Papa Francesco all’Angelus: rimuovere cause lavoro minorile, schiavitù di oggi

Must read

2021: l’Italia che Rinasce vince in Bellezza. Da Treviso a Cosenza punti di eccellenza

a cura di Marco Zabotti/ A Parma si apre l’anno della Capitale italiana della Cultura 2021, dopo...

Papa Francesco: Dio ci ama nelle nostre fragilità, apriamogli la porta di casa

a cura della Redazione/ E' un messaggio di amore infinito verso l'umanità quello...

Celebrazione della 54° Giornata Mondiale della Pace

a cura della Redazione/ 1. Alle soglie del nuovo anno, desidero porgere i...

Beni Culturali, Cosenza: nasce il Centro di Alta Competenza CONNESSIONI

a cura della Redazione/ Giovedì 17 dicembre 2020, la Biblioteca Nazionale di Cosenza e la Fondazione...

papa-francescoI partecipanti al Giubileo degli ammalati e delle persone disabili sono stati ricordati da Papa Francesco all’Angelus. Il pensiero del Pontefice è andato anche alle vittime di sfruttamento per lavoro minorile, a quanti vivono “ai margini” della città di Roma e a chi è colpito dalla lebbra. Quindi Francesco ha reso grazie a Dio per i due nuovi Beati della Chiesa.

Rimuoviamo cause schiavitù moderne
Vicinanza e prossimità agli ultimi. All’Angelus in Piazza San Pietro Papa Francesco ha sottolineato ancora una volta le priorità del mondo di oggi. Soprattutto nell’odierna Giornata mondiale contro il lavoro minorile:

“Rinnoviamo tutti uniti lo sforzo per rimuovere le cause di questa schiavitù moderna, che priva milioni di bambini di alcuni diritti fondamentali e li espone a gravi pericoli. Oggi ci sono nel mondo tanti bambini schiavi”!

Il pensiero per malati, disabili, quanti vivono “ai margini” e l’impegno contro la lebbra
Il pensiero del Pontefice è andato quindi al Giubileo degli ammalati e delle persone disabili, ringraziando i partecipanti per aver voluto essere presenti alle celebrazioni nella loro “condizione di malattia o disabilità”. Ha espresso pure un riconoscimento “sentito” ai medici e agli operatori sanitari che, nei “Punti della salute” allestiti presso le quattro Basiliche Papali, stanno offrendo visite specialistiche a centinaia di persone che vivono “ai margini” della città di Roma. Ha poi esortato ad un “fruttuoso impegno” nella lotta contro la lebbra, salutando e ringraziando organizzatori e quanti in città hanno preso parte al recente Convegno internazionale dedicato alla cura delle persone affette dal morbo di Hansen.

Gioia per nuovi Beati, vicini ai “più deboli”
Francesco ha inoltre ricordato i due nuovi Beati della Chiesa. Il sacerdote Giacomo Abbondo, “vissuto – ha spiegato – nel Settecento, innamorato di Dio, colto, sempre disponibile per i suoi parrocchiani”, beatificato ieri a Vercelli: “ci uniamo – ha detto – alla gioia e al rendimento di grazie della diocesi”. E a Monreale oggi viene beatificata, ha aggiunto, suor Carolina Santocanale, fondatrice delle Suore Cappuccine dell’Immacolata di Lourdes, che “si fece povera tra i poveri” abbandonando le comodità di una vita agiata:

“Da Cristo, specialmente nell’Eucaristia, attinse la forza per la sua maternità spirituale e la sua tenerezza con i più deboli”.

Fonte News.va a cura di Giada Aquilino

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

2021: l’Italia che Rinasce vince in Bellezza. Da Treviso a Cosenza punti di eccellenza

a cura di Marco Zabotti/ A Parma si apre l’anno della Capitale italiana della Cultura 2021, dopo...

Papa Francesco: Dio ci ama nelle nostre fragilità, apriamogli la porta di casa

a cura della Redazione/ E' un messaggio di amore infinito verso l'umanità quello...

Celebrazione della 54° Giornata Mondiale della Pace

a cura della Redazione/ 1. Alle soglie del nuovo anno, desidero porgere i...

Beni Culturali, Cosenza: nasce il Centro di Alta Competenza CONNESSIONI

a cura della Redazione/ Giovedì 17 dicembre 2020, la Biblioteca Nazionale di Cosenza e la Fondazione...

Papa Francesco: messa per anniversario Lampedusa, “la cultura del benessere ci rende insensibili alle grida degli altri”

“La cultura del benessere, che ci porta a pensare a noi stessi, ci rende insensibili alle grida degli altri, ci fa vivere bolle di...