Redazione Il Vaticanese

Concistoro. Francesco: cardinale è uomo di carità e speranza

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Quella cardinalizia non è una dignità “decorativa”, perché chi vi è chiamato deve avere una sola “parola-guida”: la carità.

papa-francesco-e-papa-benedetto-XVI-concistoro
Una berretta rossa non è il fregio posto sul capo di un uomo di comando, ma il simbolo di un uomo chiamato a un servizio più grande. Grande come la carità cristiana, che trabocca di benevolenza, è orientata alla giustizia, è piena di speranza, è incline al perdono. Un uomo che non ha altro amore che la Chiesa e sostiene il Papa come un fratello. È quanto Papa Francesco ha detto ai 20 nuovi cardinali creati durante il Concistoro presieduto nella Basilica di San Pietro. Alla cerimonia ha preso parte anche il Papa emerito, Benedetto XVI.

NON SIETE DECORATIVI
Papa Francesco pone se stesso e i 20 nuovi cardinali – 19 presenti in Basilica, unica eccezione l’ultranovantenne colombiano Pimiento Rodríguez – di fronte al manifesto dell’eccellenza cristiana, quella descritta da San Paolo nel suo “Inno alla carità”. Lì, afferma, un cardinale soprattutto trova il suo dover essere, poiché dice subito, nelle prime righe della sua allocuzione…

“…quella cardinalizia è certamente una dignità, ma non è onorifica. Lo dice già il nome – ‘cardinale’ – che evoca il ‘cardine’; dunque non qualcosa di accessorio, di decorativo, che faccia pensare a una onorificenza, ma un perno, un punto di appoggio e di movimento essenziale per la vita della comunità”.

AMATE SENZA CONFINI
La cerimonia inizia e si snoda con grande solennità. Banditi gli applausi, a rimarcare non l’assenza di gioia, ma il bisogno di raccoglimento. Davanti all’altare, sulla sinistra, lo spesso emiciclo scarlatto delle porpore culmina nel punto in bianco dove siede il Papa emerito Benedetto. L’ascolto è di un silenzio solido quando Francesco, scomponendo l’Inno paolino, ricorda quali sentimenti debbano battere in un “cardine” della Chiesa:

“Quanto più si allarga la responsabilità nel servizio alla Chiesa, tanto più deve allargarsi il cuore, dilatarsi secondo la misura del cuore di Cristo. Magnanimità è, in un certo senso, sinonimo di cattolicità: è saper amare senza confini, ma nello stesso tempo fedeli alle situazioni particolari e con gesti concreti. Amare ciò che è grande senza trascurare ciò che è piccolo; amare le piccole cose nell’orizzonte delle grandi (…) Saper amare con  gesti benevoli. Benevolenza è l’intenzione ferma e costante di volere il bene sempre e per tutti, anche per quelli che non ci vogliono bene”.

papa-francesco-concistoroVOSTRO INTERESSE SIA IL BENE DI TUTTI
La carità inoltre “non è invidiosa, non si vanta, non si gonfia d’orgoglio” – tentazioni, riconosce il Papa, dalle quali “non sono immuni” neanche le “dignità ecclesiastiche” – e poi non “non manca di rispetto” e “non cerca il proprio interesse”. In questo caso, osserva Francesco, il problema nasce in chi è troppo “autocentrato” su di sé da non badare alla dignità degli altri:

“Chi è auto-centrato cerca inevitabilmente il proprio interesse, e gli sembra che questo sia normale, quasi doveroso. Tale ‘interesse’ può anche essere ammantato di nobili rivestimenti, ma sotto sotto sotto è sempre il ‘proprio interesse’. Invece la carità ti de-centra e ti pone nel vero centro che è solo Cristo. Allora sì, puoi essere una persona rispettosa e attenta al bene degli altri”.

