300mila i Giovani di Papa Francesco per “We care” della CEI

Must read

Stop war: Preservare la cultura per scongiurare un conflitto globale.

a cura della Redazione/ La Fondazione Culturale "Paolo di Tarso", Città della Pace, patrocina in questi giorni, con...

MetaversoCOSENZA, boom di visite e interesse culturale e scientifico

Un mondo parallelo, virtuale, emozionale entra in rete dalla Biblioteca Nazionale di Cosenza. E' l'Ecosistema Digitale della Cultura "MetaversoCOSENZA" che ha saputo riunire in una sola piattaforma...
00:01:57

2021 in review with Pope Francis

Relive the high points of 2021 with Pope Francis Fonte Canale Youtube Vatican News

Il 2021 di Francesco tra viaggi, riforme e le sfide di Covid e salute

Salvatore Cernuzio – Città del Vaticano Tre viaggi apostolici internazionali, dalle rovine dell’Iraq alle periferie della Slovacchia fino al...

giovani-san-pietro-papa-francesco
Papa Francesco con i Giovani delle Scuole in Piazza San Pietro

Città del Vaticano – «Si vede che questa manifestazione non è “contro”, è “per”. Non è un lamento, è una festa, una festa per la scuola. Sappiamo bene che ci sono problemi e cose che non vanno, lo sappiamo, ma voi siete qui, noi siamo qui perché amiamo la scuola». Lo ha detto Papa Francesco a «We care», organizzata dalla Cei a sostegno della scuola.

Sono circa trecentomila, secondo le stime della Radiovaticana, le persone in piazza San Pietro per «We care», l’incontro con la scuola italiana, organizzato dalla Cei e al quale si stimava la presenza di 150mila persone. Dopo un giro del Papa sulla jeep anche lungo via della Conciliazione, l’incontro si articola tra canti, letture di brani di autori tra cui Don Milani e Daniel Pennac, racconti di esperienze personali e ricordi di scuola. Tra i partecipanti, Giulio Scarpati, Fiorella Mannoia, Jury Chechi, Veronica Pivetti . Partecipano anche il presidente dei vescovi italiani, cardinale Angelo Bagnasco e il ministro della Istruzione Stefania Giannini.

«Oggi – ha detto il Papa – abbiamo sentito qui che è più bella una sconfitta pulita che una vittoria sporca, ricordatelo, questo ci farà bene per la vita. Diciamolo insieme “sempre è più bella una sconfitta pulita che una vittoria sporca”». La frase era stata citata dal ginnasta Jury Chechi.

«Si educa anche per assumere i valori, – ha detto il Papa a braccio – auguro a tutti voi, genitori, insegnanti, persone che lavorano nella scuola, studenti, vi auguro una bella strada nella scuola, che faccia crescere le tre lingue che una persona matura deve sapere parlare, la lingua della mente, la lingua del cuore e la lingua delle mani, ma armoniosamente». Fonte Secolo XIX

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

Stop war: Preservare la cultura per scongiurare un conflitto globale.

a cura della Redazione/ La Fondazione Culturale "Paolo di Tarso", Città della Pace, patrocina in questi giorni, con...

MetaversoCOSENZA, boom di visite e interesse culturale e scientifico

Un mondo parallelo, virtuale, emozionale entra in rete dalla Biblioteca Nazionale di Cosenza. E' l'Ecosistema Digitale della Cultura "MetaversoCOSENZA" che ha saputo riunire in una sola piattaforma...
00:01:57

2021 in review with Pope Francis

Relive the high points of 2021 with Pope Francis Fonte Canale Youtube Vatican News

Il 2021 di Francesco tra viaggi, riforme e le sfide di Covid e salute

Salvatore Cernuzio – Città del Vaticano Tre viaggi apostolici internazionali, dalle rovine dell’Iraq alle periferie della Slovacchia fino al...

Iss, sale occupazione terapie intensive Lombardia, Lazio, Piemonte e Sicilia gialle da lunedì

In aumento il tasso di occupazione in terapia intensiva: è al 12,9% (secondo la rilevazione giornaliera Ministero della Salute al 30 dicembre)...