La mano di Francesco ai disagiati per il tramite di Konrad Karajewski

Must read

2021: l’Italia che Rinasce vince in Bellezza. Da Treviso a Cosenza punti di eccellenza

a cura di Marco Zabotti/ A Parma si apre l’anno della Capitale italiana della Cultura 2021, dopo...

Papa Francesco: Dio ci ama nelle nostre fragilità, apriamogli la porta di casa

a cura della Redazione/ E' un messaggio di amore infinito verso l'umanità quello...

Celebrazione della 54° Giornata Mondiale della Pace

a cura della Redazione/ 1. Alle soglie del nuovo anno, desidero porgere i...

Beni Culturali, Cosenza: nasce il Centro di Alta Competenza CONNESSIONI

a cura della Redazione/ Giovedì 17 dicembre 2020, la Biblioteca Nazionale di Cosenza e la Fondazione...

Elemosiniere Pontificio Konrad Karajewski - Il Vaticanese.it

Papa Francesco ha nominato suo Elemosiniere Konrad Karajewski e lo ha pregato di essere la sua mano che accarezza i più poveri ove egli non può recarsi. Il Papa gli disse: “Esci e aiuta i poveretti sono il volto della Misericordia”.

Questa domenica 2 febbraio 2014, l’elemosiniere di Sua Santità, mons. Konrad Krajewski, presiede nella Basilica romana di Santa Maria in Trastevere, alle 10.00, una Santa Messa in ricordo di Modesta Valenti, una senza fissa dimora morta nel 1983 all’età di 71 anni. Insieme a lei, vengono ricordati – grazie alla Comunità di Sant’Egidio – anche coloro che, come Modesta, sono vissuti e morti in estrema povertà. Da più trent’anni, Sant’Egidio ricorda le vittime della vita in strada proprio a partire dalla morte di Modesta Valenti, avvenuta il 31 gennaio 1983, quando la donna si sentì male proprio alla Stazione Termini. “L’equipaggio dell’ambulanza che accorse alla chiamata – riferisce una nota di Sant’Egidio – non volle prenderla a bordo perché, a causa delle condizioni in cui viveva, era sporca e aveva i pidocchi. Modesta morì dopo ore di agonia, in attesa che qualcuno decidesse di prestargli soccorso. La sua morte – prosegue la nota – ha segnato profondamente l’amicizia della Comunità di Sant’Egidio con chi è senza dimora. Per questo, nell’anniversario della sua scomparsa, si fa memoria nella liturgia di tutti gli ‘amici per la strada’ a cui la Comunità si è fatta prossima che hanno perso la vita, ricordando ciascuno per nome. Con loro la Comunità, attraverso il servizio delle mense, le cene itineranti, i luoghi di accoglienza, ha intessuto negli anni rapporti di prossimità e di familiarità, nel tentativo di migliorare le difficili condizioni della loro vita. La memoria di Modesta e degli amici per la strada – conclude la nota – da Roma si è diffusa in tanti luoghi dove la Comunità è vicina a chi vive e muore senza dimora”.

 Fonte, www.news.va.

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

2021: l’Italia che Rinasce vince in Bellezza. Da Treviso a Cosenza punti di eccellenza

a cura di Marco Zabotti/ A Parma si apre l’anno della Capitale italiana della Cultura 2021, dopo...

Papa Francesco: Dio ci ama nelle nostre fragilità, apriamogli la porta di casa

a cura della Redazione/ E' un messaggio di amore infinito verso l'umanità quello...

Celebrazione della 54° Giornata Mondiale della Pace

a cura della Redazione/ 1. Alle soglie del nuovo anno, desidero porgere i...

Beni Culturali, Cosenza: nasce il Centro di Alta Competenza CONNESSIONI

a cura della Redazione/ Giovedì 17 dicembre 2020, la Biblioteca Nazionale di Cosenza e la Fondazione...

Papa Francesco: messa per anniversario Lampedusa, “la cultura del benessere ci rende insensibili alle grida degli altri”

“La cultura del benessere, che ci porta a pensare a noi stessi, ci rende insensibili alle grida degli altri, ci fa vivere bolle di...