La vita non si risolve con le chiacchiere che non portano armonia

Must read

00:17:49

Angelus 01 agosto 2021 Papa Francesco

Da Piazza San Pietro, recita della Preghiera dell’Angelus guidata da Papa Francesco. "Usare le persone per il proprio profitto:...

Il Papa: fede matura se al centro c’è Dio e non i nostri bisogni

Perché cerchiamo il Signore? Quali sono le motivazioni della nostra fede? Sono queste le domande che Papa Francesco rivolge ai fedeli all’Angelus dopo...

Il Papa al Gemelli per un intervento chirurgico programmato

Papa Francesco nel pomeriggio di domenica 4 luglio si è recato al Policlinico Gemelli per un intervento...

Il Movimento NOI dice basta alle logiche di palazzo del partitismo italiano e si candida come forza di rinnovamento del Paese

di Fabio Gallo e Alessandro Oteri/ Alessandro Oteri è il nostro Delegato per la Città di Palermo e...

Papa Francesco

I conflitti nella Chiesa si risolvono “confrontandoci, discutendo e pregando”. Sono le parole di Papa Francesco al Regina Coeli. Il Pontefice ha poi pregato per le popolazioni colpite dalle gravi inondazioni nei Balcani ed ha ricordato che ieri in Romania è stato proclamato Beato il vescovo Anton Durcovici, martire della fede.

“Confrontandoci, discutendo e pregando: così si risolvono i conflitti nella Chiesa”. Lo ha detto Papa Francesco al Regina Coeli.

“Confrontandoci, discutendo e pregando! Con la certezza che le chiacchiere, le invidie, le gelosie non potranno mai portarci alla concordia, all’armonia o alla pace”.

Ad illuminarci, in questo cammino, il dono dello Spirito Santo, “perché sappiamo stimarci a vicenda e convergere sempre più profondamente nella fede e nella carità, tenendo il cuore aperto alla necessità dei fratelli:

“Quando noi lasciamo allo Spirito Santo la guida, Egli ci porta all’armonia, alla unità e al rispetto dei diversi doni e talenti. Avete capito bene? Niente chiacchiere, niente invidie, niente gelosie”.

D’altra parte, ha ricordato il Pontefice, “anche nella Chiesa delle origini” esistevano tensioni e dissensi, come succede pure “nelle nostre parrocchie”:

“Nella vita, i conflitti ci sono, il problema è come si affrontano”.

Quando si passò, ha spiegato il Papa, “dall’appartenenza ad un’unica etnia e cultura, quella giudaica”, all’apertura “all’ambito culturale greco”, nel cristianesimo – “che per volere di Gesù è destinato a tutti i popoli” – sorsero le prime “difficoltà”: malcontento, lamentele, voci di favoritismi nell’aiuto alle persone disagiate. Furono allora gli Apostoli a convocare una “riunione allargata anche ai discepoli”, per discuterne “insieme”, “tutti”:

“I problemi infatti non si risolvono facendo finta che non esistano! Ed è bello questo confronto schietto tra i pastori e gli altri fedeli”.

Il risultato fu una “suddivisione di compiti”. Gli Apostoli decisero di dedicarsi “alla preghiera e al ministero della Parola”, mentre sette uomini, i diaconi, “al servizio delle mense per i poveri”: questi furono scelti perché “uomini onesti e di buona reputazione, pieni di Spirito Santo e di sapienza”.

Dopo la recita del Regina Coeli, il pensiero del Papa è andato alle “gravi inondazioni” che hanno devastato ampie zone dei Balcani, soprattutto Serbia e Bosnia Erzegovina:

“Mentre affido al Signore le vittime di tale calamità, esprimo la mia personale vicinanza a quanti stanno vivendo ore di angoscia e di tribolazione”.

Quindi ha ricordato che ieri in Romania è stato proclamato Beato il vescovo Anton Durcovici, martire della fede. “Perseguitato dal regime comunista rumeno”, ha spiegato, morì in carcere di fame e sete, nel 1951.

“Insieme con i fedeli di Iaşi e di tutta la Romania, rendiamo grazie a Dio per questo esempio”.

