Papa Francesco: liberatevi dalla “Sindrome di Giona”. No a santità da “tintoria”

Must read

Attesa la cerimonia del Premio Maison des Artistes. La Fondazione “Paolo di Tarso” tra i premiati per il Bene Comune

Venerdì 18 novembre 2022, dalle ore 17.30 alle 20.00, presso l’Aula Magna dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, avrà luogo la...

Apertura straordinaria del Teatro di Villa Torlonia a Roma

Sabato 24 Settembre 2022, alle ore 17.30, presso il Teatro Villa Torlonia, in via Via Lazzaro Spallanzani 1/A, a Roma, in occasione...

Michelangelo Pistoletto approda a Rende (Cs) grazie a Roberto Bilotti

A Rende (Cs) davanti al Comune giunge il "Terzo Paradiso", più che un'opera un simbolo, una icona che ha viaggiato per il...

Mons. Giuseppe Blanda: il saluto commosso tra Roma e la Sicilia

Mons. Giuseppe Blanda (Palazzo Adriano, Palermo 5.9.1936-Roma 19.7.2022) ci ha lasciati a ottantacinque anni ma solo fisicamente con la raccomandazione di stare...

papa-francesco-vaticano-ilvaticanese-sindrome di giona
Papa Francesco: liberatevi da “Sindrome di Giona” – No a santità da “tintoria”

Citta’ del Vaticano/

Non basta una ”religiosita’ perfetta” o una ”santita’ di ‘tintoria”’ per salvarsi. I cristiani devono liberarsi dalla ‘sindrome di Giona’. Lo ha detto papa Francesco nell’omelia, pubblicata da Radio Vaticana, della messa celebrata stamane a Santa Marta. ”La ‘sindrome di Giona’ – ha spiegato il papa – non ha lo zelo per la conversione della gente, cerca una santita’, mi permetto la parola, una santita’ di ‘tintoria’, tutta bella, tutta benfatta, ma senza quello zelo di andare a predicare il Signore. Ma il Signore di fronte a questa generazione ammalata dalla ‘sindrome di Giona’ promette il segno di Giona. L’altra versione, quella di Matteo, dice: Giona e’ stato dentro la balena tre notti e tre giorni, riferimento a Gesu’ nel sepolcro, alla sua morte e alla sua Risurrezione, e quello e’ il segno che Gesu’ promette, contro l’ipocrisia, contro questo atteggiamento di religiosita’ perfetta, contro questo atteggiamento di un gruppo di farisei”. C’e’, ha ammonito papa Francesco, la ”sindrome di Giona”. Il Signore gli chiede di andare a Ninive e lui fugge in Spagna. Giona, ha detto, ”aveva le cose chiare: la dottrina e’ questa”, ”si deve fare questo” e i peccatori ”si arrangino, io me ne vado”. Quelli che ”vivono secondo questa sindrome di Giona”, ha aggiunto il pontefice, Gesu’ ”li chiama ipocriti, perche’ non vogliono la salvezza” della ”povera gente”, degli ”ignoranti” e ”peccatori”. ”Ecco, la ‘sindrome di Giona’ – ha proseguito il pontefice – ci porta alla ipocrisia, a quella sufficienza, ad essere cristiani puliti, perfetti, ‘perche’ noi facciamo queste opere: compiamo i comandamenti, tutto’. E’ una grossa malattia. E il segno di Giona, che la misericordia di Dio in Gesu’ Cristo, morto e risorto per noi, per la nostra salvezza. Sono due parole nella prima lettura che si collegano con questo. Paolo dice di se stesso che e’ apostolo non perche’ ha studiato questo, no: apostolo per chiamata. E ai cristiani dice: ‘Siete voi chiamati da Gesu’ Cristo’. Il segno di Giona ci chiama: seguire il Signore, peccatori, siamo tutti, con umilta’, con mitezza. C’e’ una chiamata, anche una scelta”

Fotografia: Osservatore Romano

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

Attesa la cerimonia del Premio Maison des Artistes. La Fondazione “Paolo di Tarso” tra i premiati per il Bene Comune

Venerdì 18 novembre 2022, dalle ore 17.30 alle 20.00, presso l’Aula Magna dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, avrà luogo la...

Apertura straordinaria del Teatro di Villa Torlonia a Roma

Sabato 24 Settembre 2022, alle ore 17.30, presso il Teatro Villa Torlonia, in via Via Lazzaro Spallanzani 1/A, a Roma, in occasione...

Michelangelo Pistoletto approda a Rende (Cs) grazie a Roberto Bilotti

A Rende (Cs) davanti al Comune giunge il "Terzo Paradiso", più che un'opera un simbolo, una icona che ha viaggiato per il...

Mons. Giuseppe Blanda: il saluto commosso tra Roma e la Sicilia

Mons. Giuseppe Blanda (Palazzo Adriano, Palermo 5.9.1936-Roma 19.7.2022) ci ha lasciati a ottantacinque anni ma solo fisicamente con la raccomandazione di stare...

Il Rosario per la Pace nel mondo

A conclusione del mese mariano Papa Francesco desidera offrire un segno di speranza al mondo, sofferente per il conflitto in Ucraina, e...