Eleonora Cafiero

“Come San Francesco per vivere in povertà e letizia”

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
papa-francesco-san-francesco-di-assisi

Papa Francesco, con un tweet dal suo account @Pontifex, ricorda uno dei santi più amati che la Chiesa celebra oggi: San Francesco di Assisi Patrono d’Italia

“Come San Francesco d’Assisi, lasciamoci trasformare dall’amore di Cristo, per vivere in povertà e letizia”. Con questo tweet dal suo account @Pontifex, il Papa ricorda uno dei santi più amati che la Chiesa celebra oggi.

Canonizzato a soli due anni dalla morte da Papa Gregorio IX e proclamato - insieme a Santa Caterina da Siena - patrono d’Italia da Pio XII nel 1939, San Francesco fu, per usare le parole dello storico Franco Cardini, “l’imitazione del Cristo povero e nudo sulla croce. Perciò egli respinse ogni forma di potenza e di potere: e la povertà fu il segno di tale rifiuto”.

E’ stato, e lo è ancora, una delle figure di maggiore ispirazione su cui credenti e non, studiosi e artisti continuano a confrontarsi. Poeta, grande comunicatore, fondatore dell’ordine religioso dei Frati Minori, prese alla lettera il passo del Vangelo di Matteo (cap.X): “Non vi procurate oro argento o denaro per le vostre tasche, non una borsa da viaggio, né due tuniche, né calzature e neppure un bastone; poiché l’operaio ha diritto al suo sostentamento!“.

Completamente affidato a Dio, attraversò il suo tempo cogliendone le sfide. Da qui, il coraggio e l’ardore che lo spinse in Egitto al cospetto del sultano al-Malik al-Kamil per trovare una via di pace allo scontro feroce tra crociati e musulmani. Nel 2019 saranno trascorsi 8 secoli da quell’ incontro che i frati francescani in Egitto hanno iniziato a celebrare ieri con un anno d’anticipo.

Numerose in tutta Italia le realtà che con eventi e ricche programmazioni vogliono ricordare questo santo che nella carne portava i segni della sofferenza di Cristo. Ad Assisi, nella Basilica Superiore, quest’anno è stata la Liguria a donare l’olio per alimentare la lampada votiva sulla tomba del Poverello. Tra le varie delegazioni accolte e le autorità religiose e civili ospiti, il cardinale Bagnasco e il premier Gentiloni.

Fonte News.va a cura di Emanuela Campanile