Al Santo Padre. Il desiderio di un commerciante di Assisi e di tanti altri dalla città di Francesco e Chiara

Must read

Etiopia, tragedia dimenticata. Il vescovo del Tigrai: fermate guerra e genocidio. Video

Paolo Lambruschi Avvenire Desolazione e distruzione, fame e spada, chi ti consolerà? Cita il profeta Isaia (51:19) il vescovo dell’eparchia cattolica di...

Don Marco Pagniello è il nuovo direttore di Caritas Italiana

Vatican News “Ringrazio il Consiglio permanente della Cei per la fiducia mostrata nei miei confronti”. Così il nuovo direttore...

“Verso un noi sempre più grande”: porte aperte alla speranza.

Guardare negli occhi dei migranti e scorgere la loro voglia di ricominciare. Papa Francesco lo aveva chiesto ai tanti fedeli che erano...

Francesco: sogno un mondo geloso del Creato e vicino ai fragili

“Quando si sogna da soli, è solo un sogno; ma quando si sogna con gli altri, è l’inizio di una nuova realtà”:...

“Desideriamo che il Papa cammini tra la gente nelle strade di Assisi”. In uno dei sopralluoghi e delle visite in Assisi della Redazione de Il Vaticanese.it, come fonte e risorsa per le pagine dei nostri articoli che danno anche voce alla gente, alle persone, abbiamo udito un appello, un fortissimo desiderio di un commerciante della città di Francesco e Chiara di Assisi, unito a tante altre voci del luogo: “Desideriamo che il 4 ottobre 2013 il Santo Padre cammini per le vie di Assisi tra la gente del popolo di Francesco. Ciò compatibilmente con le norme per la sua sicurezza”. “La città di Assisi – ha proseguito semplice e accorato il noto commerciante di ricami in Assisi a ridosso della Basilica di Santa Chiara – nel lavoro è in trepida attesa e in fermento per l’arrivo del Santo Padre. Ancora con il cuore colmo di gioia  per la visita del suo predecessore Benedetto XVI, allora rimanemmo un po’ delusi, e non di certo per motivi commerciali, nel vedere Papa Benedetto XVI fermarsi davanti al nostro negozio ma solo, senza nessuno intorno a sé, per le eccessive misure di tutela. Quel giorno in Assisi vi fu il coprifuoco. Noi vorremmo fare festa al nostro Papa, vorremmo riceverlo secondo il principio dell’accoglienza così forte nella città natia di San Francesco, affinchè tutti insieme possiamo esclamare il Saluto di Francesco ‘Il Signore ti dia Pace’ perché il Papa lo porti sempre con sè, da qui nel mondo, nel suo intenso e fertile impegno quotidiano”.

Parole sentite ed umili pronunciate da un commerciante che con i suoi giovani ha ereditato la tradizione dei ricami di Veronica, che ogni anno predispone non solo la vendita ma il dono di molti ricami a famiglie e a bambini come ricordo della loro visita.

Il riferimento è all’attesissima visita di Papa Francesco prevista per il 4 ottobre 2013. Il Santo Padre infatti sarà nella città dove vissero Francesco e Chiara ma in particolare dove, dalla vita di un giovane Santo, questo Pontefice così moderno e così popolare ha tratto il suo nome: Papa Francesco.

Ad aspettare Papa Francesco tra la gente in Assisi anche l’Associazione Assisi Pax International con l’incessante lavoro di Pace svolto dal suo fondatore padre GianMaria Polidoro, biografo di Francesco di Assisi, autore ad esempio di libri quali “Il Saluto di Francesco” e “Civiltà di Pace”.

Viviana Normando

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

Etiopia, tragedia dimenticata. Il vescovo del Tigrai: fermate guerra e genocidio. Video

Paolo Lambruschi Avvenire Desolazione e distruzione, fame e spada, chi ti consolerà? Cita il profeta Isaia (51:19) il vescovo dell’eparchia cattolica di...

Don Marco Pagniello è il nuovo direttore di Caritas Italiana

Vatican News “Ringrazio il Consiglio permanente della Cei per la fiducia mostrata nei miei confronti”. Così il nuovo direttore...

“Verso un noi sempre più grande”: porte aperte alla speranza.

Guardare negli occhi dei migranti e scorgere la loro voglia di ricominciare. Papa Francesco lo aveva chiesto ai tanti fedeli che erano...

Francesco: sogno un mondo geloso del Creato e vicino ai fragili

“Quando si sogna da soli, è solo un sogno; ma quando si sogna con gli altri, è l’inizio di una nuova realtà”:...

Le mura vaticane si aprono a “Connessioni”, il Centro di Alta Competenza di Cosenza

Redazione IlVATICANESE.IT/ Sarà il Centro di Alta Competenza CONNESSIONI di Cosenza a digitalizzare la nuova cappella del Pontificio Seminario Romano Maggiore. “Connessioni” è la struttura tecnologicamente avanzata...