidianità, in...

Reso noto il programma della Peregrinatio Livatino a Roma

In questo mese di gennaio 2023, come già annunciato dalle pagine del Vaticanese.it, accade a Roma un evento di interesse nazionale che...

Il saluto commosso a Papa Ratzinger grati per la sua dedizione e sapienza

La parola ricorrente nell’Omelia di Papa Francesco, dedicata al Papa emerito Benedetto XVI, Joseph Ratzinger (Marktl, 16 aprile 1927 – Città del...

Addio al Papa emerito Benedetto XVI. L’invito a rimanere saldi nella fede

L’annuncio della sala stampa vaticana: si è spento alle ore 9,34 di sabato 31 dicembre. Da lunedì 2 gennaio la salma sarà...

La Prima solenne Peregrinatio Beati Rosarii Livatino a Roma per celebrare il martire della lotta alla mafia

Un evento di interesse nazionale si terrà a Roma dal 14 al 21 gennaio prossimi. Si tratta della prima solenne Peregrinatio Beati Rosarii Livatino -...