Il messaggio del Papa ai giovani “Sporcatevi le mani, non siate mummie nel museo”

Must read

2021: l’Italia che Rinasce vince in Bellezza. Da Treviso a Cosenza punti di eccellenza

a cura di Marco Zabotti/ A Parma si apre l’anno della Capitale italiana della Cultura 2021, dopo...

Papa Francesco: Dio ci ama nelle nostre fragilità, apriamogli la porta di casa

a cura della Redazione/ E' un messaggio di amore infinito verso l'umanità quello...

Celebrazione della 54° Giornata Mondiale della Pace

a cura della Redazione/ 1. Alle soglie del nuovo anno, desidero porgere i...

Beni Culturali, Cosenza: nasce il Centro di Alta Competenza CONNESSIONI

a cura della Redazione/ Giovedì 17 dicembre 2020, la Biblioteca Nazionale di Cosenza e la Fondazione...

papa-e-giovani“Sporcarsi le mani”, “rischiare”, “accogliere”. Il Papa chiede ai giovani di non stare fermi, di non accontentarsi di “una vita parcheggiata”, di non essere come “le mummie del museo”, anche a costo di sbagliare. E poi ha parlato del martirio cristiano che non è solo quello della morte ma anche quello “silenzioso” della vita quotidiana. Per esempio “il martirio dell’onestà in questo mondo che si può chiamare il paradiso delle tangenti. Manca il coraggio di buttare in faccia i soldi sporchi”.

Pomeriggio intenso per Papa Francesco che ha visitato a Roma la Comunità di Villa Nazareth, una struttura che in settanta anni ha aiutato tanti giovani, orfani o provenienti da famiglie numerose, a curare la propria formazione. Ad accogliere il pontefice il cardinale Achille Silvestrini, che presiede la Fondazione Comunità Domenico Tardini, e mons. Claudio Maria Celli, il vicepresidente. In mattinata Francesco aveva invece presieduto l’udienza giubilare con 30mila pellegrini e nella quale aveva parlato della conversione, che diventa “autentica” solo quando si comincia ad avere attenzione per gli altri.
Oltre due ore invece con la Comunità sulla Pineta Sacchetti di Roma. Il Papa ha affrontato una serie di temi, dalla necessità dell’accoglienza (a partire dai migranti “che fuggono dalla fame e dalle guerre”) alla cultura del provvisorio, dall’economia che ha messo al centro il dio denaro e uccide al capovolgimento di valori, dalle chiacchiere alla necessità di essere veri testimoni cristiani. Comincia con la parabola del Buon Samaritano e sottolinea: “Il Signore ci liberi dai preti che hanno fretta”, facendo riferimento al sacerdote che nel brano del Vangelo vede una persona in difficoltà e tira dritto.

A un giovane che gli chiede del suo rapporto con la fede, confida: “Tante volte mi trovo in crisi con la fede, a volte ho avuto” l’audacia di “rimproverare Gesù e anche di dubitare. Questo sarà la verità? Ma sarà un sogno?”. E questo gli è accaduto “da ragazzo, da seminarista, da religioso, da prete, da vescovo e anche da Papa”. E ha aggiunto: “Un cristiano che non ha sentito questo alcune volte”, al quale “la fede non è entrata in crisi, gli manca qualcosa”. Parlando dei cristiani perfetti e senza dubbi ha usato un’immagine non proprio da sagrestia. “C’è chi si pavoneggia” credendo “di essere un cristiano perfetto. Il pavone è bello ma giratelo e guardatelo da dietro, anche quella è la verità del pavone”. “Tanti sono truccati da cristiani ma non sono cristiani”. Poi il Papa ha fatto un esempio di ciò che può avvenire nelle chiese: “Tu non sei sposato in chiesa e non puoi fare il padrino. Tu invece sei un truffatore, uno sfruttatore, trafficante di bambini. ‘Ma è un bravo cattolico, dà l’elemosina alla Chiesa!’. Sì, tu puoi essere padrino. Ma così noi abbiamo capovolto i valori”.

E da Leopoli, in Ucraina, dove ha portato l’abbraccio del Papa alla popolazione piegata dalla guerra, il Segretario di Stato Vaticano, il card. Pietro Parolin, dice una cosa analoga: la Chiesa può cadere nell’errore di onorare come “benefattori” ricchi che si impossessano di beni altrui e “anche le nostre Chiese possono fare sfoggio di ricchezza, in un modo così brutale e volgare da offendere profondamente le coscienze”. “Possiamo arrivare non solo a farci amici dei potenti – ha detto ancora Parolin -, ma ad ostentare noi stessi, chiamati a responsabilità nella Chiesa, ricchezze, beni di lusso, abitudini costose e morbosamente esibizioniste”.

Infine il Papa sui cristiani in difficoltà, soprattutto in Medio Oriente. “A me non piace quando si parla di genocidio dei cristiani. E’ un riduzionismo”. Per il Papa il termine giusto è “persecuzione che porta i cristiani alla fedeltà, alla coerenza nella propria fede. Non facciamo riduzionismo sociologico di quello che è invece un mistero della fede”.

Fonte Asca

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

2021: l’Italia che Rinasce vince in Bellezza. Da Treviso a Cosenza punti di eccellenza

a cura di Marco Zabotti/ A Parma si apre l’anno della Capitale italiana della Cultura 2021, dopo...

Papa Francesco: Dio ci ama nelle nostre fragilità, apriamogli la porta di casa

a cura della Redazione/ E' un messaggio di amore infinito verso l'umanità quello...

Celebrazione della 54° Giornata Mondiale della Pace

a cura della Redazione/ 1. Alle soglie del nuovo anno, desidero porgere i...

Beni Culturali, Cosenza: nasce il Centro di Alta Competenza CONNESSIONI

a cura della Redazione/ Giovedì 17 dicembre 2020, la Biblioteca Nazionale di Cosenza e la Fondazione...

Papa Francesco: messa per anniversario Lampedusa, “la cultura del benessere ci rende insensibili alle grida degli altri”

“La cultura del benessere, che ci porta a pensare a noi stessi, ci rende insensibili alle grida degli altri, ci fa vivere bolle di...