Salvatore Pignata

Papa Francesco invia la sua preghiera sulla Tomba del Poverello di Assisi

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

papa-francesco-preghiera-sulla-tomba-di-francesco-assisiLa cripta di San Francesco immortalata 24 ore al giorno dalla web cam sul portale www.sanfrancesco.org potresti osservarla per ore ed ore, restando a meditare come fossi realmente nel luogo che ospita le spoglie del Patrono d’Italia. Grazie alla web cam, oggi fedeli di tutto il mondo possono avvertire più vicina la presenza di San Francesco. Basta un clic, e in un istante si apre un’importante finestra di fede su Assisi. La preghiera e la contemplazione sono il cuore e la vita di ogni Cristiano. Poter sostare davanti alla tomba di S. Francesco ci sollecita a fermarci e a riflettere, affinché ogni gesto d’aiuto, di carità siano sempre più intrisi dell’amore unico e totale a Dio e non per interessi propri e personali. Una nuda pietra, la tomba di S. Francesco; una nuda pietra la tomba di Nostro Signore Gesù Cristo. Tutti noi non possiamo rimanere indifferenti di questo momento storico in cui l’umanità intera è richiamata dalle parole di Papa Francesco a non scoraggiarsi, a non lasciarsi rubare la speranza. Il messaggio risuona chiaro: è arrivato il tempo di ricominciare, ripartendo anche dalle nuove linee di pensiero dei giovani, che si trovano a vivere in un contesto di pace negata, di guerra fra innumerevoli persone che non si conoscono, ma che si massacrano fra loro per la gloria e per il profitto di alcune persone che si conoscono bene e non si massacrano fra loro. Tutti connessi con san Francesco:18 milioni di accessi, 123 paesi collegati e 16.000 ore di dirette con la webcam sulla tomba del Santo di Assisi Oltre 18 milioni di accessi , 123 paesi collegati, 5 milioni di MB utilizzati e quasi 16.000 ore di connessioni in soli tre mesi. Sono questi i dati generati dalla webcam della tomba di San Francesco online 24 ore su 24 sul sito www.sanfrancesco.org. E’ proprio il caso di dirlo san Francesco non è il più amato dagli italiani, ma il più amato al mondo. Al primo posto della nazioni con maggiori connessioni alla cripta del Santo di Assisi troviamo l’Italia con 8.660.679, a seguire gli Stati Uniti (1.697.138 ) e la Germania (1.548.959 ). Chiudono la speciale classifica gli Emirati Arabi, il Bangladesh e il Senegal con un accesso. I giorni con maggior affluenza (616.346) sono stati il 2 e il 3 maggio data in cui il Santo Padre si è collegato alla webcam della tomba di San Francesco e ha inviato una preghiera: “O Francesco d’Assisi , intercedi per la pace nei nostri cuori”. In media ci sono 198.384,692 accessi al giorno e quasi 3 al secondo con picchi di 34,8 accessi. La webcam sulla cripta di San Francesco è divenuta una sorta di social network, dove si scambiano anche contenuti come le migliaia di preghiere che al giorno arrivano in redazione per chiedere l’intercessione del Poverello di Assisi. San Francesco continua a chiedere a chi è connesso di entrare in contatto con la propria interiorità per incontrare l’Altro. Mi commossi, dichiara Padre Enzo Fortunato direttore della rivista San Francesco, quando Papa Francesco inviò la sua preghiera “O Francesco d’Assisi , intercedi per la pace nei nostri cuori”. Fu un incontro che premiò anni di lavoro: l’impegno dei nostri ragazzi della redazione internet, la fatica di immergersi in una nuova cultura della rete alla quale non eravamo abituati. Non avrei mai immaginato che da quel momento san Francesco e papa Francesco avrebbero bucato il web, allargando a dismisura il loro abbraccio. Sono numeri che ci hanno lasciato senza respiro, attoniti e anche un po’ spaventati, ma al contempo carichi di gioia e responsabilità. San Francesco ha bucato il web. Ci troviamo in linea con San Francesco e la sua idea di comunicazione, un santo che ha voluto e cercato in tutti i modi di avvicinarsi all’uomo chiamandolo fratello per condurlo a Cristo. Attraverso la webcam sulla tomba di San Francesco accorciamo le distanze: dove la materialità impone una distanza, la webcam ha reso possibile l’annullamento di questa e collega in un unico abbraccio gli uomini di buona volontà. Qui potremmo dire che il Santo ha bucato la rete raggiungendo milioni di persone e abitando francescanamente il mondo digitale.

Fonte: www.sanfrancesco.org

Foto: DigITALIA Bank

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>