Il Papa: “Siate una squadra che diffonde la speranza e il profumo del Vangelo”

Must read

2021: l’Italia che Rinasce vince in Bellezza. Da Treviso a Cosenza punti di eccellenza

a cura di Marco Zabotti/ A Parma si apre l’anno della Capitale italiana della Cultura 2021, dopo...

Papa Francesco: Dio ci ama nelle nostre fragilità, apriamogli la porta di casa

a cura della Redazione/ E' un messaggio di amore infinito verso l'umanità quello...

Celebrazione della 54° Giornata Mondiale della Pace

a cura della Redazione/ 1. Alle soglie del nuovo anno, desidero porgere i...

Beni Culturali, Cosenza: nasce il Centro di Alta Competenza CONNESSIONI

a cura della Redazione/ Giovedì 17 dicembre 2020, la Biblioteca Nazionale di Cosenza e la Fondazione...

Professionalità, gioco di squadra, comunione, servizio alla Chiesa e al Vangelo. Sono queste le corsie che il Centro Televisivo Vaticano deve continuare a percorrere per andare sempre più spedito nella moderna “autostrada globale della comunicazione”.

Una “squadra” chiamata a servire il Papa e la Chiesa con uno “stile” particolare, da cui tutto deve dipendere: dalle scelte editoriali ai palinsesti. È così che Papa Francesco vede il lavoro del Ctv, il Centro Televisivo Vaticano, i cui dipendenti con le loro famiglie sono stati ricevuti stamattina in udienza in occasione dei 30 anni di fondazione dell’organismo.

Sull’autostrada globale della comunicazione, da 30 anni il Ctv occupa una corsia preferenziale, e la percorre a velocità sostenuta al ritmo incalzante delle innovazioni tecnologiche, ciascuna traguardo e sfida insieme. Ma tutto con un preciso orientamento, ha ricordato Papa Francesco davanti alle circa 150 persone che lo hanno ascoltato in Sala Clementina, ovvero servire con la diffusione delle immagini televisive del Pontificato la causa del Vangelo:

“Siate professionisti al servizio della Chiesa. Il vostro lavoro è di grande qualità, e così dev’essere per il compito che vi è assegnato. Ma la professionalità per voi sia sempre servizio alla Chiesa, in tutto: nelle riprese, nella regia, nelle scelte editoriali, nell’amministrazione… Tutto può essere fatto con uno stile, una prospettiva che è quella ecclesiale, quella della Santa Sede. È necessario che la comunicazione del Ctv sappia effondere negli spettatori, nei fedeli e nei ‘distanti’, il profumo e la speranza del Vangelo”.

Per un maggior approfondimento trascriviamo le parole integrali di Papa Francesco:

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO
AI DIRIGENTI, AI DIPENDENTI E AI COLLABORATORI
DEL CENTRO TELEVISIVO VATICANO

Sala Clementina

Cari amici,

il Centro Televisivo Vaticano, voluto dal beato Giovanni Paolo II, nacque il 22 ottobre 1983. Di strada ne è stata fatta molta in questi tre decenni di attività, ringraziamo il Signore! Ora si aprono importanti sfide tecnologiche, come ho avuto modo di dirvi nel messaggio in occasione del vostro recente Convegno. Sono sfide alle quali non dobbiamo sottrarci, per mantenere saldamente «la prospettiva evangelica in questa specie di autostrada globale della comunicazione» (Messaggio al Ctv, 18 ottobre 2013). Grazie!

Anzitutto voglio ringraziavi, non solo per la professionalità oggi riconosciuta in tutto il mondo, ma soprattutto per la disponibilità e la discrezione che ogni giorno mi testimoniate e con cui mi accompagnate.

Voglio esprimere anche un ringraziamento speciale, in questa occasione di festa, alle vostre famiglie, perché, come ha ricordato il Direttore Mons. Viganò, vivono l’agenda settimanale sugli impegni del Papa! È un sacrificio non da poco, immagino, e per questo non solo vi sono grato, ma assicuro una preghiera per tutti voi, in particolare per i vostri bambini. Il Papa non vuole ingombrare la vita di famiglia! Ma vi ringrazia della pazienza.

Vorrei affidarvi brevemente alcuni pensieri.

Giocate come squadra. L’efficacia della pastorale della comunicazione è possibile creando legami, facendo convergere attorno a progetti condivisi una serie di soggetti; una «unione di intenti e di forze» (Decr. Inter Mirifica, 21). Sappiamo che questo non è facile, ma se vi aiutate insieme a fare squadra tutto diventa più leggero e, soprattutto, anche lo stile del vostro lavoro sarà una testimonianza di comunione.

Siate professionisti al servizio della Chiesa. Il vostro lavoro è di grande qualità, e così dev’essere per il compito che vi è assegnato. Ma la professionalità per voi sia sempre servizio alla Chiesa, in tutto: nelle riprese, nella regia, nelle scelte editoriali, nell’amministrazione… Tutto può essere fatto con uno stile, una prospettiva che è quella ecclesiale, quella della Santa Sede. È necessario che la comunicazione del CTV sappia effondere negli spettatori, nei fedeli e nei “distanti”, il profumo e la speranza del Vangelo.

Concludo ringraziando tutti i membri del Consiglio di Amministrazione che aiutano sapientemente a orientare e a guidare il CTV nel suo operato. Un pensiero speciale va anche agli amici che si coinvolgono a vario titolo nella grande famiglia del CTV. Da soli non possiamo fare molto, ma insieme possiamo essere al servizio di tutto il mondo, diffondendo la verità e la bellezza del Vangelo sino ai confini della terra. Grazie tante!

Fonte: www.news.va

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

2021: l’Italia che Rinasce vince in Bellezza. Da Treviso a Cosenza punti di eccellenza

a cura di Marco Zabotti/ A Parma si apre l’anno della Capitale italiana della Cultura 2021, dopo...

Papa Francesco: Dio ci ama nelle nostre fragilità, apriamogli la porta di casa

a cura della Redazione/ E' un messaggio di amore infinito verso l'umanità quello...

Celebrazione della 54° Giornata Mondiale della Pace

a cura della Redazione/ 1. Alle soglie del nuovo anno, desidero porgere i...

Beni Culturali, Cosenza: nasce il Centro di Alta Competenza CONNESSIONI

a cura della Redazione/ Giovedì 17 dicembre 2020, la Biblioteca Nazionale di Cosenza e la Fondazione...

Papa Francesco: messa per anniversario Lampedusa, “la cultura del benessere ci rende insensibili alle grida degli altri”

“La cultura del benessere, che ci porta a pensare a noi stessi, ci rende insensibili alle grida degli altri, ci fa vivere bolle di...