Giovanni Paolo II e Giovanni XXIII: proclamati santi 4 anni fa

Must read

Etiopia, tragedia dimenticata. Il vescovo del Tigrai: fermate guerra e genocidio. Video

Paolo Lambruschi Avvenire Desolazione e distruzione, fame e spada, chi ti consolerà? Cita il profeta Isaia (51:19) il vescovo dell’eparchia cattolica di...

Don Marco Pagniello è il nuovo direttore di Caritas Italiana

Vatican News “Ringrazio il Consiglio permanente della Cei per la fiducia mostrata nei miei confronti”. Così il nuovo direttore...

“Verso un noi sempre più grande”: porte aperte alla speranza.

Guardare negli occhi dei migranti e scorgere la loro voglia di ricominciare. Papa Francesco lo aveva chiesto ai tanti fedeli che erano...

Francesco: sogno un mondo geloso del Creato e vicino ai fragili

“Quando si sogna da soli, è solo un sogno; ma quando si sogna con gli altri, è l’inizio di una nuova realtà”:...

canonizzazione santa sede papa francesco
Papa Francesco il 27 aprile 2014 canonizzò Giovanni Paolo II, “il Papa della famiglia”, e Giovanni XXIII, “il Papa della docilità allo Spirito Santo”.

E’ il 27 aprile 2014 quando Francesco celebra la messa di canonizzazione di Giovanni Paolo IIGiovanni XXIII, i Pontefici amati dalla Chiesa e dal popolo di Dio. Nella domenica della Divina Misericordia, istituita da Papa Wojtyla, alla messa in Piazza San Pietro partecipa anche il Papa emerito Benedetto XVI. Sulla facciata della Basilica sono apposti i drappi con le immagini dei due santi Pontefici, “sacerdoti, vescovi e Papi del XX secolo”. Il miracolo riconosciuto a Giovanni Paolo II è la guarigione da una grave lesione cerebrale di una donna, Floribhet Mora, avvenuta il primo maggio 2011, giorno della sua beatificazione. Per Giovanni XXII è una canonizzazione “Pro gratia”, senza un miracolo attestato.

Coraggiosi nel toccare le piaghe di Cristo

Papa Francesco, nell’omelia della Messa, ricorda che entrambi “hanno avuto il coraggio di guardare le ferite di Gesù, di toccare le sue mani piagate e il suo costato trafitto”, riconoscendolo nella carne del fratello. “Sono stati – spiega – due uomini coraggiosi, pieni della parresia dello Spirito Santo, e hanno dato testimonianza alla Chiesa e al mondo della bontà di Dio, della sua misericordia”.

Il Papa della docilità dello Spirito e il Papa della famiglia

“Nella convocazione del Concilio – afferma Papa Francesco – san Giovanni XXIII ha dimostrato una delicata docilità allo Spirito Santo, si è lasciato condurre ed è stato per la Chiesa un pastore, una guida-guidata, guidata dallo Spirito. A me piace pensarlo come il Papa della docilità allo Spirito Santo”. “In questo servizio al Popolo di Dio, san Giovanni Paolo II – aggiunge – è stato il Papa della famiglia”.

Fonte News.va Benedetta Capelli – Città del Vaticano

- Advertisement -

More articles

- Advertisement -

Latest article

Etiopia, tragedia dimenticata. Il vescovo del Tigrai: fermate guerra e genocidio. Video

Paolo Lambruschi Avvenire Desolazione e distruzione, fame e spada, chi ti consolerà? Cita il profeta Isaia (51:19) il vescovo dell’eparchia cattolica di...

Don Marco Pagniello è il nuovo direttore di Caritas Italiana

Vatican News “Ringrazio il Consiglio permanente della Cei per la fiducia mostrata nei miei confronti”. Così il nuovo direttore...

“Verso un noi sempre più grande”: porte aperte alla speranza.

Guardare negli occhi dei migranti e scorgere la loro voglia di ricominciare. Papa Francesco lo aveva chiesto ai tanti fedeli che erano...

Francesco: sogno un mondo geloso del Creato e vicino ai fragili

“Quando si sogna da soli, è solo un sogno; ma quando si sogna con gli altri, è l’inizio di una nuova realtà”:...

Le mura vaticane si aprono a “Connessioni”, il Centro di Alta Competenza di Cosenza

Redazione IlVATICANESE.IT/ Sarà il Centro di Alta Competenza CONNESSIONI di Cosenza a digitalizzare la nuova cappella del Pontificio Seminario Romano Maggiore. “Connessioni” è la struttura tecnologicamente avanzata...