La Madonna di Fatima, il proiettile e le mani giunte di due Pontefici

Must read

2021: l’Italia che Rinasce vince in Bellezza. Da Treviso a Cosenza punti di eccellenza

a cura di Marco Zabotti/ A Parma si apre l’anno della Capitale italiana della Cultura 2021, dopo...

Papa Francesco: Dio ci ama nelle nostre fragilità, apriamogli la porta di casa

a cura della Redazione/ E' un messaggio di amore infinito verso l'umanità quello...

Celebrazione della 54° Giornata Mondiale della Pace

a cura della Redazione/ 1. Alle soglie del nuovo anno, desidero porgere i...

Beni Culturali, Cosenza: nasce il Centro di Alta Competenza CONNESSIONI

a cura della Redazione/ Giovedì 17 dicembre 2020, la Biblioteca Nazionale di Cosenza e la Fondazione...

madonna-di-fatima-san-pietro-vaticanese
La Madonna di Fatima in San Pietro nella Giornata Mariana

Arrivata a Roma la statua della Madonna di Fatima in cui è conservato uno dei colpi sparati da Alì Agca contro Giovanni Paolo II. La preghiera di Ratzinger e di Papa Francesco.

Il cammino della fede passa attraverso la Croce e Maria l’ha capito fin dall’inizio, quando Erode voleva uccidere Gesù appena nato“. Così Papa Francesco ha concluso la sua meditazione sulla Vergine, tenuta in piazza San Pietro al cospetto della statua della Madonna di Fatima. “Questa Croce – ha poi aggiunto – è diventata più profonda quando Gesù è stato rifiutato: allora la fede di Maria ha affrontato l’incomprensione e il disprezzo; quando è arrivata l’ora di Gesù, l’ora della passione: allora la fede di Maria è stata la fiammella nella notte“.

IL VIAGGIO DELLA MADONNA DI FATIMA
La statua della Madonna di Fatima – proveniente dal santuario omonimo in Portogallo – è arrivata all’aeroporto romano di Fiumicino con un un volo della Tap da Lisbona e all’atterraggio è stata presa in consegna dall’Aeronautica militare , che ha provveduto al trasferimento in elicottero fino alla Città del Vaticano. Come stabilito dal Pontefice, la statua è stata trasportata nel monastero Mater Ecclesiae dove il Papa emerito Benedetto XVI ha potuto pregare in raccoglimento al suo cospetto. Si è trattato di una sorta di restituzione della visita compiuta da Ratzinger a Fatima 4 anni fa. Poi la statua è stata portata alla Casa Santa Marta, dove ad attenderla c’era Bergoglio. Infine, spostata in piazza San Pietro , affollata di centomila fedeli, è stata fatta sostare nel punto preciso in cui il 13 maggio del 1981 Giovanni Paolo II fu colpito dai proiettili di Alì Agca.

madonna-di-fatima-san-pietro-vaticanese-papafrancesco
Papa Francesco ha rinnovato l’Atto di affidamento a Maria dinanzi all’immagine della Madonna di Fatima in San Pietro

LA PALLOTTOLA
Una di quelle pallottole è oggi conservata proprio nella coroncina che adorna il capo della Vergine, perché il Papa polacco ritenne di essere stato salvato dalla sua protezione (e interpretò così il terzo segreto di Fatima, rivelandone poi nel 2000 il contenuto, che parla di un vescovo vestito di bianco, che cade colpito dai nemici).

AL DIVINO AMORE
Terminata la preghiera in piazza San Pietro, la statua ha ripreso il suo viaggio ed è giunta al santuario del Divino Amore dove è stata accolta da una folla di pellegrini che si sono radunati per la veglia di preghiera in programma sabato notte. L’evento, promosso in occasione della Giornata Mariana, ha coinvolto centinaia di fedeli provenienti dalle parrocchie romane e dai santuari mariani di tutto il mondo. Dopo la «Notte bianca della preghiera», domenica mattina alle 7 la statua sarà riportata in elicottero a San Pietro.

Fonte Corriere.it.

Di seguito l’atto di affidamento del mondo alla Madonna di Fatima che Papa Francesco ha pronunciato invitando tutti a recitarlo:

ATTO DI AFFIDAMENTO A MARIA

Beata Maria Vergine di Fatima,
con rinnovata gratitudine per la tua presenza materna
uniamo la nostra voce a quella di tutte le generazioni
che ti dicono beata.

Celebriamo in te le grandi opere di Dio,
che mai si stanca di chinarsi con misericordia sull’umanità,
afflitta dal male e ferita dal peccato,
per guarirla e per salvarla.

Accogli con benevolenza di Madre
l’atto di affidamento che oggi facciamo con fiducia,
dinanzi a questa tua immagine a noi tanto cara.

Siamo certi che ognuno di noi è prezioso ai tuoi occhi
e che nulla ti è estraneo di tutto ciò che abita nei nostri cuori.

Ci lasciamo raggiungere dal tuo dolcissimo sguardo
e riceviamo la consolante carezza del tuo sorriso.

Custodisci la nostra vita fra le tue braccia:
benedici e rafforza ogni desiderio di bene;
ravviva e alimenta la fede;
sostieni e illumina la speranza;
suscita e anima la carità;
guida tutti noi nel cammino della santità.

Insegnaci il tuo stesso amore di predilezione
per i piccoli e i poveri,
per gli esclusi e i sofferenti,
per i peccatori e gli smarriti di cuore:
raduna tutti sotto la tua protezione
e tutti consegna al tuo diletto Figlio, il Signore nostro Gesù.

Amen.

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

2021: l’Italia che Rinasce vince in Bellezza. Da Treviso a Cosenza punti di eccellenza

a cura di Marco Zabotti/ A Parma si apre l’anno della Capitale italiana della Cultura 2021, dopo...

Papa Francesco: Dio ci ama nelle nostre fragilità, apriamogli la porta di casa

a cura della Redazione/ E' un messaggio di amore infinito verso l'umanità quello...

Celebrazione della 54° Giornata Mondiale della Pace

a cura della Redazione/ 1. Alle soglie del nuovo anno, desidero porgere i...

Beni Culturali, Cosenza: nasce il Centro di Alta Competenza CONNESSIONI

a cura della Redazione/ Giovedì 17 dicembre 2020, la Biblioteca Nazionale di Cosenza e la Fondazione...

Papa Francesco: messa per anniversario Lampedusa, “la cultura del benessere ci rende insensibili alle grida degli altri”

“La cultura del benessere, che ci porta a pensare a noi stessi, ci rende insensibili alle grida degli altri, ci fa vivere bolle di...