Con la fede umile e forte di Pietro e il cuore grande e universale di Paolo

Must read

Mons. Giuseppe Blanda: il saluto commosso tra Roma e la Sicilia

Mons. Giuseppe Blanda (Palazzo Adriano, Palermo 5.9.1936-Roma 19.7.2022) ci ha lasciati a ottantacinque anni ma solo fisicamente con la raccomandazione di stare...

Il Rosario per la Pace nel mondo

A conclusione del mese mariano Papa Francesco desidera offrire un segno di speranza al mondo, sofferente per il conflitto in Ucraina, e...

Stop war: Preservare la cultura per scongiurare un conflitto globale.

a cura della Redazione/ La Fondazione Culturale "Paolo di Tarso", Città della Pace, patrocina in questi giorni, con...

MetaversoCOSENZA, boom di visite e interesse culturale e scientifico

Un mondo parallelo, virtuale, emozionale entra in rete dalla Biblioteca Nazionale di Cosenza. E' l'Ecosistema Digitale della Cultura "MetaversoCOSENZA" che ha saputo riunire in una sola piattaforma...

Conversione di San Paolo - la seconda versione di Caravaggio, Cappella Cerasi nella Chiesa di S. Maria del Popolo a Roma
Conversione di San Paolo – la seconda versione di Caravaggio, Cappella Cerasi nella Chiesa di S. Maria del Popolo a Roma

Il gallo e il cavallo. Questi due amici animali hanno un forte denominatore comune. I due grandi Apostoli, Pietro e Paolo, di cui facciamo memoria in questa domenica, hanno potuto esprimere tutta la loro fede e il loro apostolato da un comportamento di questi due animali.

Il gallo ha cantato quando Pietro rinnegava il Maestro, il cavallo ha disarcionato Paolo alla vista della luce. Pietro se ne rese conto, uscì e pianse amaramente.

Nonostante sentisse pungente il suo rinnegamento e il suo fallimento, crede e ama profondamente e diventa capace di confermare i fratelli nella fede. Quel pianto sono le lacrime di tutti noi quando sbagliamo, come nostre sono quella debolezza e paura. Quel canto del gallo lo ha reso coraggioso ed invincibile.

Paolo è il seguace rigido e spesso fanatico che combatte Cristo e i cristiani, con freddezza e rabbia. Ma una luce fa imbizzarrire il cavallo che lo getta a terra. E’ da questa caduta che nasce Paolo l’apostolo, l’annunciatore della parola, il passionale amante delle sue comunità. Paolo che si rialza non vedente ma credente.

Pietro e Paolo, colonne portanti di una comunità che è la Chiesa. Dona anche a noi, Signore, la fede umile e forte di Pietro e il cuore grande e universale di Paolo.

Da una riflessione e una preghiera tratta da Lacitta.eu, Viterbo.

 

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

Mons. Giuseppe Blanda: il saluto commosso tra Roma e la Sicilia

Mons. Giuseppe Blanda (Palazzo Adriano, Palermo 5.9.1936-Roma 19.7.2022) ci ha lasciati a ottantacinque anni ma solo fisicamente con la raccomandazione di stare...

Il Rosario per la Pace nel mondo

A conclusione del mese mariano Papa Francesco desidera offrire un segno di speranza al mondo, sofferente per il conflitto in Ucraina, e...

Stop war: Preservare la cultura per scongiurare un conflitto globale.

a cura della Redazione/ La Fondazione Culturale "Paolo di Tarso", Città della Pace, patrocina in questi giorni, con...

MetaversoCOSENZA, boom di visite e interesse culturale e scientifico

Un mondo parallelo, virtuale, emozionale entra in rete dalla Biblioteca Nazionale di Cosenza. E' l'Ecosistema Digitale della Cultura "MetaversoCOSENZA" che ha saputo riunire in una sola piattaforma...
00:01:57

2021 in review with Pope Francis

Relive the high points of 2021 with Pope Francis Fonte Canale Youtube Vatican News