Salutando i circa 50 mila romani e pellegrini giunti in Piazza, il Pontefice ha infine incoraggiato “le associazioni di volontariato” nella Giornata del malato oncologico ed ha pregato per i malati e le famiglie.

Trascriviamo le parole del Pontefice:

REGINA COELI

Cari fratelli e sorelle, buongiorno!

oggi la Lettura degli Atti degli Apostoli ci fa vedere che anche nella Chiesa delle origini emergono le prime tensioni e i primi dissensi. Nella vita, i conflitti ci sono, il problema è come si affrontano. Fino a quel momento l’unità della comunità cristiana era stata favorita dall’appartenenza ad un’unica etnia, e ad un’unica cultura, quella giudaica. Ma quando il cristianesimo, che per volere di Gesù è destinato a tutti i popoli, si apre all’ambito culturale greco, viene a mancare questa omogeneità e sorgono le prime difficoltà. In quel momento serpeggia il malcontento, ci sono lamentele, corrono voci di favoritismi e disparità di trattamento. Questo succede anche nelle nostre parrocchie! L’aiuto della comunità alle persone disagiate – vedove, orfani e poveri in genere -, sembra privilegiare i cristiani di estrazione ebraica rispetto agli altri.

Allora, davanti a questo conflitto, gli Apostoli prendono in mano la situazione: convocano una riunione allargata anche ai discepoli, discutono insieme la questione. Tutti. I problemi infatti non si risolvono facendo finta che non esistano! Ed è bello questo confronto schietto tra i pastori e gli altri fedeli. Si arriva dunque ad una suddivisione dei compiti. Gli Apostoli fanno una proposta che viene accolta da tutti: loro si dedicheranno alla preghiera e al ministero della Parola, mentre sette uomini, i diaconi, provvederanno al servizio delle mense per i poveri. Questi sette non vengono scelti perché esperti in affari, ma in quanto uomini onesti e di buona reputazione, pieni di Spirito Santo e di sapienza; e sono costituiti nel loro servizio mediante l’imposizione delle mani da parte degli Apostoli. E così da quel malcontento, da quella lamentela, da quelle voci di favoritismo e disparità di trattamento, si arriva ad una soluzione. Confrontandoci, discutendo e pregando, così si risolvono i conflitti nella Chiesa. Confrontandoci, discutendo e pregando. Con la certezza che le chiacchiere, le invidie, le gelosie non potranno mai portarci alla concordia, all’armonia o alla pace. Anche lì è stato lo Spirito Santo a coronare questa intesa e questo ci fa capire che quando noi lasciamo allo Spirito Santo la guida, Egli ci porta all’armonia, alla unità e al rispetto dei diversi doni e talenti. Avete capito bene? Niente chiacchiere, niente invidie, niente gelosie! Capito?

La Vergine Maria ci aiuti ad essere docili allo Spirito Santo, perché sappiamo stimarci a vicenda e convergere sempre più profondamente nella fede e nella carità, tenendo il cuore aperto alle necessità dei fratelli.

Fonte, Radio Vaticana, www.news.va e www.zenit.org.

 

 

 

 

 

 

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

00:17:49

Angelus 01 agosto 2021 Papa Francesco

Da Piazza San Pietro, recita della Preghiera dell’Angelus guidata da Papa Francesco. "Usare le persone per il proprio profitto:...

Il Papa: fede matura se al centro c’è Dio e non i nostri bisogni

Perché cerchiamo il Signore? Quali sono le motivazioni della nostra fede? Sono queste le domande che Papa Francesco rivolge ai fedeli all’Angelus dopo...

Il Papa al Gemelli per un intervento chirurgico programmato

Papa Francesco nel pomeriggio di domenica 4 luglio si è recato al Policlinico Gemelli per un intervento...

Il Movimento NOI dice basta alle logiche di palazzo del partitismo italiano e si candida come forza di rinnovamento del Paese

di Fabio Gallo e Alessandro Oteri/ Alessandro Oteri è il nostro Delegato per la Città di Palermo e...

Movimento NOI, in Sicilia la Politica con la “P” maiuscola auspicata da Papa Francesco.

Il Movimento sturziano NOI cresce e si radica in Sicilia. Ad annunciarlo è il portavoce nazionale Fabio...