Quaresima: un’ Occasione d’Oro

Must read

Famiglia oggi, con Gigi De Palo e Francesco Gallo. Incontro pubblico promosso dall’Istituto Diocesano “Beato Toniolo. Le vie dei Santi”.

“Famiglia: a che punto siamo? Dialoghi su crisi demografica, assegno unico, alleanza educativa”.  E' questo il tema generale...

Covid, le ultime news. La Cina ammette: “I nostri vaccini hanno bassa efficacia”. LIVE

Pechino per la prima volta parla della scarsa validità dei suoi farmaci anti Covid: "Non hanno un...

Il Papa: la fede non sia a metà, ma dia e si faccia dono

I cristiani non restino indifferenti, non vivano una fede a metà. Nella II Domenica di Pasqua della Divina Misericordia, Francesco, celebrando la...

Papa: stupirsi di fronte a Gesù che trionfa sulla croce

Un invito a ripartire dallo stupore di fronte all’amore di Cristo. É quello levato dal Papa, dall’altare della Cattedra nella Basilica Vaticana,...

monreale-duomoa cura di Mons. Giuseppe Mani/

E’ davvero un ‘occasione da non perdere: nascere di nuovo. Ce la offre  Dio stesso rispondendo al desiderio di novità di vita , al bisogno di superamento della stanchezza che odora di vecchiaia. Talvolta si ha proprio la sensazione che tutto stia invecchiando e che stia in piedi  per un accanimento terapeutico. Forse che al mondo gli manca un’anima? Certamente gli manca una vita spirituale  per cui il mondo gira ma non vive e travolto dal vortice delle cose che si muovono è preso  dalle vertigini per cui ha bisogno di trovare qualcosa a cui appoggiarsi per non cadere.

L’anima del mondo siamo noi, noi gli animatori della sua vita spirituale. “Quello che l’anima  è per il corpo i cristiani sono per il mondo”scriveva un autore ignoto del terzo secolo. Lo siamo? Oppure la stanchezza ha preso anche noi e ci tiriamo dietro tutto quello che invece dovremmo vivificare?

Ecco un’occasione d’oro. Quaranta giorni di cura di ringiovanimento, non un lifing della pelle ma una rigenerazione completa, una vera rinascita. La quaresima non è un tempo di privazioni e di sforzi ma quello di ritrovare noi stessi nella verità e di riprendere coscienza della nostra relazione vitale con Dio.

Elemosina, preghiera e digiuno sono le tre parole che ritmano i quaranta giorni che stanno per iniziare. La preghiera è tutto ciò che semplicemente  ci rapporta a Dio, il digiuno ciò che ci rapporta al nostro corpo, l’elemosina, come condivisione, ciò che ci rapporta agli altri. Bisogna fare alt per esaminare queste tre relazioni vitali della nostra esistenza. Sono tutte ordinate a Dio?

Questi quaranta giorni sono un grande ritiro, un tempo di deserto in cui cerchiamo  di assicurarci che l’essenziale è al suo posto e che i nostri rapporti con gli altri non sono profanati da ciò che è periferico alla nostra vita. Siamo sollecitati in mille modi, bisogna far si che la vita mantenga il suo senso e che non siamo prigionieri delle nostre relazioni.

Rimettere Dio al primo posto per dare un orientamento al mondo di cui siamo l’anima. Avere idee chiare dove va la storia attraverso il deserto della vita, che una terra promessa ci attende, che la morte non avrà la parola finale che invece è stata vinta è l’annuncio che dobbiamo al mondo.

Abbiamo quaranta giorni per rimetterci a nuovo per rinascere la notte di Pasqua quando completamente rinnovati ripeteremo “io credo” per essere testimoni della Resurrezione, profeti di speranza, operatori di carità, in una parola l’anima del mondo.

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

Famiglia oggi, con Gigi De Palo e Francesco Gallo. Incontro pubblico promosso dall’Istituto Diocesano “Beato Toniolo. Le vie dei Santi”.

“Famiglia: a che punto siamo? Dialoghi su crisi demografica, assegno unico, alleanza educativa”.  E' questo il tema generale...

Covid, le ultime news. La Cina ammette: “I nostri vaccini hanno bassa efficacia”. LIVE

Pechino per la prima volta parla della scarsa validità dei suoi farmaci anti Covid: "Non hanno un...

Il Papa: la fede non sia a metà, ma dia e si faccia dono

I cristiani non restino indifferenti, non vivano una fede a metà. Nella II Domenica di Pasqua della Divina Misericordia, Francesco, celebrando la...

Papa: stupirsi di fronte a Gesù che trionfa sulla croce

Un invito a ripartire dallo stupore di fronte all’amore di Cristo. É quello levato dal Papa, dall’altare della Cattedra nella Basilica Vaticana,...

Papa Francesco: “realizzare attività museali e culturali negli edifici annessi alla basilica lateranense”

“Realizzare, nel complesso di quello che è stato per secoli noto come ‘Patriarchio lateranense’, attività museali e...