SINODO FAMIGLIA, Papa Francesco: si cooperi al progetto di Dio.

Must read

2021: l’Italia che Rinasce vince in Bellezza. Da Treviso a Cosenza punti di eccellenza

a cura di Marco Zabotti/ A Parma si apre l’anno della Capitale italiana della Cultura 2021, dopo...

Papa Francesco: Dio ci ama nelle nostre fragilità, apriamogli la porta di casa

a cura della Redazione/ E' un messaggio di amore infinito verso l'umanità quello...

Celebrazione della 54° Giornata Mondiale della Pace

a cura della Redazione/ 1. Alle soglie del nuovo anno, desidero porgere i...

Beni Culturali, Cosenza: nasce il Centro di Alta Competenza CONNESSIONI

a cura della Redazione/ Giovedì 17 dicembre 2020, la Biblioteca Nazionale di Cosenza e la Fondazione...

papa-francesco-sinodo-famiglia
Papa Francesco con le famiglie

Il Sinodo “non serve per discutere belle idee”, ma per “cooperare al progetto d’amore” di Dio: così Papa Francesco, stamani, nella Messa inaugurale del Sinodo straordinario sulla famiglia, in programma in Vaticano fino al 19 ottobre. Nell’omelia, il Pontefice ha messo anche in guardia dalla “cupidigia di denaro e di potere”. Alla celebrazione, nella Basilica Vaticana, hanno preso parte numerosi Padri Sinodali. Durante la Preghiera dei fedeli, si è pregato per le famiglie, i popoli in guerra e “quanti sono feriti dallo scandalo”.

SERVIZIO DI ISABELLA PIRO
“Lavorare per la vigna del Signore”, per “il sogno di Dio che è il suo popolo”: a questo è chiamato il Sinodo dei vescovi. E il Papa lo sottolinea nella sua omelia, ricordando che coltivare questo sogno richiede “molta cura”, “amore paziente e fedele”:

“Le Assemblee sinodali non servono per discutere idee belle e originali, o per vedere chi è più intelligente… Servono per coltivare e custodire meglio la vigna del Signore, per cooperare al suo sogno, al suo progetto d’amore sul suo popolo. In questo caso, il Signore ci chiede di prenderci cura della famiglia, che fin dalle origini è parte integrante del suo disegno d’amore per l’umanità”.

Esistono, però, contadini che, “per cupidigia e superbia”, “non fanno il loro lavoro, ma pensano ai loro interessi”: e così la vigna produce “acini acerbi” e provoca “spargimento di sangue e grida di oppressi”, invece di giustizia e rettitudine:

“Cupidigia di denaro e di potere. E per saziare questa cupidigia i cattivi pastori caricano sulle spalle della gente pesi insopportabili che loro non muovono neppure con un dito (cfr Mt 23,4)”.

“La tentazione di ‘impadronirci’ della vigna, a causa della cupidigia, non manca mai in noi esseri umani “, continua il Papa, perché “il sogno di Dio si scontra sempre con l’ipocrisia di alcuni suoi servitori”:

“Noi possiamo ‘frustrare’ il sogno di Dio se non ci lasciamo guidare dallo Spirito Santo. Lo Spirito ci dona la saggezza che va oltre la scienza, per lavorare generosamente con vera libertà e umile creatività”.

Per “coltivare e custodire bene la vigna” del Signore, allora – è l’esortazione finale del Papa – “i capi del popolo”, “la classe dirigente” devono operare con “libertà, creatività ed operosità”, conformando “pensieri e progetti” al sogno di Dio di “formare un popolo santo”, che “porti tanti buoni frutti di giustizia”. Radio Vaticana

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

2021: l’Italia che Rinasce vince in Bellezza. Da Treviso a Cosenza punti di eccellenza

a cura di Marco Zabotti/ A Parma si apre l’anno della Capitale italiana della Cultura 2021, dopo...

Papa Francesco: Dio ci ama nelle nostre fragilità, apriamogli la porta di casa

a cura della Redazione/ E' un messaggio di amore infinito verso l'umanità quello...

Celebrazione della 54° Giornata Mondiale della Pace

a cura della Redazione/ 1. Alle soglie del nuovo anno, desidero porgere i...

Beni Culturali, Cosenza: nasce il Centro di Alta Competenza CONNESSIONI

a cura della Redazione/ Giovedì 17 dicembre 2020, la Biblioteca Nazionale di Cosenza e la Fondazione...

Papa Francesco: messa per anniversario Lampedusa, “la cultura del benessere ci rende insensibili alle grida degli altri”

“La cultura del benessere, che ci porta a pensare a noi stessi, ci rende insensibili alle grida degli altri, ci fa vivere bolle di...