La Povertà della Solitudine

Must read

Mons. Giuseppe Blanda: il saluto commosso tra Roma e la Sicilia

Mons. Giuseppe Blanda (Palazzo Adriano, Palermo 5.9.1936-Roma 19.7.2022) ci ha lasciati a ottantacinque anni ma solo fisicamente con la raccomandazione di stare...

Il Rosario per la Pace nel mondo

A conclusione del mese mariano Papa Francesco desidera offrire un segno di speranza al mondo, sofferente per il conflitto in Ucraina, e...

Stop war: Preservare la cultura per scongiurare un conflitto globale.

a cura della Redazione/ La Fondazione Culturale "Paolo di Tarso", Città della Pace, patrocina in questi giorni, con...

MetaversoCOSENZA, boom di visite e interesse culturale e scientifico

Un mondo parallelo, virtuale, emozionale entra in rete dalla Biblioteca Nazionale di Cosenza. E' l'Ecosistema Digitale della Cultura "MetaversoCOSENZA" che ha saputo riunire in una sola piattaforma...

La festa del Natale, che ancor oggi riunisce festosamente le famiglie, comporta  per chi è solo, una maggiore sofferenza, perché in tale occasione la solitudine è più sentita, divenendo non solo del tutto inaccettabile e schiacciante, ma così insopportabile da convincere, chi la prova, dell’inutilità della propria vita, sino al rifiuto di se stessi.

Essa si aggrava ulteriormente se la causa della solitudine, poi, non è dipesa da una scelta di sopravvivenza, ma è frutto di abbandono da parte dei parenti, perché legata  a ricordi, se non felici, quanto meno di vicinanza e di solidarietà, per cui non trovare più ascolto, affetto, comprensione, uccide l’anima più della morte.

La solitudine è, dunque, una forma di povertà, forse la più terribile e traspare apertamente, tanto che la si legge anche passando per strada, negli occhi dell’extra comunitario che ci chiede una moneta, nel barbone che si trascina col suo pacco di stracci, nel vecchio traballante che regge una misera busta con una singola porzione di cibo acquistata, ma anche nel ricco, rimasto solo per superbia o egoismo tristemente fermo in un auto di lusso o dietro i vetri di una sontuosa casa, ad attendere chi non verrà.

Guardando, invece, la mangiatoia del presepio, su cui è poggiato il bambino Gesù,  ci accorgiamo come la capanna sia circondata dai pastori ed in essa non esista solitudine, ma solidarietà, amore, comprensione, disponibilità e se non siamo ottusi, ne comprendiamo il primo grande messaggio che il Figlio di Dio apporta all’umanità,  scoprendo come non si debba mai dimenticare la sofferenza del prossimo se vogliamo chiamarci ancora uomini.

Auguri.

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

Mons. Giuseppe Blanda: il saluto commosso tra Roma e la Sicilia

Mons. Giuseppe Blanda (Palazzo Adriano, Palermo 5.9.1936-Roma 19.7.2022) ci ha lasciati a ottantacinque anni ma solo fisicamente con la raccomandazione di stare...

Il Rosario per la Pace nel mondo

A conclusione del mese mariano Papa Francesco desidera offrire un segno di speranza al mondo, sofferente per il conflitto in Ucraina, e...

Stop war: Preservare la cultura per scongiurare un conflitto globale.

a cura della Redazione/ La Fondazione Culturale "Paolo di Tarso", Città della Pace, patrocina in questi giorni, con...

MetaversoCOSENZA, boom di visite e interesse culturale e scientifico

Un mondo parallelo, virtuale, emozionale entra in rete dalla Biblioteca Nazionale di Cosenza. E' l'Ecosistema Digitale della Cultura "MetaversoCOSENZA" che ha saputo riunire in una sola piattaforma...
00:01:57

2021 in review with Pope Francis

Relive the high points of 2021 with Pope Francis Fonte Canale Youtube Vatican News