Redazione Il Vaticanese

Papa Francesco,udienza 26/06/2013, nessuno è inutile nella Chiesa

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Nell’ultima udienza generale prima della pausa estiva, Papa Francesco, a bordo della jeep scoperta, è passato tra la folla salutando e benedicendo i fedeli presenti in piazza, come di consueto, diverse decine di migliaia.

«Nessuno è inutile nella Chiesa, tutti siamo necessari per costruire questo tempio. E nessuno è secondario. Tutti siamo uguali agli occhi di Dio». Lo ha detto Papa Francesco nell’Udienza Generale di oggi.

«Ma senta, signor Papa, ma lei non è uguale a noi?», ha detto nella catechesi immaginando che gli si ponesse questa domanda. «Sì – ha risposto Francesco in un tripudio di applausi degli 80 mila fedeli presenti – tutti siamo fratelli, nessuno è anonimo».

«La Chiesa – ha detto Bergoglio – non è un intreccio di cose e di interessi, ma è il tempio dello Spirito Santo, il tempio in cui Dio opera, il tempio in cui ognuno di noi con il dono del battesimo è pietra viva. Questo ci dice che nessuno è inutile nella Chiesa – ha proseguito il Papa tra gli applausi – e se qualcuno per caso dice: ma vai a casa che sei inutile, quello non è vero: nessuno è inutile, tutti siamo necessari per costruire questo tempio».

«Nessuno è secondario: io sono il più importante nella Chiesa? No, siamo tutti uguali agli occhi di Dio, tutti. Qualcuno – ha proseguito il Papa parlando a braccio – di voi può dire: ma senta signore Papa lei non è uguale a noi: sì! Siamo tutti uguali! Siamo fratelli! Nessuno è anonimo!. Tutti formiamo e costruiamo la Chiesa. Ma questo ci invita anche a riflettere sul fatto che se manca il mattone della nostra vita cristiana, manca qualcosa alla bellezza della Chiesa».

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>