Viviana Normando

Papà portami via da qui!

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Papà portami via di quiDomenica 21 giugno 2015, alle ore 18.30, presso la Libreria Fandango, in Via dei Prefetti 22, si tiene la presentazione del libro “Papà portami via da qui!”. Il volume edito da Armando Editore nel 2015 è scritto dalla Prof.ssa Vincenza Palmieri Presidente di I.N.P.E.F. Istituto Nazionale di Pedagogia Familiare e dall’Avvocato Francesco Miraglia ed è dedicato ad Anna Giulia di sette anni, cittadina italiana.

Introduce Stefania Petrera Giudice Onorario e Responsabile delle Relazioni Istituzionali dell’Istituto Nazionale di Pedagogia Familiare, partecipano gli autori con i contributi di Francesco Moncavallo e Vittorio Bonanni. L’attore Rodolfo Baldini legge “Papà portami via da qui!”. Previsti interventi programmati degli Ospiti in Sala.

Sembra incredibile ma il libro tratta di una storia per davvero accaduta ad una bambina di sette anni “che pur avendo genitori che la amano e la vogliono con loro e che non hanno fatto niente di male né a lei né ad altri sia diventata un’orfana consegnata per ‘legge’ ad altri genitori” (Francesco Miraglia).

Il libro

E’ il racconto tremendamente vero di Anna Giulia che, per un errore giudiziario, è stata tolta ai genitori Massimiliano Camparini e Gilda Fontana ed è stata affidata dopo diverse peripezie giudiziarie, visite protette e quanto altro possa essere avocato in questi casi, ad un’altra famiglia. I genitori hanno fatto di tutto per poterla riportare con sé a casa senza riuscirvi, finendo persino in carcere per sette mesi nel tentativo di portare con sè la loro bimba (ufficialmente era rapimento) ed ora sono in attesa che la bambina di circa nove anni compia diciotto anni e scelga in libertà la sua strada ed i suoi genitori con cui ha sempre voluto restare.

Quanto è importante una comunicazione etica

Non ha aiutato neanche nelle diverse vicissitudini una esposizione mediatica eccessiva del caso e dei suoi passaggi, a testimonianza di quanto sia importante l’opportunità, la chiarezza, la fondatezza e la verità dei media a tutela dei minori e dei loro diritti umani innanzi al diritto della cronaca.

Ci sono casi come questi, fatti di burocrazia dove non si riesce a ritrattare in alcun modo gli errori iniziali e dove gli enti preposti si rimbalzano le competenze, in cui anche lo Stato si dovrebbe mettere da parte innanzi alla Famiglia.

Al di là di fatti specifici la Famiglia va sempre aiutata, in qualsiasi condizione, prima di prendere decisioni che nel tempo si rivelano senza ritorno. E vanno coadiuvate anche in caso di povertà. D’altronde, come sottolinea Vincenza Palmieri che con l’Istituto Nazionale di Pedagogia Familiare ne conduce di battaglie per i minori insieme ad uno staff eccellente di professionisti, Gesù Bambino non è nato in una grotta e non aveva un solo panno addosso o un giaciglio di paglia anziché una culla? Questa era forse una soluzione abitativa appropriata? “Un bue ed un asino in camera da letto vicino al neonato. Di Giuseppe il Falegname dicono che abbia sposato sua madre Maria ma che non sia lui il vero padre. Quale sarebbe oggi il destino di Gesù Bambino?” (Vincenza Palmieri).

Un racconto scorrevole, vivo, autentico, un piccolo manuale di giurisprudenza ed errori, passaggi giudiziari che potrà essere di sostegno e di conoscenza per i lettori, in una chiave pirandelliana, ma anche di testimonianza autentica per Anna Giulia che pure così, da grande, saprà quanto i suoi genitori le abbiano voluto bene e abbiano lottato per lei in tutti i modi, mentre però la sua infanzia sarà trascorsa. Come Anna Giulia sono stimati solo in Italia cifre enormi di bambini scomparsi, tra le persone sparite nel nulla, di cui moltissimi vengono portati via da un genitore, lasciano all’improvviso il loro ambiente di origine e di crescita e svaniscono nel mondo, spesso con gravi traumi per il distacco. In realtà sono solo figli contesi e che avrebbero desiderato la loro Famiglia.

Quanto sarebbe importante che Istituzioni e lo Stato riuscissero a sostenere meglio queste famiglie. Se ne è parlato con rappresentanti istituzionali anche in un recente Seminario in Diritti Umani e dei Bambini presso il Senato della Repubblica che proseguirà in data 9 ottobre nella Camera dei Deputati, promosso da INPEF, che formerà un pool di testimonial e di operatori in diritti umani e che ha visto la partecipazione tra i relatori anche della Fondazione Paolo di Tarso con il Gruppo ComunicareITALIA.it promotore di una comunicazione etica in rete anche a favore dei bambini.

Per ulteriori informazioni e partecipazioni:

pedagogiafamiliare@gmail.com – www.pedagogiafamiliare.it

Tel: 06.5811057- 06.5803948 – 329.9833862.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>