DIO CI SCAMPI DAL RANCORE
Trasparente Papa Francesco nel punto in cui si sofferma a considerare la carità che non si arrabbia, né tiene la contabilità del “male ricevuto”. Certo, ammette, “al pastore che vive a contatto con la gente non mancano le occasioni di arrabbiarsi”. E ancor più non gli difettano nel rapporto “tra confratelli”, perché “in effetti noi siamo meno scusabili”. Ma anche qui, ribadisce, “è la carità, e solo la carità, che ci libera”:

“Ci libera dal pericolo di reagire impulsivamente, di dire e fare cose sbagliate; e soprattutto ci libera dal rischio mortale dell’ira trattenuta, ‘covata’ dentro, che ti porta a tenere conto dei mali che ricevi. No. Questo non è accettabile nell’uomo di Chiesa. Se pure si può scusare un’arrabbiatura momentanea e subito sbollita, non altrettanto per il rancore. Dio ce ne scampi e liberi!”.

UOMINI DI PERDONO E SPERANZA
Un uomo della carità, ancora, “non gode dell’ingiustizia e si rallegra della verità”, quest’ultima un’espressione che Francesco sottolinea con piacere perché chi è di Dio, dice, “è affascinato dalla verità” che ritrova nella carne di Gesù. Il commento finale è sulle ultime quattro virtù della carità, che “tutto” scusa, crede, spera e sopporta:

“L’amore di Cristo, riversato nei nostri cuori dallo Spirito Santo, ci permette di vivere così, di essere così: persone capaci di perdonare sempre; di dare sempre fiducia, perché piene di fede in Dio; capaci di infondere sempre speranza, perché piene di speranza in Dio; persone che sanno sopportare con pazienza ogni situazione e ogni fratello e sorella, in unione con Gesù, che ha sopportato con amore il peso di tutti i nostri peccati”.

I nomi dei nuovi 20 Cardinali proclamati da Papa Francesco:

i 20 nuovi cardinali concistoro 2015—  Dominique Mamberti, Prefetto del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica;

—  Manuel José Macário do Nascimento Clemente, Patriarca di Lisboa (Portogallo);

—  Berhaneyesus Demerew Souraphiel, c.m., Arcivescovo di Addis Abeba (Etiopia)

—  John Atcherley Dew, Arcivescovo di Wellington (Nuova Zelanda);

—  Edoardo Menichelli, Arcivescovo di Ancona-Osimo (Italia);

—  Pierre Nguyên Văn Nhon, Arcivescovo di Hà Nôi (Viêt Nam);

—  Alberto Suárez Inda, Arcivescovo di Morelia (Messico);

—  Charles Maung Bo, s.d.b., Arcivescovo di Yangon (Myanmar);

—  Francis Xavier Kriengsak Kovithavanij, Arcivescovo di Bangkok (Thailandia);

—  Francesco Montenegro, Arcivescovo di Agrigento (Italia);

—  Daniel Fernando Sturla Berhouet, s.d.b., Arcivescovo di Montevideo (Uruguay);

— Ricardo Blázquez Pérez, Arcivescovo di Valladolid (Spagna);

— José Luis Lacunza Maestrojuán, o.a.r., Vescovo di David (Panamá);

— Arlindo Gomes Furtado, Vescovo di Santiago de Cabo Verde (Arcipelago di Capo Verde);

— Soane Patita Paini Mafi, Vescovo di Tonga (Isole di Tonga);

— José de Jesús Pimiento Rodríguez, Arcivescovo emerito di Manizales (Colombia);

— Luigi De Magistris, Arcivescovo titolare di Nova Pro-Penitenziere Maggiore emerito;

— Karl-Josef Rauber, Nunzio Apostolico;

— Luis Héctor Villalba, Arcivescovo emerito di Tucumán (Argentina);

Júlio Duarte Langa, Vescovo emerito di Xai-Xai (Mozambico).

Fonte News.va a cura di Alessandro De Carolis

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>