Dieta Mediterranea ed Ecumenismo: le religioni entrano in cucina

Must read

00:01:57

2021 in review with Pope Francis

Relive the high points of 2021 with Pope Francis Fonte Canale Youtube Vatican News

Il 2021 di Francesco tra viaggi, riforme e le sfide di Covid e salute

Salvatore Cernuzio – Città del Vaticano Tre viaggi apostolici internazionali, dalle rovine dell’Iraq alle periferie della Slovacchia fino al...

Iss, sale occupazione terapie intensive Lombardia, Lazio, Piemonte e Sicilia gialle da lunedì

In aumento il tasso di occupazione in terapia intensiva: è al 12,9% (secondo la rilevazione giornaliera Ministero della Salute al 30 dicembre)...

Presto in rete il grande progetto digitale dell’ORDO MINIMORUM Mondo grazie a CARICAL.

a cura di Viviana Normando/ Presto in rete un nuovo grande progetto digitale, un omaggio al Santo Patrono della Calabria ed una grande opportunità per...

Dieta Mediterranea ed Ecumenismo

Venerdì “di magro”, cioè astinenza dalla carne, e digiuno (il mercoledì delle Ceneri e il venerdì Santo): atto di fede o tradizione imparata da bambini, sono le rare prescrizioni alimentari del cristianesimo. Forse ci sembrano un po’ rigide per la nostra epoca del fast-food, magari perché ci venivano imposte quando eravamo piccole e non riuscivamo a capirle. Eppure il cristianesimo è una religione che a tavola è tutt’altro che severa.

A differenza di altri fedeli, i cristiani non hanno nessuna difficoltà ad accettare i piatti di culture diverse e possono farlo senza commettere peccato. E le rotondità dei ministri di culto, frati e preti, sono proverbiali e letterarie: come si fa a immaginare magro il don Abbondio dei Promessi Sposi? Libertà e fantasia in cucina ci hanno anche permesso di inventare numerosi piatti legati alle feste natalizie e pasquali, dal panettone milanese alla pastiera napoletana, o dedicati a protettori e patroni, come le chiacchiere per sant’Antonio.

Nessuna religione al mondo trascura l’aspetto gastronomico: la fede dovrebbe manifestarsi in ogni aspetto della vita, ed eccola perciò entrare anche in cucina. La tavola contribuisce a mantenere viva la cultura di un popolo e la religione, a sua volta, orienta le scelte alimentari quotidiane dei fedeli. In questo il cristianesimo è un’eccezione: solo il cristiano può mangiare indifferentemente sushi giapponese e carne di maiale, sperimentare cucina messicana e orientale, senza alcun tabù. Le altre religioni hanno codici alimentari molto più articolati. Non per forza punitivi: spesso le prescrizioni riguardano la celebrazione delle feste, con particolari alimenti dal valore simbolico. Altre volte, invece, proprio il rigore delle norme ha stimolato la creatività ai fornelli: basti pensare alla severità ebraica che obbliga al cibo kasher ma che ha portato all’invenzione del goloso – e gioioso – fois-gras.

Ma perche gli ebrei hanno una normativa alimentare così dettagliata? Perché i musulmani non mangiano proprio la carne di maiale? Perché i buddhisti sono vegetariani? Lo scopriamo con l’aiuto di due libri: A tavola con le religioni, di Massimo Salani (EDB) e Religione come cibo e cibo come religione, a cura di Oscar Marchisio (Franco Angeli). Per conoscersi, non c’è niente di meglio che sedersi a tavola insieme: rispondere a queste domande è un bel modo per avvicinarsi agli altri. E per stare meglio nella società multirazziale nella quale viviamo oggi.

Per approfondire clicca qui: http://www.truncellito.com/2005/religioni-cucina – a cura di Mariateresa Truncellito

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

00:01:57

2021 in review with Pope Francis

Relive the high points of 2021 with Pope Francis Fonte Canale Youtube Vatican News

Il 2021 di Francesco tra viaggi, riforme e le sfide di Covid e salute

Salvatore Cernuzio – Città del Vaticano Tre viaggi apostolici internazionali, dalle rovine dell’Iraq alle periferie della Slovacchia fino al...

Iss, sale occupazione terapie intensive Lombardia, Lazio, Piemonte e Sicilia gialle da lunedì

In aumento il tasso di occupazione in terapia intensiva: è al 12,9% (secondo la rilevazione giornaliera Ministero della Salute al 30 dicembre)...

Presto in rete il grande progetto digitale dell’ORDO MINIMORUM Mondo grazie a CARICAL.

a cura di Viviana Normando/ Presto in rete un nuovo grande progetto digitale, un omaggio al Santo Patrono della Calabria ed una grande opportunità per...

Etiopia, tragedia dimenticata. Il vescovo del Tigrai: fermate guerra e genocidio. Video

Paolo Lambruschi Avvenire Desolazione e distruzione, fame e spada, chi ti consolerà? Cita il profeta Isaia (51:19) il vescovo dell’eparchia cattolica di...