La Pasqua e il Diritto Umano al Cibo Sano come alleanza. Al lavoro i Manager della Dieta Mediterranea

Must read

00:17:49

Angelus 01 agosto 2021 Papa Francesco

Da Piazza San Pietro, recita della Preghiera dell’Angelus guidata da Papa Francesco. "Usare le persone per il proprio profitto:...

Il Papa: fede matura se al centro c’è Dio e non i nostri bisogni

Perché cerchiamo il Signore? Quali sono le motivazioni della nostra fede? Sono queste le domande che Papa Francesco rivolge ai fedeli all’Angelus dopo...

Il Papa al Gemelli per un intervento chirurgico programmato

Papa Francesco nel pomeriggio di domenica 4 luglio si è recato al Policlinico Gemelli per un intervento...

Il Movimento NOI dice basta alle logiche di palazzo del partitismo italiano e si candida come forza di rinnovamento del Paese

di Fabio Gallo e Alessandro Oteri/ Alessandro Oteri è il nostro Delegato per la Città di Palermo e...

manager-dieta-mediterranea
I Manager di Healty ITALIA nel Borgo Antico di Altomonte

A cura C. Filice de ILVATICANESE.IT/

A poche settimane dall’apertura delle porte dell’EXPO di Milano 2015 si sono riuniti nel Borgo Antico di Altomonte, in Calabria, i Manager della Dieta Mediterranea, Green Economy e Sostenibilità Ambientale per discutere del Diritti Umani all’accesso al Cibo “Sano”. Presente tra i Docenti ospiti la Prof.ssa Luana Gallo direttore del Master edito dal Di.B.E.S.T. – Dipartimento di Biologia, Ecologia e Scienze della Terra dell’UNICAL (Università di Arcavacata di Rende).

Si tratta della prima giornata di lavori dei Manager dalla data dell’istituzione dell’Associazione Healthy ITALIA (www.healthyitalia.it) che li vede riuniti con lo scopo di concentrare all’interno di una sola organizzazione, la loro esperienza di Ambasciatori della Dieta Mediterranea, riconosciuta dall’UNESCO quale Patrimonio Immateriale dell’Umanità.

I lavori sono stati dedicati alla BIENNALE della Dieta Mediterranea  promossa dalla Fondazione Culturale “Paolo di Tarso” e già condivisa da numerosi e prestigiosi Partner del Sud Italia e del Mediterraneo, che prenderà vita tra Calabria e Puglia nel 2016 (www.dietamediterraneaexpo.it), esattamente un anno dopo l’EXPO di Milano 2015, con il fine di attuare i contenuti della Carta di Milano ma anche e soprattutto per tornare alla centralità dell’Essere Umano.

La BIENNALE DELLA DIETA MEDITERRANEA PER I DIRITTI UMANI AL CIBO SANO, infatti, prenderà vita nell’Anno Santo della Misericordia indetto da Papa Francesco e si propone approfondimenti concreti non solo sulle questioni già sviluppate da Milano EXPO 2015 che discuteranno dei diritti umani al Cibo, bensì al Cibo “Sano”. Particolare, questo, che presuppone una ferma presa di posizione a tutela dell’Agricoltura Sostenibile e della Salute Umana che non tollera, ad esempio, gli OGM proposti dalle multinazionali del cibo ed estremamente dannosi alla salute umana.

La BIENNALE, inoltre, nasce per dare lustro e centralità alle fertili e soleggiate Terre del Mezzogiorno d’Italia che il progetto della Fondazione “Paolo di Tarso” candida a “Casa conviviale delle Nazioni del Mediterraneo”. Ed è proprio nel Borgo antico di Altomonte seduti alla nota tavola dell’Hotel Barbieri, che i Manager hanno redatto la richiesta diretta alla Fondazione “Paolo di Tarso”, di poter contribuire  all’organizzazione della BIENNALE. La specializzazione dei Manager di Healthy ITALIA (www.healthyitalia.it) è quanto occorre ad una grande organizzazione che desidera promuovere l’Agricoltura Sostenibile e gli alimenti della Dieta Mediterranea e si è brindato al primo successo dei Manager di Healthy ITALIA.

LA BIENNALE DELLA DIETA MEDITERRANEA PER I DIRITTI UMANI AL CIBO SANO
Ideata dalla Fondazione Culturale “Paolo di Tarso” che molto sta investendo nella tutela dei Diritti Umani, la BIENNALE della Dieta Mediterranea si propone di istituire nel Mezzogiorno d’Italia un’organizzazione permanente capace di attrarre le Nazioni verso uno dei luoghi più fertili del mondo e dove, ancora, è possibile parlare di Cibo “Sano” e del Diritto Umano ad accedervi.

DAI SOFISMI ALL’AZIONE PER LO SVILUPPO E UN RILANCIO DEL RUOLO DELLA POLITICA
Non si tratta di filosofia ma di una realtà che ha una logica ben precisa che sta crescendo dal basso, giorno dopo giorno, e sta aggregando piccole e grandi organizzazioni. Tra esse Università, Comuni, Scuole, Parchi Nazionali e migliaia di Giovani. Ma non è tutto qui. La BIENNALE, infatti, si propone anche di lavorare sul concetto di “Politica” per riabilitarne la vera funzione sociale. Un’occasione importante per ridiscutere la politica da intendere quale vocazione ad una missione alta, espressione di carità umana e autentico servizio verso il prossimo.

