Due Santi, un solo grande amore

Must read

Etiopia, tragedia dimenticata. Il vescovo del Tigrai: fermate guerra e genocidio. Video

Paolo Lambruschi Avvenire Desolazione e distruzione, fame e spada, chi ti consolerà? Cita il profeta Isaia (51:19) il vescovo dell’eparchia cattolica di...

Don Marco Pagniello è il nuovo direttore di Caritas Italiana

Vatican News “Ringrazio il Consiglio permanente della Cei per la fiducia mostrata nei miei confronti”. Così il nuovo direttore...

“Verso un noi sempre più grande”: porte aperte alla speranza.

Guardare negli occhi dei migranti e scorgere la loro voglia di ricominciare. Papa Francesco lo aveva chiesto ai tanti fedeli che erano...

Francesco: sogno un mondo geloso del Creato e vicino ai fragili

“Quando si sogna da soli, è solo un sogno; ma quando si sogna con gli altri, è l’inizio di una nuova realtà”:...

giovannipaoloII-giovanniXXIII-santia cura di Giovanni Borrelli/

La santificazione dei due papi  Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II, accomunati nella canonizzazione, per volontà di Papa Francesco,  dall’intrinseco valore  di grande esempio religioso, ha posto in evidenza soprattutto il  loro coraggio nell’aver gridato ad un mondo secolarizzato, asservito al culto moderno dell’egoismo, il valore insostituibile dell’amore che Cristo ci ha insegnato.

Personalità forti, autentiche, umili, ma caparbie  nel ribadire al mondo, senza soluzione di continuità l’amore di Gesù e  la forza di coesione della Chiesa, madre e testimone per tutti i popoli  del Vangelo, invitando a farlo proprio per una vita migliore allietata dalla speranza e dalla salvezza.

Tali forti ostinazioni, vissute superando a fatica anche il dolore fisico, hanno reso entrambi santi facendo con il loro insegnamento comprendere al mondo intero, non solo come si possa sopportare la sofferenza, se si ha Gesù nel cuore, ma  anche come si debba apprezzare, sempre, con entusiasmo e gratitudine la bellezza del creato, impronta indelebile di Dio.

Così oggi oltre un milione di persone, presenti alla canonizzazione, provenendo con sacrificio anche da lontano, hanno testimoniato il loro amore e  in un profondo silenzio, elevato a Dio la loro più bella preghiera , ringraziandoLo per questi due grandi  santi.

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

Etiopia, tragedia dimenticata. Il vescovo del Tigrai: fermate guerra e genocidio. Video

Paolo Lambruschi Avvenire Desolazione e distruzione, fame e spada, chi ti consolerà? Cita il profeta Isaia (51:19) il vescovo dell’eparchia cattolica di...

Don Marco Pagniello è il nuovo direttore di Caritas Italiana

Vatican News “Ringrazio il Consiglio permanente della Cei per la fiducia mostrata nei miei confronti”. Così il nuovo direttore...

“Verso un noi sempre più grande”: porte aperte alla speranza.

Guardare negli occhi dei migranti e scorgere la loro voglia di ricominciare. Papa Francesco lo aveva chiesto ai tanti fedeli che erano...

Francesco: sogno un mondo geloso del Creato e vicino ai fragili

“Quando si sogna da soli, è solo un sogno; ma quando si sogna con gli altri, è l’inizio di una nuova realtà”:...

Le mura vaticane si aprono a “Connessioni”, il Centro di Alta Competenza di Cosenza

Redazione IlVATICANESE.IT/ Sarà il Centro di Alta Competenza CONNESSIONI di Cosenza a digitalizzare la nuova cappella del Pontificio Seminario Romano Maggiore. “Connessioni” è la struttura tecnologicamente avanzata...