Il (Mio) Cammino di Santiago

Must read

00:17:49

Angelus 01 agosto 2021 Papa Francesco

Da Piazza San Pietro, recita della Preghiera dell’Angelus guidata da Papa Francesco. "Usare le persone per il proprio profitto:...

Il Papa: fede matura se al centro c’è Dio e non i nostri bisogni

Perché cerchiamo il Signore? Quali sono le motivazioni della nostra fede? Sono queste le domande che Papa Francesco rivolge ai fedeli all’Angelus dopo...

Il Papa al Gemelli per un intervento chirurgico programmato

Papa Francesco nel pomeriggio di domenica 4 luglio si è recato al Policlinico Gemelli per un intervento...

Il Movimento NOI dice basta alle logiche di palazzo del partitismo italiano e si candida come forza di rinnovamento del Paese

di Fabio Gallo e Alessandro Oteri/ Alessandro Oteri è il nostro Delegato per la Città di Palermo e...

andreaborrelli
Andrea Borrelli

a cura di Andrea Borrelli/

(15.04.2014 St Jean Pied De Port – 12.05.2014 Finisterre) – Il Cammino di Santiago non è un’esperienza come altre. Non è un viaggio o una vacanza.

È un calarsi dentro sé stessi per capire nel profondo la natura più o meno malsana o fantastica di ciò che si è o si è stati.
Di ciò che si è vissuto o si vivrà.
E questo profondo esame è solo l’inizio. Può essere meraviglioso, durissimo o tutte e due le cose insieme.
“Dici?”. No.
Forse il Cammino è altro.
Del resto ognuno ha i suoi perchè e ogni pellegrino ha le sue motivazioni per aver intrapreso l’ “avventura”.
Personalmente, nei 27 giorni che mi hanno visto camminare da St.Jean Pied De Port a Finisterre passando per Santiago e Muxìa, ho imparato a gestire molti dei miei pensieri e ho appreso moltissimo riguardo al mio modo di stare al mondo e al mio essere uomo nel confrontarmi con la fatica, la gioia, i dolori e le paure.
Ad una stupida ed insignificante curva ho scoperto improvvisamente di sentirmi felice per esempio.
Di una felicità incontenibile.
Ho imparato ad andare piano in discesa e ad accelerare in salita.
Ho avuto rispetto per i Pirenei.
(“Abbi rispetto per i Pirenei, ragazzo”- Massimo.)
E ho riscoperto la bellezza di mangiare un panino sdraiato sull’erba senza tempo e senza rumori.
Mi sono chiesto il perché dovessi correre avendo “me stesso”ed infinite possibilità da soppesare.
E pensandoci su ho visto esaurirsi le salite.
Non ho avuto bisogno di una musica che mi rilassasse perchè avevo il suono dei miei passi e le voci della natura e della storia intorno.
Mi sono fatto un sacco di domande e ho imparato a dare rispetto e a guadagnare quello per me stesso.
Ho ricominciato da zero a camminare e ho provato il gusto di non fotografare un panorama per capire se fossi in grado di ricordarlo nei minimi dettagli.
Ho parlato una lingua che non esiste con una koreana e o regalato pane e salame ad uno svizzero.
E camminando o riposando ho diviso passi e confidenze con persone eccezionali.
Ho visto il Cammino di Santiago diventare l’unità di misura di un sacco di cose e lui mi ha ripagato facendomi fare amicizia con la pioggia ed il fango e mi ha schernito allontanandomi le case, i monti o il mare da sotto il naso mentre ci camminavo incontro.
Ho assaporato la bibita più buona che si possa sognare in un altopiano deserto lasciandola a metà per darle più valore e ho scoperto quanto siamo abituati a vivere il tempo degli altri e mai il nostro.
Ero una foglia, ora sono un albero che ha delle radici piantate nel terreno. Non so quanto solide.
Ma il fatto che siano radici è certamente un buon inizio.
Così Finisterre è stato il mio punto di partenza. E scoprirlo mi ha commosso fino alle lacrime.
Poi ho sorriso. E respirato forte.
Ad oggi respiro ancora.
Buon Cammino Andrea, buon Cammino a tutti!

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

00:17:49

Angelus 01 agosto 2021 Papa Francesco

Da Piazza San Pietro, recita della Preghiera dell’Angelus guidata da Papa Francesco. "Usare le persone per il proprio profitto:...

Il Papa: fede matura se al centro c’è Dio e non i nostri bisogni

Perché cerchiamo il Signore? Quali sono le motivazioni della nostra fede? Sono queste le domande che Papa Francesco rivolge ai fedeli all’Angelus dopo...

Il Papa al Gemelli per un intervento chirurgico programmato

Papa Francesco nel pomeriggio di domenica 4 luglio si è recato al Policlinico Gemelli per un intervento...

Il Movimento NOI dice basta alle logiche di palazzo del partitismo italiano e si candida come forza di rinnovamento del Paese

di Fabio Gallo e Alessandro Oteri/ Alessandro Oteri è il nostro Delegato per la Città di Palermo e...

Movimento NOI, in Sicilia la Politica con la “P” maiuscola auspicata da Papa Francesco.

Il Movimento sturziano NOI cresce e si radica in Sicilia. Ad annunciarlo è il portavoce nazionale Fabio...