Ci sarebbe da chiedersi: perché parlare di Cibo Sano e di Diritti Umani, se ne parlerà l’EXPO di Milano per 6 mesi interi? Il dettaglio non è da poco e la Fondazione Culturale “Paolo di Tarso” ha orecchie per ascoltare e mettere in pratica le parole del Papa che, in riferimento all’EXPO di Milano 2015 ha dichiarato “Questa economia uccide!” evidenziando il “paradosso dell’abbondanza”. I Diritti Umani di cui parla la Fondazione “Paolo di Tarso” in riferimento alla BIENNALE che prenderà vita nel Mezzogiorno d’Italia, non parla di Diritto per tutti gli Esseri Umani al Cibo, bensì al Cibo “Sano”, dettaglio trascurato dall’EXPO di Milano che, inevitabilmente, promuove le politiche delle multinazionali che impongono gli OGM. La BIENNALE della Dieta Mediterranea, dunque, intende sollecitare una profonda riflessione sulla qualità della vita che non può prescindere dalla qualità del Cibo Sano direttamente connesso al rispetto dell’Ambiente e all’esercizio di pratiche sostenibili nell’Agricoltura. La BIENNALE, dunque, in linea con le riflessioni di Papa Francesco, abolisce i sofismi per sollecitare concretamente l’azione che, tra l’altro, è d’interesse di numerosi paesi del Mediterraneo.

GLI ORIENTAMENTI DELLA BIENNALE: NE PARLA IL PRESIDENTE DELLA “PAOLO DI TARSO”
“Abbiamo colto l’occasione della Domenica delle Palme – ha dichiarato la prof.ssa Luana Gallo Presidente della Fondazione “Paolo di Tarso” – per riflettere in un contesto paesaggistico straordinario sulle parole di Papa Francesco pronunciate nel corso del collegamento con EXPO 2015. Nel videomessaggio diffuso in occasione del convegno promosso a Milano sul tema “Expo delle idee, il modello alimentare italiano per nutrire il pianeta, tra innovazione e sostenibilità”, Papa Francesco ha ricordato che nel suo discorso alla Fao del 24 novembre 2014 aveva detto che «Oltre all’interesse per la produzione, la disponibilità di cibo e l’accesso a esso, il cambiamento climatico, il commercio agricolo, che sono questioni ispiratrici cruciali, la prima preoccupazione dev’essere la persona stessa, quanti mancano del cibo quotidiano e hanno smesso di pensare alla vita, ai rapporti familiari e sociali, e lottano solo per la sopravvivenza. Oggi, infatti, nonostante il moltiplicarsi delle organizzazioni e i differenti interventi della comunità internazionale sulla nutrizione, viviamo quello che il santo Papa Giovanni Paolo II indicava come “paradosso dell’abbondanza”. Infatti, c’è cibo per tutti, ma non tutti possono mangiare, mentre lo spreco, lo scarto, il consumo eccessivo e l’uso di alimenti per altri fini sono davanti ai nostri occhi. Questo è il paradosso! Purtroppo questo paradosso continua a essere attuale. Ci sono pochi temi sui quali si sfoderano tanti sofismi come su quello della fame; e pochi argomenti tanto suscettibili di essere manipolati dai dati, dalle statistiche, dalle esigenze di sicurezza nazionale, dalla corruzione o da un richiamo doloroso alla crisi economica»

CHI SONO I MANAGER DELLA DIETA MEDITERRANEA E DELLA SOSTENIBILITA’ AMBIENTALE
Sono Giovani esperti (ma non solo giovanissimi) provenienti da diversi ceppi formativi come gli studi in Agronomia, Pubblica Amministrazione, Economia, Biologia, Ambiente, Nutrizione, riuniti e formati nel  Di.B.E.S.T. – Dipartimento di Biologia, Ecologia e Scienze della Terra (Cubo 6B- Vedi Google-Maps) all’interno del Master in “Green Economy, Dieta Mediterranea e Sostenibilità Ambientale: Management in Sicurezza, Qualità ed Economia Agroalimentare” diretto dalla Prof.ssa Luana Gallo. Questo Master ha colmato un vuoto strategico nel settore ed è il primo in un contesto internazionale ad avere offerto questo tipo di specializzazione, capace di aprire le porte ad un futuro più consapevole nella direzione della gestione del Patrimonio Culturale (ed economico) rappresentato dalla Dieta Mediterranea, individuata dalle Nazioni Unite quale modello alimentare idoneo al futuro dell’umanità fondamentalmente per due motivi: è meno idrovoro e contrasta le malattie non trasmissibili come cancro, diabete, obesità, malattie cardiovascolari e della respirazione. Non a caso le Nazioni Unite tramite l’UNESCO – l’Organizzazione che si occupa dell’Educazione, della Scienza e della Cultura – hanno proclamato la Dieta Mediterranea  Patrimonio Immateriale dell’Umanità.

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

00:17:49

Angelus 01 agosto 2021 Papa Francesco

Da Piazza San Pietro, recita della Preghiera dell’Angelus guidata da Papa Francesco. "Usare le persone per il proprio profitto:...

Il Papa: fede matura se al centro c’è Dio e non i nostri bisogni

Perché cerchiamo il Signore? Quali sono le motivazioni della nostra fede? Sono queste le domande che Papa Francesco rivolge ai fedeli all’Angelus dopo...

Il Papa al Gemelli per un intervento chirurgico programmato

Papa Francesco nel pomeriggio di domenica 4 luglio si è recato al Policlinico Gemelli per un intervento...

Il Movimento NOI dice basta alle logiche di palazzo del partitismo italiano e si candida come forza di rinnovamento del Paese

di Fabio Gallo e Alessandro Oteri/ Alessandro Oteri è il nostro Delegato per la Città di Palermo e...

Movimento NOI, in Sicilia la Politica con la “P” maiuscola auspicata da Papa Francesco.

Il Movimento sturziano NOI cresce e si radica in Sicilia. Ad annunciarlo è il portavoce nazionale Fabio...