Papa Francesco ha bisogno di riposare. Annullata la visita al Gemelli

Must read

2021: l’Italia che Rinasce vince in Bellezza. Da Treviso a Cosenza punti di eccellenza

a cura di Marco Zabotti/ A Parma si apre l’anno della Capitale italiana della Cultura 2021, dopo...

Papa Francesco: Dio ci ama nelle nostre fragilità, apriamogli la porta di casa

a cura della Redazione/ E' un messaggio di amore infinito verso l'umanità quello...

Celebrazione della 54° Giornata Mondiale della Pace

a cura della Redazione/ 1. Alle soglie del nuovo anno, desidero porgere i...

Beni Culturali, Cosenza: nasce il Centro di Alta Competenza CONNESSIONI

a cura della Redazione/ Giovedì 17 dicembre 2020, la Biblioteca Nazionale di Cosenza e la Fondazione...

Papa Francesco
Papa Francesco

Neanche un olimpionico avrebbe resistito all’ incredibile anno in cui Papa Francesco non ha fatto mancare il suo conforto a mezzo mondo. Uno sforzo enorme che deve necessariamente prevedere un periodo di recupero. Preghiamo tutti perché il Santo Padre possa tornare presto al massimo della forma.

Un’improvvisa indisposizione ha impedito a Papa Francesco di recarsi nel pomeriggio al Policlinico Gemelli di Roma per l’annunciata visita nel 50.mo di fondazione della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università Cattolica. Dispiaciuti i vertici della struttura così come i 5mila fedeli in attesa del Pontefice. La messa è stata celebrata nel piazzale degli Istituti Biologici dal cardinale Angelo Scola, arcivescovo di Milano e presidente dell’Istituto Toniolo che è l’ente fondatore del Gemelli. Il porporato ha letto l’omelia preparata dal Papa. Il servizio di Benedetta Capelli:

l dispiacere per il mancato incontro con il Papa si trasforma in un momento di comunione per la famiglia del Policlinico Gemelli. Nel pomeriggio caldo, in tanti affollano il piazzale degli Istituti Biologici per partecipare alla messa celebrata dal cardinale Angelo Scola. L’arcivescovo di Milano legge l’omelia che Francesco aveva preparato in occasione della visita. E’ l’amore di Dio il cuore del discorso del Papa, un amore declinato in tanti aspetti. Si ricorda che il Signore è fedele, “sopporta le nostre infedeltà, le nostre lentezze, le nostre cadute”. “Non ha paura di legarsi”, “ama i legami, crea i legami: legami che liberano e non costringono”:

“Oggi in particolare la fedeltà è un valore in crisi perché siamo indotti a cercare sempre il cambiamento, una presunta novità, negoziando le radici della nostra esistenza, della nostra fede. Senza fedeltà alle sue radici, però, una società non va avanti: può fare grandi progressi tecnici, ma non un progresso integrale, di tutto l’uomo e di tutti gli uomini”.

L’amore di Dio – sottolinea il cardinale Scola, riportando le parole del Papa – è fedele e questo si manifesta nell’averci donato Gesù: “Per onorare il legame di Dio con il suo popolo, si è fatto nostro schiavo, si è spogliato della sua gloria e ha assunto la forma di servo. Nel suo amore non si è arreso davanti alla nostra ingratitudine e nemmeno davanti al rifiuto”.

Papa Francesco aggiunge che Gesù ci aspetta sempre per perdonarci perché è il volto misericordioso del Padre. L’amore è l’umiltà del cuore di Gesù che si è mostrato ai piccoli e non ai potenti, offrendo il suo amore “con mitezza e umiltà”: “Noi possiamo sperimentare e assaporare la tenerezza di questo amore in ogni stagione della vita: nel tempo della gioia e in quello della tristezza, nel tempo della salute e in quello dell’infermità e della malattia. La fedeltà di Dio ci insegna ad accogliere la vita come avvenimento del suo amore e ci permette di testimoniare questo amore ai fratelli in un servizio umile e mite”.

Lo stesso servizio che i medici, i paramedici, i volontari del Gemelli compiono, portando “ai malati un po’ dell’amore del Cuore di Cristo”, “con competenza e professionalità”. Compito – ricorda il cardinale Scola nell’omelia del Papa – che è in linea con i valori fondanti che Padre Gemelli pose alla base dell’Ateneo dei cattolici italiani, “per coniugare la ricerca scientifica illuminata dalla fede e la preparazione di qualificati professionisti cristiani”.

Infine, nel suo consueto stile, Papa Francesco interroga la coscienza di ognuno e lo fa con domande che arrivano al cuore di tante persone: sono piccoli semi che getta e che mettono in dubbio le nostre certezze:

“Com’è il mio amore per il prossimo? So essere fedele? Oppure sono volubile, seguo i miei umori e le mie simpatie? Ciascuno di noi può rispondere nella propria coscienza. Ma soprattutto possiamo dire al Signore: Signore Gesù, rendi il mio cuore sempre più simile al tuo, pieno di amore e di fedeltà”.

(Tratto dall’archivio della Radio Vaticana)

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

2021: l’Italia che Rinasce vince in Bellezza. Da Treviso a Cosenza punti di eccellenza

a cura di Marco Zabotti/ A Parma si apre l’anno della Capitale italiana della Cultura 2021, dopo...

Papa Francesco: Dio ci ama nelle nostre fragilità, apriamogli la porta di casa

a cura della Redazione/ E' un messaggio di amore infinito verso l'umanità quello...

Celebrazione della 54° Giornata Mondiale della Pace

a cura della Redazione/ 1. Alle soglie del nuovo anno, desidero porgere i...

Beni Culturali, Cosenza: nasce il Centro di Alta Competenza CONNESSIONI

a cura della Redazione/ Giovedì 17 dicembre 2020, la Biblioteca Nazionale di Cosenza e la Fondazione...

Papa Francesco: messa per anniversario Lampedusa, “la cultura del benessere ci rende insensibili alle grida degli altri”

“La cultura del benessere, che ci porta a pensare a noi stessi, ci rende insensibili alle grida degli altri, ci fa vivere bolle di...