Redazione Il Vaticanese

Papa Francesco: liberatevi dalla “Sindrome di Giona”. No a santità da “tintoria”

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
papa-francesco-vaticano-ilvaticanese-sindrome di giona

Papa Francesco: liberatevi da “Sindrome di Giona” – No a santità da “tintoria”

Citta’ del Vaticano/

Non basta una ”religiosita’ perfetta” o una ”santita’ di ‘tintoria”’ per salvarsi. I cristiani devono liberarsi dalla ‘sindrome di Giona’. Lo ha detto papa Francesco nell’omelia, pubblicata da Radio Vaticana, della messa celebrata stamane a Santa Marta. ”La ‘sindrome di Giona’ – ha spiegato il papa – non ha lo zelo per la conversione della gente, cerca una santita’, mi permetto la parola, una santita’ di ‘tintoria’, tutta bella, tutta benfatta, ma senza quello zelo di andare a predicare il Signore. Ma il Signore di fronte a questa generazione ammalata dalla ‘sindrome di Giona’ promette il segno di Giona. L’altra versione, quella di Matteo, dice: Giona e’ stato dentro la balena tre notti e tre giorni, riferimento a Gesu’ nel sepolcro, alla sua morte e alla sua Risurrezione, e quello e’ il segno che Gesu’ promette, contro l’ipocrisia, contro questo atteggiamento di religiosita’ perfetta, contro questo atteggiamento di un gruppo di farisei”. C’e', ha ammonito papa Francesco, la ”sindrome di Giona”. Il Signore gli chiede di andare a Ninive e lui fugge in Spagna. Giona, ha detto, ”aveva le cose chiare: la dottrina e’ questa”, ”si deve fare questo” e i peccatori ”si arrangino, io me ne vado”. Quelli che ”vivono secondo questa sindrome di Giona”, ha aggiunto il pontefice, Gesu’ ”li chiama ipocriti, perche’ non vogliono la salvezza” della ”povera gente”, degli ”ignoranti” e ”peccatori”. ”Ecco, la ‘sindrome di Giona’ – ha proseguito il pontefice – ci porta alla ipocrisia, a quella sufficienza, ad essere cristiani puliti, perfetti, ‘perche’ noi facciamo queste opere: compiamo i comandamenti, tutto’. E’ una grossa malattia. E il segno di Giona, che la misericordia di Dio in Gesu’ Cristo, morto e risorto per noi, per la nostra salvezza. Sono due parole nella prima lettura che si collegano con questo. Paolo dice di se stesso che e’ apostolo non perche’ ha studiato questo, no: apostolo per chiamata. E ai cristiani dice: ‘Siete voi chiamati da Gesu’ Cristo’. Il segno di Giona ci chiama: seguire il Signore, peccatori, siamo tutti, con umilta’, con mitezza. C’e’ una chiamata, anche una scelta”

Fotografia: Osservatore Romano

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>