Giovedì Santo

Must read

Etiopia, tragedia dimenticata. Il vescovo del Tigrai: fermate guerra e genocidio. Video

Paolo Lambruschi Avvenire Desolazione e distruzione, fame e spada, chi ti consolerà? Cita il profeta Isaia (51:19) il vescovo dell’eparchia cattolica di...

Don Marco Pagniello è il nuovo direttore di Caritas Italiana

Vatican News “Ringrazio il Consiglio permanente della Cei per la fiducia mostrata nei miei confronti”. Così il nuovo direttore...

“Verso un noi sempre più grande”: porte aperte alla speranza.

Guardare negli occhi dei migranti e scorgere la loro voglia di ricominciare. Papa Francesco lo aveva chiesto ai tanti fedeli che erano...

Francesco: sogno un mondo geloso del Creato e vicino ai fragili

“Quando si sogna da soli, è solo un sogno; ma quando si sogna con gli altri, è l’inizio di una nuova realtà”:...

a cura di S.E. l’Arcivescovo Mons. Giuseppe Mani/

Oggi Gesù ha inventato l’Eucarestia. Ne aveva parlato altre volte ma nessuno pensava che si trattasse di questo “io sono il pane vivo disceso dal cielo”. Era chiaro che volesse dire di essere importante come il pane ma non che diventasse pane per farsi mangiare. Proprio quello che è avvenuto.
Il pane è diventato Gesù e Gesù è diventato pane. In questo modo ha raggiunto due scopi: è rimasto con noi personalmente “questo è il mio corpo” e si è messo in condizione di farsi mangiare, la maniera più forte per identificarsi con noi. Soltanto nella mamma che allatta il bambino si ha qualcosa di simile.
Gesù è presente personalmente nell’Eucarestia. Lo stesso Gesù in tutte le fasi della sua vita mortale che si sono eterizzati nella sua glorificazione, quindi nell’Eucarestia c’è Gesù bambino, Gesù che predica, Gesù sofferente, Gesù morto in Croce, Gesù risorto e che siede alla destra del Padre. Questa è la ragione per cui in tutte le feste si celebra l’Eucarestia. E’ decisamente il dono più grande che Dio ha fatto all’umanità: rimanere sempre con noi. “Avete l’Eucarestia, avete tutto”.
Oggi è anche il giorno dell’Istituzione del Sacerdozio e della consegna del comandamento dell’amore. Stasera in tutte le chiese del mondo si fa “in sua memoria” l’ultima cena, anticipo di quanto avverrà domani sul Calvario.

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

Etiopia, tragedia dimenticata. Il vescovo del Tigrai: fermate guerra e genocidio. Video

Paolo Lambruschi Avvenire Desolazione e distruzione, fame e spada, chi ti consolerà? Cita il profeta Isaia (51:19) il vescovo dell’eparchia cattolica di...

Don Marco Pagniello è il nuovo direttore di Caritas Italiana

Vatican News “Ringrazio il Consiglio permanente della Cei per la fiducia mostrata nei miei confronti”. Così il nuovo direttore...

“Verso un noi sempre più grande”: porte aperte alla speranza.

Guardare negli occhi dei migranti e scorgere la loro voglia di ricominciare. Papa Francesco lo aveva chiesto ai tanti fedeli che erano...

Francesco: sogno un mondo geloso del Creato e vicino ai fragili

“Quando si sogna da soli, è solo un sogno; ma quando si sogna con gli altri, è l’inizio di una nuova realtà”:...

Le mura vaticane si aprono a “Connessioni”, il Centro di Alta Competenza di Cosenza

Redazione IlVATICANESE.IT/ Sarà il Centro di Alta Competenza CONNESSIONI di Cosenza a digitalizzare la nuova cappella del Pontificio Seminario Romano Maggiore. “Connessioni” è la struttura tecnologicamente avanzata...