Giancarlo Bragantini: nella Via Crucis i bambini innocenti morti per la Terra dei fuochi

Must read

Attesa la cerimonia del Premio Maison des Artistes. La Fondazione “Paolo di Tarso” tra i premiati per il Bene Comune

Venerdì 18 novembre 2022, dalle ore 17.30 alle 20.00, presso l’Aula Magna dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, avrà luogo la...

Apertura straordinaria del Teatro di Villa Torlonia a Roma

Sabato 24 Settembre 2022, alle ore 17.30, presso il Teatro Villa Torlonia, in via Via Lazzaro Spallanzani 1/A, a Roma, in occasione...

Michelangelo Pistoletto approda a Rende (Cs) grazie a Roberto Bilotti

A Rende (Cs) davanti al Comune giunge il "Terzo Paradiso", più che un'opera un simbolo, una icona che ha viaggiato per il...

Mons. Giuseppe Blanda: il saluto commosso tra Roma e la Sicilia

Mons. Giuseppe Blanda (Palazzo Adriano, Palermo 5.9.1936-Roma 19.7.2022) ci ha lasciati a ottantacinque anni ma solo fisicamente con la raccomandazione di stare...

giancarlo-bregantini-via-crucis-colosseo-roma
Sua Eccellenza Mons Giancarlo Bregantini

Roma, 18 aprile 2014 – Le conseguenze della crisi economica, la disoccupazione, i suicidi degli imprenditori, l’emarginazione di chi finisce in carcere ed è sbattuto in prima pagina dai giornali. Ma anche gli innocenti che muoiono per l’inquinamento nella Terra dei fuochi, gli immigrati che affogano quando sono ormai in vista della sponda della speranza, le donne abusate, i nuovi schiavi vittime della tratta degli esseri umani. Sono questi i temi al centro delle meditazioni preparate da monsignor Giancarlo Bregantini per le 14 stazioni della tradizionale ‘Via Crucis’ al Colosseo presieduta da Papa Francesco a cui hanno preso parte circa quarantamila fedeli.

GIANCARLO BREGANTINI: CRISI ECONOMICA HA DISASTROSE CONSEGUENZE
“Sono i ‘crocifissi’ di oggi”, ha spiegato l’arcivescovo nei testi letti da Virna Lisi e dallo speaker della Radio Vaticana Orazio Coclite, sottolineando quanta fragilità vi fosse nel Cristo, e quanta ne troviamo nei “piccoli” di oggi vittime di tante violenze: la droga e l’alcool, i rifiuti tossici, l’assenza di un futuro e, in alcuni paesi, la guerra che arruola anche i “bambini-soldato”.

Meditazioni testimoniate dalla scelta di affidare la Croce dalla seconda alla 13esima stazione a operai, imprenditori, stranieri, ospiti di Comunità di recupero, senza fissa dimora, ex carcerati, donne, malati, bambini e anziani. 

PAPA FRANCESCO: LA SPERANZA SOTTO IL PESO DELLA CROCE
“Il male non avrà l’ultima parola, ma l’amore la misericordia e il perdono”
, ha ricordato Bergoglio al termine della celebrazione, esortando i fedeli alla solidarietà. “Tutti insieme – ha detto – ricordiamo i malati, le persone abbandonate sotto il peso della Croce, preghiamo affiche’ trovino sotto il peso della Croce la speranza e la prova dell’amore di Dio“.

Il Papa ha sottolineato che si tratta del “peso dei nostri peccati, delle ingiustizie, dell’amarezza del tradimento di Giuda e di Pietro”. E ha citato anche “tutta l’arroganza dei falsi amici”. “Quella di Gesù – ha osservato – era una Croce pesante come la notte degli abbandonati e la morte delle persone care”. “Nella croce vediamo, quasi fino a toccare con le mani, quanto siamo amati eternamente, di fronte alla croce ci sentiamo figli e non oggetti o cose”, ha concluso Papa Francesco.

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

Attesa la cerimonia del Premio Maison des Artistes. La Fondazione “Paolo di Tarso” tra i premiati per il Bene Comune

Venerdì 18 novembre 2022, dalle ore 17.30 alle 20.00, presso l’Aula Magna dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, avrà luogo la...

Apertura straordinaria del Teatro di Villa Torlonia a Roma

Sabato 24 Settembre 2022, alle ore 17.30, presso il Teatro Villa Torlonia, in via Via Lazzaro Spallanzani 1/A, a Roma, in occasione...

Michelangelo Pistoletto approda a Rende (Cs) grazie a Roberto Bilotti

A Rende (Cs) davanti al Comune giunge il "Terzo Paradiso", più che un'opera un simbolo, una icona che ha viaggiato per il...

Mons. Giuseppe Blanda: il saluto commosso tra Roma e la Sicilia

Mons. Giuseppe Blanda (Palazzo Adriano, Palermo 5.9.1936-Roma 19.7.2022) ci ha lasciati a ottantacinque anni ma solo fisicamente con la raccomandazione di stare...

Il Rosario per la Pace nel mondo

A conclusione del mese mariano Papa Francesco desidera offrire un segno di speranza al mondo, sofferente per il conflitto in Ucraina, e...