Mostra su Jérôme Lejeune al Gemelli

Must read

Etiopia, tragedia dimenticata. Il vescovo del Tigrai: fermate guerra e genocidio. Video

Paolo Lambruschi Avvenire Desolazione e distruzione, fame e spada, chi ti consolerà? Cita il profeta Isaia (51:19) il vescovo dell’eparchia cattolica di...

Don Marco Pagniello è il nuovo direttore di Caritas Italiana

Vatican News “Ringrazio il Consiglio permanente della Cei per la fiducia mostrata nei miei confronti”. Così il nuovo direttore...

“Verso un noi sempre più grande”: porte aperte alla speranza.

Guardare negli occhi dei migranti e scorgere la loro voglia di ricominciare. Papa Francesco lo aveva chiesto ai tanti fedeli che erano...

Francesco: sogno un mondo geloso del Creato e vicino ai fragili

“Quando si sogna da soli, è solo un sogno; ma quando si sogna con gli altri, è l’inizio di una nuova realtà”:...

“Che cosa è l’uomo perché te ne ricordi? Genetica e natura umana nello sguardo di Jérôme Lejeune” è il titolo della mostra incentrata sulla figura del grande medico e scienziato francese che per primo, nel 1958, scoprì che la causa della Sindrome di Down era la Trisomia del cromosoma 21, e che sarà possibile visitare fino a domenica 14 aprile nell’atrio del Policlinico Gemelli. Il medico francese dedicò tutta la sua vita alla cura e alla difesa dei pazienti trisomici. Dalle testimonianze proposte al pubblico nella mostra emerge come la figura di Lejeune sia stata grande non solo dal punto di vista scientifico, ma anche e soprattutto umano, come testimonia la causa di beatificazione oggi in corso.

 

L’iniziativa è promossa dal Gruppo “Ateneo Studenti” della Facoltà di Medicina A. Gemelli, dal Centro di Ateneo per la Vita, in collaborazione con il Centro Culturale di Roma ed è inserita nell’ambito della manifestazioni della 89ª Giornata per l’Università Cattolica che sarà celebrata domenica prossima. Accanto alla visita gratuita, nel pomeriggio di oggi, martedì 9 aprile alle 17.15 presso l’Aula Brasca del Policlinico Gemelli, si terrà un incontro dedicato a illustrare la figura e l’opera di Lejeune che vedrà tra i relatori Giuseppe Zampino, Dirigente medico presso il Centro Malattie rare e difetti congeniti del Policlinico Gemelli,Pierluigi Strippoli, Docente di Biologia applicata all’ Università degli studi di Bologna, Roberto Colombo, Ordinario di Biologia Molecolare all’ Università Cattolica e Direttore del Centro per lo Studio delle Malattie Ereditarie Rare all’Ospedale Niguarda Milano. L’incontro sarà moderato da Maria Luisa di Pietro, Docente di Bioetica presso la Facoltà di Medicina e chirurgia dell’Università Cattolica di Roma. La mostra è a ingresso libero con orario 9.00-19.00.

Fonte: Zenit.org.

- Advertisement -

More articles

- Advertisement -

Latest article

Etiopia, tragedia dimenticata. Il vescovo del Tigrai: fermate guerra e genocidio. Video

Paolo Lambruschi Avvenire Desolazione e distruzione, fame e spada, chi ti consolerà? Cita il profeta Isaia (51:19) il vescovo dell’eparchia cattolica di...

Don Marco Pagniello è il nuovo direttore di Caritas Italiana

Vatican News “Ringrazio il Consiglio permanente della Cei per la fiducia mostrata nei miei confronti”. Così il nuovo direttore...

“Verso un noi sempre più grande”: porte aperte alla speranza.

Guardare negli occhi dei migranti e scorgere la loro voglia di ricominciare. Papa Francesco lo aveva chiesto ai tanti fedeli che erano...

Francesco: sogno un mondo geloso del Creato e vicino ai fragili

“Quando si sogna da soli, è solo un sogno; ma quando si sogna con gli altri, è l’inizio di una nuova realtà”:...

Le mura vaticane si aprono a “Connessioni”, il Centro di Alta Competenza di Cosenza

Redazione IlVATICANESE.IT/ Sarà il Centro di Alta Competenza CONNESSIONI di Cosenza a digitalizzare la nuova cappella del Pontificio Seminario Romano Maggiore. “Connessioni” è la struttura tecnologicamente avanzata...