Appello per il conflitto israelo-palestinese: Francesco il primo Vescovo di Roma subito in Palestina

Must read

Famiglia oggi, con Gigi De Palo e Francesco Gallo. Incontro pubblico promosso dall’Istituto Diocesano “Beato Toniolo. Le vie dei Santi”.

“Famiglia: a che punto siamo? Dialoghi su crisi demografica, assegno unico, alleanza educativa”.  E' questo il tema generale...

Covid, le ultime news. La Cina ammette: “I nostri vaccini hanno bassa efficacia”. LIVE

Pechino per la prima volta parla della scarsa validità dei suoi farmaci anti Covid: "Non hanno un...

Il Papa: la fede non sia a metà, ma dia e si faccia dono

I cristiani non restino indifferenti, non vivano una fede a metà. Nella II Domenica di Pasqua della Divina Misericordia, Francesco, celebrando la...

Papa: stupirsi di fronte a Gesù che trionfa sulla croce

Un invito a ripartire dallo stupore di fronte all’amore di Cristo. É quello levato dal Papa, dall’altare della Cattedra nella Basilica Vaticana,...

san-pietro
La Basilica di San Pietro – Foto Fabio Pignata

Nel suo prossimo viaggio internazionale (24-26 maggio) Papa Francesco sarà il primo dei quattro pontefici che hanno visitato finora la Terra Santa ad entrare direttamente in quello che oggi si chiama Stato di Palestina, senza passare da Israele. Domenica 25, infatti, all’inizio della seconda giornata del suo secondo viaggio internazionale, il Vescovo di Roma si trasferirà in elicottero da Amman, capitale della Giordania, a Betlemme.

Un itinerario che ha un valore simbolico e corrisponde a un messaggio preciso: la riproposizione della “two-state solution” (la soluzione di due Stati) per risolvere il conflitto israelo-palestinese.

A proposito del briefing tenuto in sala stampa da p. Lombardi per presentare le tre giornate del viaggio che si svolgerà tra la Giordania, la Palestina ed Israele, la stampa internazionale ha sottolineato il particolare che il Papa non utilizzerà auto blindate e ad Amman e Betlemme salirà su una jeep aperta per incontrare la gente, come in piazza S. Pietro.

Ma uno dei dati più interessanti del programma è la scelta di incontrare, sia in Giordania che in Palestina, rifugiati vittime delle guerre che affligono il Medio Oriente. Un’opzione che, assieme a quella di pranzare a Betlemme con alcune famiglie palestinesi, dimostra l’attenzione del Papa per la dimensione umana dei conflitti della regione.

Fonte, Sala Stampa della Santa Sede e Radio Vaticana, Luis Badilla Morales e Fabio Colagrande, www.news.va.

 

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

Famiglia oggi, con Gigi De Palo e Francesco Gallo. Incontro pubblico promosso dall’Istituto Diocesano “Beato Toniolo. Le vie dei Santi”.

“Famiglia: a che punto siamo? Dialoghi su crisi demografica, assegno unico, alleanza educativa”.  E' questo il tema generale...

Covid, le ultime news. La Cina ammette: “I nostri vaccini hanno bassa efficacia”. LIVE

Pechino per la prima volta parla della scarsa validità dei suoi farmaci anti Covid: "Non hanno un...

Il Papa: la fede non sia a metà, ma dia e si faccia dono

I cristiani non restino indifferenti, non vivano una fede a metà. Nella II Domenica di Pasqua della Divina Misericordia, Francesco, celebrando la...

Papa: stupirsi di fronte a Gesù che trionfa sulla croce

Un invito a ripartire dallo stupore di fronte all’amore di Cristo. É quello levato dal Papa, dall’altare della Cattedra nella Basilica Vaticana,...

Papa Francesco: “realizzare attività museali e culturali negli edifici annessi alla basilica lateranense”

“Realizzare, nel complesso di quello che è stato per secoli noto come ‘Patriarchio lateranense’, attività museali e...