Redazione Il Vaticanese

A San Francesco da Paola “l’arte della santità”: San Nicola Saggio di Longobardi

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Si apre nella Basilica Santuario di San Francesco da Paola una nuova mostra a cura di Mons. Pietro Amato. Questa volta, dedicata a San Nicola Saggio da Longobardi. E' qui, nell'Arte, quel raggio di luce che ci dice chi siamo per davvero.

Mostra-San-Nicola-Saggio-da-Longobardi-Santuario-San-Francesco-da-Paola-mons-Pietro-Amato

Da sx Padre Gregorio Colatorti Correttore Provinciale Frate Minimi e Mons. Pietro Amato Direttore Museo Storico Vaticano

a cura della Redazione de ILVATICANESE.IT/

Si è svolta sabato 8 agosto, la conferenza stampa di presentazione dell’ Esposizione preparata da Mons. Pietro Amato, per ricordare la solenne canonizzazione di Nicola Saggio di Longobardi, oblato professo dell’Ordine dei Minimi, svoltasi nella Basilica Patriarcale di San Pietro il 23 novembre 2014. Hanno collaborato alla mostra lo Storico dell’Arte Susana Inouye e il Maestro Restauratore Paolo Violini. Presenti i Padri Minimi e il Padre Correttore Provinciale della Basilica Santuario San Francesco da Paola, Padre Gregorio Colatorti, che ha espresso grande felicità per questo ulteriore sforzo di volontà che rimarrà a disposizione di viaggiatori e pellegrini, ma anche della popolazione autoctona, perché possano conoscere insieme a quello di San Francesco, la storia umana e di pace dell’umile frate che seguendo il suo insegnamento, è stato riconosciuto Santo. Presente il Gruppo Editoriale di Rete ComunicareITALIA della Fondazione Culturale “Paolo di Tarso”.


La Mostra si inaugurerà domani 11 Agosto presso la Sala delle Esposizioni della Basilica Santuario San Francesco da Paola, Celebrazione Eucaristica delle ore 19.00. Rimarrà aperta al pubblico fino al 22 novembre 2015, la mattina dalle ore 10:00 alle 12:30 e il pomeriggio dalle ore 17:00 alle 20:00, resterà chiusa il lunedì. Si tratta di un grande evento culturale che vedrà presente Padre Francesco Marinelli, Superiore generale dei Frati Minimi di San Francesco di Paola.

mostra-san-nicola-saggio-santuario-san-francesco-da-paolaPRESENTAZIONE DELLA MOSTRA A CURA DI MONS. PIETRO AMATO
Il repertorio d’arte riguardante san Nicola Saggio è molteplice e vario, dovuto in gran parte all’importanza assegnata alle estasi e alle visioni. Un’importanza che, di volta in volta, ha preso forma e contenuto secondo le differenti aree geografiche, nelle quali il terreno fertile di precedenti esperienze di cultura e di spiritualità si sono congiunte con il mondo emotivo delle immagini.  È il caso della Spagna, singolare per la presenza di mistici in epoca tridentina e postridentina, che non si risparmierà di creare nel Santo calabrese una figurativa tesa a illustrare una vita dedita al Signore e suggellata dalle epifanie, da mistiche conversazioni e da gesti d’amore. Domina l’immagine di san Nicola Saggio con il Bambino Gesù tra le braccia.
L’Italia preferirà mantenersi sulla scia di ciò che nel giorno della beatificazione fu proclamato e raffigurato di frà Nicola di Longobardi: un religioso che ha avuto con la Santissima Trinità un particolare contatto di rivelazioni ed estasi. L’immagine della Trinità avrà un grande ruolo ed entrerà non solo nell’iconografia romana, ma si diffonderà nelle arti delle diverse regioni d’Italia.
Altro tema è la Vergine Immacolata, che circolerà nelle rappresentazioni del Beato a motivo del programma iconografico che decorava la cappella, dedicata alla “Concezione”, in San Francesco di Paola ai Monti, dov’era sepolto. Le sue spoglie erano sotto l’altare dove si celebra il mistero eucaristico, ossia della Carne resuscitata del Crocifisso, il Primo Martire. La Santissima Trinità e l’Immacolata Concezione sono le due maggiori raffigurazioni in uso nell’Italia meridionale, un tempo Vicereame di Spagna e terra legata da secoli alla spiritualità immacolatista. Compariranno insieme, a partire da San Francesco di Paola ai Monti in Roma, fino a Grottaglie in Puglia e a Paterno Calabro, divenendo per più di un decennio il manifesto visivo della spiritualità del Beato.

Un ruolo importante e di partenza per la coniazione delle immagini di san Nicola Saggio viene dalla consuetudine interna all’Ordine di come rappresentare un loro religioso di vita santa: l’abito, dettato dalla Regola del Fondatore, e il Crocifisso, quale biblioteca del sapere sulle sofferenze del Figlio di Dio, come lo fu per san Bonaventura (si veda il dipinto di Francisco de Zurbarán), e di partecipazione al voto quaresimale. Il repertorio iconografico si arricchisce di ulteriori puntualizzazioni e differenze con la presenza di Gaspare de Bono, beatificato una settimana prima di frà Nicola, perché sacerdote professo. I due Beati, posti uno accanto all’altro, s’integrano e danno una gamma di complementarietà, che va dall’abito allo specifico della vita di ognuno. Gaspare de Bono risulta più classico per la spiritualità ordinaria della vita religiosa minima; Nicola Saggio, è naturalmente diverso per il “dono delle estasi”, che ricorda i santi della Riforma tridentina. Al pari di molti contemplativi, è egli stesso un miracolo di carità, caratteristica che non sfuggì ai contemporanei e che gli artisti non mancheranno di rappresentare.
Per la canonizzazione in Piazza San Pietro, il 23 novembre 2014, si scelse di rappresentarlo come santo dedito alla carità, in atto di distribuire il pane ai poveri. Il Ritratto richiesto dal cerimoniale fu estratto da una scena più ampia, dipinta da Piero Salustri e voluta fortemente da p. Francesco Marinelli, Correttore Generale dell’Ordine. Nel servizio agli ultimi e agli umili, l’Oblato di Longobardi si rivela un santo di moderna spiritualità.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>