Non Vanno Relegati sul Calendario

Must read

Etiopia, tragedia dimenticata. Il vescovo del Tigrai: fermate guerra e genocidio. Video

Paolo Lambruschi Avvenire Desolazione e distruzione, fame e spada, chi ti consolerà? Cita il profeta Isaia (51:19) il vescovo dell’eparchia cattolica di...

Don Marco Pagniello è il nuovo direttore di Caritas Italiana

Vatican News “Ringrazio il Consiglio permanente della Cei per la fiducia mostrata nei miei confronti”. Così il nuovo direttore...

“Verso un noi sempre più grande”: porte aperte alla speranza.

Guardare negli occhi dei migranti e scorgere la loro voglia di ricominciare. Papa Francesco lo aveva chiesto ai tanti fedeli che erano...

Francesco: sogno un mondo geloso del Creato e vicino ai fragili

“Quando si sogna da soli, è solo un sogno; ma quando si sogna con gli altri, è l’inizio di una nuova realtà”:...

Santi Giovanni XXIII e Giovanni Paolo IIa cura di Giovanni Borrelli/

La  bella  pagina di storia positiva che hanno scritto i due papi, Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II, di recente canonizzati, ha riscattato  le gravi incongruenze del secolo scorso e di parte dell’attuale, con la massiccia partecipazione di fedeli e non, a conferma di come l’uomo abbia bisogno di valori veri, di speranza, di amore non di vacuità inconsistente.

Alla luce di tali insegnamenti, non é possibile  immaginare una rinascita dell’ Europa senza  il prosieguo di quei valori  puntualizzati  con caparbietà  dai  due santi coraggiosi, che debbono essere fatti propri da ciascuno, credenti o meno, perché essi costituiscono l’unica possibilità di vera esistenza per il futuro dell’uomo.

Bisogna prendere atto che sussistono obblighi imprescindibili verso l’essere umano, che occorra, tutelarne la condizione sociale, rispettarne la dignità, la vita, ridimensionando la idolatria del danaro ed il successo ad ogni  costo, mali che hanno sradicato quei veri valori, di cui l’Europa è andata sempre fiera.

La densità ,quindi,  delle argomentazioni  dei due santi, ben puntualizzate nelle encicliche, vanno ponderate con  profonda analisi, soprattutto sociale e nel pieno  rispetto delle idee, adoperarsi, senza tregua, di trovare una ispirazione spirituale condivisa, evitando forme dannose di emarginazione, accettando la diversità, nell’ottica  principale irrinunziabile del bene comune, che potrebbe e dovrebbe rivestire la vera professione di  fede per tutti, perché rispettando la libertà  e la dignità di  ciascuna persona, uno stato si eleverebbe ad essere effettivamente civile e le idee dei due santi consentirebbero di far germogliare uomini nuovi, ricchi di rispetto, di amore, di speranza: nuovi santi.
E l’umanità ne ha gran bisogno.

Foto News.va

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

Etiopia, tragedia dimenticata. Il vescovo del Tigrai: fermate guerra e genocidio. Video

Paolo Lambruschi Avvenire Desolazione e distruzione, fame e spada, chi ti consolerà? Cita il profeta Isaia (51:19) il vescovo dell’eparchia cattolica di...

Don Marco Pagniello è il nuovo direttore di Caritas Italiana

Vatican News “Ringrazio il Consiglio permanente della Cei per la fiducia mostrata nei miei confronti”. Così il nuovo direttore...

“Verso un noi sempre più grande”: porte aperte alla speranza.

Guardare negli occhi dei migranti e scorgere la loro voglia di ricominciare. Papa Francesco lo aveva chiesto ai tanti fedeli che erano...

Francesco: sogno un mondo geloso del Creato e vicino ai fragili

“Quando si sogna da soli, è solo un sogno; ma quando si sogna con gli altri, è l’inizio di una nuova realtà”:...

Le mura vaticane si aprono a “Connessioni”, il Centro di Alta Competenza di Cosenza

Redazione IlVATICANESE.IT/ Sarà il Centro di Alta Competenza CONNESSIONI di Cosenza a digitalizzare la nuova cappella del Pontificio Seminario Romano Maggiore. “Connessioni” è la struttura tecnologicamente avanzata...