Redazione Il Vaticanese

Andrea Falbo a Cosenza: un meraviglioso esempio di solidarietà diventi modello e opportunità

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Andrea-Falbo - Comune di Cosenza

Il Consigliere del Comune di Cosenza Andrea Falbo

Redazione de ILVATICANESE.IT/

Calabria – Si chiama Andrea Falbo il Consigliere comunale della Città di Cosenza che ha proposto al Sindaco della Città l’attivazione del progetto “Cosenza con il Cuore”. Non è un progetto comune perché quest’attenzione del giovane consigliere comunale nasce da un episodio di solidarietà davvero esemplare verificatosi proprio nella Città di Cosenza.

Capita di vedere qualcuno che si sente male e tanta gente che tutt’intorno non sa cosa fare come intervenire, come reagire. Ma l’anziana signora cosentina, in questo caso, non ha fatto in tempo ad accasciarsi al suolo, che un Angelo custode, avendo notato la signora incerta nel suo equilibrio, si è lanciato dalla sua auto di servizio riuscendo a rendere prima morbida la caduta e immediatamente dopo salva la vita. Si tratta di un Vigile Urbano: Luca Tavernise.

Il momento del soccorso

Il momento del soccorso

Ecco – ha dichiarato a ILVATICANESE il Consigliere Andrea Falbo – sono questi gesti di una solidarietà spontanea che ci indicano la via d’uscita da una forma diffusa di egoismo che sta fagocitando la nostra società moderna. Valorizzare un gesto simile – continua il Consigliere Falbo, è dare l’esempio, dire che possiamo essere tutti eroi di una società moderna che necessita di gesti rivolti a chi ci sta vicino. In questo caso ad una signora anziana, forse una mamma o una nonna che per un malore non sarebbe rientrata a casa. Invece, un gesto di amore e altruismo, l’ha salvata e restituita ai suoi cari”.

ANDREA FALBO: COSENZA NEL CUORE
Andrea Falbo ha una proposta per il Sindaco Mario Occhiuto che riportiamo per intera nella speranza che possa realizzarsi. Sarebbe un esempio di buone pratiche non indifferente. Ma Andrea Falbo non si ferma solo alla proposta al Sindaco e rivela alla nostra Redazione che sta scrivendo alla Presidenza della Repubblica Italiana perché possa valutare il caso di insignire il Vigile Urbano di un segno di stima della società civile offerto dal Capo dello Stato. 

Andrea Falbo è tra i Consiglieri più giovani della Città di Cosenza. E’ convinto che la cultura, soprattutto quando essa entra nei quartieri, possa fare molto per stimolare valori positivi. E proprio grazie ad una iniziativa che ha saputo accogliere i lavoratori giunti da diversi luoghi d’Italia con la parola “Pace” da lui curata in collaborazione con il suo collega Consigliere Bartolomeo, che la Fondazione Culturale “Paolo di Tarso” ha insignito l’intera Città di Cosenza della “Carta della Pace – per la Tutela della Memoria, dei Diritti Umani e dell’Ambiente” (vedi www.cartadellapace.it).

LA LETTERA DI ANDREA FALBO AL SINDACO DELLA CITTA’ DI COSENZA MARIO OCCHIUTO
“Spett. Sig. Sindaco Arch. Mario Occhiuto - In qualità di Consigliere Comunale e da Cittadino rivolgo un sentito ringraziamento, ammirazione e stima all’Istruttore Luca Tavernise della Polizia Municipale, responsabile del Nucleo di Decoro Urbano, che con grande prontezza e competenza qualche giorno fa ha soccorso una nostra concittadina che improvvisamente si è accasciata a terra a causa di un malore. L’evento ha generato nello scrivente una profonda riflessione e prendendo come riferimento le “best practice” di altre città, presento alla S.V. il progetto “Cosenza con il Cuore”.

Il progetto “Cosenza con il Cuore” è finalizzato alla costruzione di una rete di sicurezza per la città di Cosenza e risponde alla necessità di offrire servizi di emergenza qualificati alla popolazione attraverso una rete di presidi e attrezzature tenendo conto che la città dei Bruzi è un punto di riferimento dell’intera area urbana. Il progetto prevede di creare, con la collocazione di una serie di defibrillatori, una vera e propria rete per la salute pubblica dei cittadini. La scelta eventuale di acquistare defibrillatori nasce dall’importanza che queste apparecchiature possono, in caso di arresto cardiaco, salvare una vita umana. Potranno così essere dotati di defibrillatore una serie di spazi pubblici selezionati quali scuole, uffici,  mercati, centri anziani, ma anche strutture commerciali, secondo un’analisi del territorio necessaria per individuare le zone più frequentate della città. Sin da subito ritengo si possano prevedere dei defibrillatori a bordo delle auto dei vigili urbani che prestano servizio in giro per la città e si trovano ad affrontare, come avvenuto nel caso appena citato, simili emergenze. All’uso dei defibrillatori saranno formati attraverso appositi corsi di formazione gli operatori della forza di polizia municipale che offriranno la loro adesione, il personale delle scuole e degli uffici pubblici oltre a operatori e volontari sanitari. Tale rete potrà trasformerà Cosenza in una città “protetta” attraverso il coinvolgimento di Associazioni, aziende e della popolazione con l’intento condiviso di porre un presidio emergenziale efficace e diffuso a garanzia di un pronto intervento nelle aree di maggiore intensità. Al fine di realizzare tale progetto è ragionevole coinvolgere l’Azienda Sanitaria e l’Azienda Ospedaliera nonché tutti i soggetti pubblici e privati che in diverso modo possono sostenere tale iniziativa. Può essere finanziato attraverso i proventi derivanti dalle multe stradali dove per legge, una percentuale di esse, devono essere reimpiegati in azioni per la sicurezza; inoltre attingendo da fonti di finanziamento sovracomunali e da sponsorizzazioni pubbliche e private. Il progetto prevede una serie di attività di formazione e informazione sul primo soccorso, iniziative tra l’altro già implementate e avviate in passato da codesta amministrazione. Il tutto anche attraverso la creazione di un sito web dove da un lato il cittadino può conoscere la rete di defibrillatori presente in città e dall’altro offrire al privato che vuole contribuire alla realizzazione della rete anche attraverso l’acquisto di un defibrillatore per la comunità la meritata visibilità. Il progetto “Cosenza con il Cuore” potrà rivelarsi fondamentale per salvare vite umane e proietterà Cosenza come città all’avanguardia capace di creare una rete efficace di pronto intervento.

Convinto che l’Amministrazione dimostrerà la consueta sensibilità e accoglierà il progetto proposto invio Cordiali Saluti. Andrea Falbo”.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>