“Come San Francesco per vivere in povertà e letizia”

Must read

00:17:49

Angelus 01 agosto 2021 Papa Francesco

Da Piazza San Pietro, recita della Preghiera dell’Angelus guidata da Papa Francesco. "Usare le persone per il proprio profitto:...

Il Papa: fede matura se al centro c’è Dio e non i nostri bisogni

Perché cerchiamo il Signore? Quali sono le motivazioni della nostra fede? Sono queste le domande che Papa Francesco rivolge ai fedeli all’Angelus dopo...

Il Papa al Gemelli per un intervento chirurgico programmato

Papa Francesco nel pomeriggio di domenica 4 luglio si è recato al Policlinico Gemelli per un intervento...

Il Movimento NOI dice basta alle logiche di palazzo del partitismo italiano e si candida come forza di rinnovamento del Paese

di Fabio Gallo e Alessandro Oteri/ Alessandro Oteri è il nostro Delegato per la Città di Palermo e...

papa-francesco-san-francesco-di-assisi
Papa Francesco, con un tweet dal suo account @Pontifex, ricorda uno dei santi più amati che la Chiesa celebra oggi: San Francesco di Assisi Patrono d’Italia

“Come San Francesco d’Assisi, lasciamoci trasformare dall’amore di Cristo, per vivere in povertà e letizia”. Con questo tweet dal suo account @Pontifex, il Papa ricorda uno dei santi più amati che la Chiesa celebra oggi.

Canonizzato a soli due anni dalla morte da Papa Gregorio IX e proclamato – insieme a Santa Caterina da Siena – patrono d’Italia da Pio XII nel 1939, San Francesco fu, per usare le parole dello storico Franco Cardini, “l’imitazione del Cristo povero e nudo sulla croce. Perciò egli respinse ogni forma di potenza e di potere: e la povertà fu il segno di tale rifiuto”.

E’ stato, e lo è ancora, una delle figure di maggiore ispirazione su cui credenti e non, studiosi e artisti continuano a confrontarsi. Poeta, grande comunicatore, fondatore dell’ordine religioso dei Frati Minori, prese alla lettera il passo del Vangelo di Matteo (cap.X): “Non vi procurate oro argento o denaro per le vostre tasche, non una borsa da viaggio, né due tuniche, né calzature e neppure un bastone; poiché l’operaio ha diritto al suo sostentamento!“.

Completamente affidato a Dio, attraversò il suo tempo cogliendone le sfide. Da qui, il coraggio e l’ardore che lo spinse in Egitto al cospetto del sultano al-Malik al-Kamil per trovare una via di pace allo scontro feroce tra crociati e musulmani. Nel 2019 saranno trascorsi 8 secoli da quell’ incontro che i frati francescani in Egitto hanno iniziato a celebrare ieri con un anno d’anticipo.

Numerose in tutta Italia le realtà che con eventi e ricche programmazioni vogliono ricordare questo santo che nella carne portava i segni della sofferenza di Cristo. Ad Assisi, nella Basilica Superiore, quest’anno è stata la Liguria a donare l’olio per alimentare la lampada votiva sulla tomba del Poverello. Tra le varie delegazioni accolte e le autorità religiose e civili ospiti, il cardinale Bagnasco e il premier Gentiloni.

Fonte News.va a cura di Emanuela Campanile

- Advertisement -

More articles

- Advertisement -

Latest article

00:17:49

Angelus 01 agosto 2021 Papa Francesco

Da Piazza San Pietro, recita della Preghiera dell’Angelus guidata da Papa Francesco. "Usare le persone per il proprio profitto:...

Il Papa: fede matura se al centro c’è Dio e non i nostri bisogni

Perché cerchiamo il Signore? Quali sono le motivazioni della nostra fede? Sono queste le domande che Papa Francesco rivolge ai fedeli all’Angelus dopo...

Il Papa al Gemelli per un intervento chirurgico programmato

Papa Francesco nel pomeriggio di domenica 4 luglio si è recato al Policlinico Gemelli per un intervento...

Il Movimento NOI dice basta alle logiche di palazzo del partitismo italiano e si candida come forza di rinnovamento del Paese

di Fabio Gallo e Alessandro Oteri/ Alessandro Oteri è il nostro Delegato per la Città di Palermo e...

Movimento NOI, in Sicilia la Politica con la “P” maiuscola auspicata da Papa Francesco.

Il Movimento sturziano NOI cresce e si radica in Sicilia. Ad annunciarlo è il portavoce nazionale Fabio...