Papa Francesco,udienza 26/06/2013, nessuno è inutile nella Chiesa

Must read

Etiopia, tragedia dimenticata. Il vescovo del Tigrai: fermate guerra e genocidio. Video

Paolo Lambruschi Avvenire Desolazione e distruzione, fame e spada, chi ti consolerà? Cita il profeta Isaia (51:19) il vescovo dell’eparchia cattolica di...

Don Marco Pagniello è il nuovo direttore di Caritas Italiana

Vatican News “Ringrazio il Consiglio permanente della Cei per la fiducia mostrata nei miei confronti”. Così il nuovo direttore...

“Verso un noi sempre più grande”: porte aperte alla speranza.

Guardare negli occhi dei migranti e scorgere la loro voglia di ricominciare. Papa Francesco lo aveva chiesto ai tanti fedeli che erano...

Francesco: sogno un mondo geloso del Creato e vicino ai fragili

“Quando si sogna da soli, è solo un sogno; ma quando si sogna con gli altri, è l’inizio di una nuova realtà”:...

Nell’ultima udienza generale prima della pausa estiva, Papa Francesco, a bordo della jeep scoperta, è passato tra la folla salutando e benedicendo i fedeli presenti in piazza, come di consueto, diverse decine di migliaia.

«Nessuno è inutile nella Chiesa, tutti siamo necessari per costruire questo tempio. E nessuno è secondario. Tutti siamo uguali agli occhi di Dio». Lo ha detto Papa Francesco nell’Udienza Generale di oggi.

«Ma senta, signor Papa, ma lei non è uguale a noi?», ha detto nella catechesi immaginando che gli si ponesse questa domanda. «Sì – ha risposto Francesco in un tripudio di applausi degli 80 mila fedeli presenti – tutti siamo fratelli, nessuno è anonimo».

«La Chiesa – ha detto Bergoglio – non è un intreccio di cose e di interessi, ma è il tempio dello Spirito Santo, il tempio in cui Dio opera, il tempio in cui ognuno di noi con il dono del battesimo è pietra viva. Questo ci dice che nessuno è inutile nella Chiesa – ha proseguito il Papa tra gli applausi – e se qualcuno per caso dice: ma vai a casa che sei inutile, quello non è vero: nessuno è inutile, tutti siamo necessari per costruire questo tempio».

«Nessuno è secondario: io sono il più importante nella Chiesa? No, siamo tutti uguali agli occhi di Dio, tutti. Qualcuno – ha proseguito il Papa parlando a braccio – di voi può dire: ma senta signore Papa lei non è uguale a noi: sì! Siamo tutti uguali! Siamo fratelli! Nessuno è anonimo!. Tutti formiamo e costruiamo la Chiesa. Ma questo ci invita anche a riflettere sul fatto che se manca il mattone della nostra vita cristiana, manca qualcosa alla bellezza della Chiesa».

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

Etiopia, tragedia dimenticata. Il vescovo del Tigrai: fermate guerra e genocidio. Video

Paolo Lambruschi Avvenire Desolazione e distruzione, fame e spada, chi ti consolerà? Cita il profeta Isaia (51:19) il vescovo dell’eparchia cattolica di...

Don Marco Pagniello è il nuovo direttore di Caritas Italiana

Vatican News “Ringrazio il Consiglio permanente della Cei per la fiducia mostrata nei miei confronti”. Così il nuovo direttore...

“Verso un noi sempre più grande”: porte aperte alla speranza.

Guardare negli occhi dei migranti e scorgere la loro voglia di ricominciare. Papa Francesco lo aveva chiesto ai tanti fedeli che erano...

Francesco: sogno un mondo geloso del Creato e vicino ai fragili

“Quando si sogna da soli, è solo un sogno; ma quando si sogna con gli altri, è l’inizio di una nuova realtà”:...

Le mura vaticane si aprono a “Connessioni”, il Centro di Alta Competenza di Cosenza

Redazione IlVATICANESE.IT/ Sarà il Centro di Alta Competenza CONNESSIONI di Cosenza a digitalizzare la nuova cappella del Pontificio Seminario Romano Maggiore. “Connessioni” è la struttura tecnologicamente avanzata...