Roma, Basilica dell’Ara Coeli: in tanti insieme a Bambin Gesù

Must read

Mons. Giuseppe Blanda: il saluto commosso tra Roma e la Sicilia

Mons. Giuseppe Blanda (Palazzo Adriano, Palermo 5.9.1936-Roma 19.7.2022) ci ha lasciati a ottantacinque anni ma solo fisicamente con la raccomandazione di stare...

Il Rosario per la Pace nel mondo

A conclusione del mese mariano Papa Francesco desidera offrire un segno di speranza al mondo, sofferente per il conflitto in Ucraina, e...

Stop war: Preservare la cultura per scongiurare un conflitto globale.

a cura della Redazione/ La Fondazione Culturale "Paolo di Tarso", Città della Pace, patrocina in questi giorni, con...

MetaversoCOSENZA, boom di visite e interesse culturale e scientifico

Un mondo parallelo, virtuale, emozionale entra in rete dalla Biblioteca Nazionale di Cosenza. E' l'Ecosistema Digitale della Cultura "MetaversoCOSENZA" che ha saputo riunire in una sola piattaforma...

Basilica Ara Coeli Roma - Il Vaticanese.itDal gioiello dell’architettura medievale quale è la Basilica di S. Maria in Ara Coeli ogni mattina alle 8,30, viene officiata la Santa Messa fin dal tempo dell’Avvento e del Natale. La cerimonia liturgica viene trasmessa in diretta da Tv2000 ed è stata prorogata per un altro mese attesa l’affluenza dei fedeli, con particolare riferimento agli ammalati, ai disabili, ai poveri e a coloro che sono in difficoltà.

La Chiesa è nota per custodire il Santo Bambino, la scultura lignea del Bambin Gesù intagliata nel XV secolo con il legno d’ulivo del Giardino dei Getsemani e ricoperta di ex voto e particolarmente frequentata a Natale proprio per essere considerata il luogo del presepe e della conservazione di Gesù appena nato.

Straordinarie le opere conservate nell’edificio sorto ove un tempo vi era il tempio di Giunione Moneta sul colle capitolino. Tra i capolavori, testimonianza di fede nell’arte, la Cappella Bufalini, affrescata con le Storie di San Bernardino da Siena di Pinturicchio (1486). Nella Cappella di Santa Rosa pregiato è il mosaico attribuito a Pietro Cavallini e a Jacopo Torriti e raffigurante la Vergine in trono. Splendida la lunetta con il mosaico con la Madonna con il Bambino, attribuito sempre a Jacopo Torriti. Una unicità di storia ma anche una continuità con le Basiliche medievali di Roma, tra cui S. Maria Maggiore e poi gli affreschi vaticani. Rinomato e meno noto il ciclo di affreschi quattrocenteschi di Benozzo Gozzoli (1454-58) che un tempo decoravano l’intera Cappella. Come pure mirabili gli affreschi di Cristoforo Roncalli (1552), presente anche nella Basilica di S. Maria degli Angeli e dei Martiri di Roma, e l’olio con S. Paolo di Girolamo Muziano (1528) che ha realizzato pure le quattro storie di San Matteo nella Cappella Mattei.

Della metà del Cinquecento e del tardo manierismo segnaliamo la Trasfigurazione nella Cappella del Crocifisso di Girolamo Siciolante da Sermoneta (1520) e di Marco Pino, tra gli autori più autorevoli degli affreschi di Castel S. Angelo o di Palazzo Spada, la Pietà.

Ricordiamo che in precedenza la Santa Messa è stata trasmessa dal Santuario della Madonna di Pompei.

L’Evangelii Gaudium (199) di Papa Francesco ricorda come il Natale resta nel cuore: “L’amore autentico è sempre contemplativo, ci permette di servire l’altro non per necessità o vanità, ma perchè è bello, al di là delle apparenze. Il povero quando è amato è considerato di grande valore e questo differenzia l’autentica opzione per i poveri da qualsiasi ideologia, da qualunque intento di utilizzare i poveri al servizio di interessi personali o politici. Solo a partire da questa vicinanza reale e cordiale possiamo accompagnarli adeguatamente nel loro cammino di liberazione. Soltanto questo renderà possibile che i poveri si sentano in ogni comunità cristiana come a casa loro”.

Viviana Normando

 

 

 

 

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

Mons. Giuseppe Blanda: il saluto commosso tra Roma e la Sicilia

Mons. Giuseppe Blanda (Palazzo Adriano, Palermo 5.9.1936-Roma 19.7.2022) ci ha lasciati a ottantacinque anni ma solo fisicamente con la raccomandazione di stare...

Il Rosario per la Pace nel mondo

A conclusione del mese mariano Papa Francesco desidera offrire un segno di speranza al mondo, sofferente per il conflitto in Ucraina, e...

Stop war: Preservare la cultura per scongiurare un conflitto globale.

a cura della Redazione/ La Fondazione Culturale "Paolo di Tarso", Città della Pace, patrocina in questi giorni, con...

MetaversoCOSENZA, boom di visite e interesse culturale e scientifico

Un mondo parallelo, virtuale, emozionale entra in rete dalla Biblioteca Nazionale di Cosenza. E' l'Ecosistema Digitale della Cultura "MetaversoCOSENZA" che ha saputo riunire in una sola piattaforma...
00:01:57

2021 in review with Pope Francis

Relive the high points of 2021 with Pope Francis Fonte Canale Youtube Vatican News