Redazione Il Vaticanese

Obama a Roma, il presidente si emoziona davanti al Papa: «Vederla è una meraviglia»

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Il Presidente Usa Barack Obama incontra per la prima volta Papa Francesco e si commuove. Cinquanta minuti di colloquio privato, strette di mano e sorrisi.

papa-francesco-e-barack-obama-ilvaticanese

Il Presidente Usa Barack Obama incontra per la prima volta Papa Francesco e si commuove.

La visita in Vaticano del presidente democratico al suo secondo mandato è contrassegnata da cordialità anche nei momenti pubblici.

Come sta“? (“How are you?”). Sono state le prime parole che il presidente Usa, Barack Obama, ha rivolto a Papa Francesco, poco prima che iniziasse l’udienza privata. “È meraviglioso incontrarla (ripetuta due volte, ndr). Grazie tante per avermi ricevuto. È un grande onore, sono un suo grande ammiratore“. Poi cinquanta minuti di colloquio, alla fine dei quali si sono salutati con grandi sorrisi. Sono i flash del primo incontro fra il presidente Usa e Papa Francesco. Con una lunga e calorosa stretta di mano il Papa si è congedato dal presidente degli Stati Uniti Barack Obama sulla soglia della biblioteca pontificia, al termine dell’udienza. Obama, prima di accomiatarsi da Papa Francesco, gli ha stretto lungamente la mano ed i due, con l’aiuto di un interprete, hanno proseguito a parlare tenendosi stretti le mani.

Al termine del colloquio privato con il pontefice durato 50 minuti, è stato presentato al Papa il seguito presidenziale. Si è, quindi, proceduto allo scambio dei doni, prima della foto di rito e della consegna, al seguito del presidente, da parte dello stesso Pontefice dei rosari. «Sono sicuro che l’Evangelii gaudium mi darà forza e mi calmerà», ha commentato Obama quando papa Francesco gli ha regalato il testo della sua esortazione apostolica. Al momento dello scambio dei doni l’astuccio contenente le medaglie donate dal Papa al presidente Obama ha ceduto e le monete sono finite in terra. Subito monsignor Gaenswein ha rimesso tutto a posto ma l’equilibrio ricostituito è durato un istante, e di nuovo le monete sono finite in terra. Papa Francesco è scoppiato in una risata.

Consegnando i suoi doni al Papa, tra i quali i semi provenienti dal giardino della Casa Bianca e destinati ai giardini delle Ville Pontificie di Castelgandolfo, recentemente aperti al pubblico, il presidente Obama ha detto a Francesco “Una parte dei semi sono per voi. Un’altra sarà donata come opera di carità in onore di sua Santità”. ”Se avrete la possibilità di venire alla casa Bianca vedrà anche il giardino”. E il Papa ha risposto in spagnolo: “Come no?”.

In posa per gli scatti Francesco ha la faccia concentrata e grave che assume spesso nelle udienze con capi di Stato, mentre si scioglie in una risata mentre si avvia all’uscita della biblioteca e Obama osserva: «Sua Santità è probabilmente l’unica persona che deve subire più protocollo di me».

Subito prima del congedo il presidente ricorda che nella sua visita a Benedetto XVI, nel 2009, c’erano anche la moglie e le figlie, «loro sono con me nel cammino della vita. Preghi per loro, preghi per loro che devono sopportarmi», conclude, passando dal serio alla battuta, mentre Francesco gli serra le mani.
Congedatosi dal Papa, il presidente Obama è sceso alla prima loggia del Palazzo Apostolico per il colloquio con il segretario di Stato, Cardinale Piero Parolin.

Il colloquio. «I cordiali colloqui hanno permesso uno scambio di vedute su alcuni temi attinenti all’attualità internazionale – ha spiegato, poi, la Sala Stampa vaticana in un comunicato – auspicando per le aree di conflitto il rispetto del diritto umanitario e del diritto internazionale e una soluzione negoziale tra le parti coinvolte. Nel contesto delle relazioni bilaterali e della collaborazione tra la Chiesa e lo Stato ci si è soffermati su questioni di speciale rilevanza per la Chiesa nel Paese, come l’esercizio dei diritti alla libertà religiosa, alla vita e all’obiezione di coscienza nonché il tema della riforma migratoria. Infine, è stato espresso il comune impegno nello sradicamento della tratta degli esseri umani nel mondo.

Obama: commosso da Papa Francesco
Barack Obama, nella conferenza stampa del pomeriggio con Matteo Renzi, si è detto “molto commosso da messaggio di inclusione e di compassione di Papa Francesco. “Sono rimasto profondamente emozionato dalle sue riflessioni sull’importanza del fatto che abbiamo tutti una prospettiva morale sui problemi mondiali, senza pensare ai nostri interessi personali”. “La gente negli Usa – ha aggiunto il presidente – impazzirebbe per vedere Papa Francesco”.

L’arrivo a Roma
Barack Obama è arrivato mercoledì sera a Fiumicino con il Boeing 747 Air Force One. Ha passato la notte a Villa Taverna, la residenza dell’ambasciatore Usa a Roma, John Phillips. Da lì stamattina con un imponente corteo presidenziale di 26 auto e 8 moto, si è mosso alla volta del Vaticano. A seguire, alle 12.30 il colloquio al Quirinale con il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. Infine, alle 14.30, l’incontro a Villa Madama con il presidente del Consiglio, Matteo Renzi. A metà pomeriggio, invece, visita privata al Colosseo, chiuso al pubblico per l’occasione.

Trentasei ore intense per il presidente americano ma anche per la città, blindata per l’occasione con sei zone rosse, mille agenti e 50 uomini ombra. Venerdì mattina Obama ripartirà alla volta dell’Arabia Saudita.

Fonte Avvenire

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>