Il Papa: “Una Chiesa ricca è destinata a invecchiare”

Must read

Famiglia oggi, con Gigi De Palo e Francesco Gallo. Incontro pubblico promosso dall’Istituto Diocesano “Beato Toniolo. Le vie dei Santi”.

“Famiglia: a che punto siamo? Dialoghi su crisi demografica, assegno unico, alleanza educativa”.  E' questo il tema generale...

Covid, le ultime news. La Cina ammette: “I nostri vaccini hanno bassa efficacia”. LIVE

Pechino per la prima volta parla della scarsa validità dei suoi farmaci anti Covid: "Non hanno un...

Il Papa: la fede non sia a metà, ma dia e si faccia dono

I cristiani non restino indifferenti, non vivano una fede a metà. Nella II Domenica di Pasqua della Divina Misericordia, Francesco, celebrando la...

Papa: stupirsi di fronte a Gesù che trionfa sulla croce

Un invito a ripartire dallo stupore di fronte all’amore di Cristo. É quello levato dal Papa, dall’altare della Cattedra nella Basilica Vaticana,...

Citta’ del Vaticano. Il Papa: “S. Pietro non aveva un conto in banca e quando doveva pagare le tasse Gesù lo mandò a prendere un pesce”. Papa Francesco esorta ad annunciare il Vangelo in uno spirito di “gratuità” e ad evitare il proselitismo. In occasione della messa di stamattina a Santa Marta, papa Francesco è tornato sul principio a lui caro di “Chiesa povera”. Tale concetto ha spiegato il Pontefice durante l’omelia, è radicato in particolare nella “gratuità” dell’annuncio evangelico. La messa a Santa Marta è stata concelebrata su questo tema, tra gli altri, da monsignor Gerhard Ludwig Müller, Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, della quale alcuni sacerdoti e collaboratori, hanno assistito alla funzione.

Nel Vangelo odierno (cfr. Mt 10,7-13), Gesù raccomanda ai discepoli: “Non procuratevi oro né argento né denaro nelle vostre cinture”. Ciò significa che il Regno di Dio va proclamato “con semplicità”, ha ricordato il Santo Padre.

La semplicità dell’annuncio evangelico “lascia posto al potere della Parola di Dio”, della quale gli Apostoli ebbero “fiducia”, altrimenti “forse avrebbero fatto un’altra cosa”.

Gesù, infatti, dice: “Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date”. Se, al contrario, si volesse rinunciare a tale gratuità, “il Vangelo non ha efficacia”, ha sottolineato il Papa.

La predicazione, ha insistito il Pontefice, “nasce dalla gratuità, dallo stupore della salvezza che viene e quello che io ho ricevuto gratuitamente, devo darlo gratuitamente”. Del resto, ha proseguito, San Pietro non aveva certo “un conto in banca” e quando dovette pagare le tasse, “il Signore lo ha mandato in mare a prendere un pesce, a pescare”.

Anche Filippo, quando incontrò il ‘ministro dell’economia’ della Regina Candace (cfr. At 8,26-40), non pensò a dar vita a “un’organizzazione per sostenere il Vangelo”, ma semplicemente lo ha annunziato con il battesimo.

Il Regno di Dio “è un dono gratuito”, ha detto ancora il Papa. Eppure questo principio, sin dalle origini del cristianesimo, è sempre stato “soggetto a tentazione”: si tende, cioè, a fare spesso “proselitismo”, quando, in realtà, la Chiesa cresce soltanto grazie “all’attrazione”, alla testimonianza e all’annuncio della “gratuità della salvezza”.

Quali sono, tuttavia, i segni di tale gratuità? Il Santo Padre ha indicato in primo luogo la “povertà”: chi testimonia il Vangelo deve dire: “non ho ricchezze, la mia ricchezza è soltanto il dono che ho ricevuto, Dio”. È questa “povertà” che “ci salva dal diventare organizzatori, imprenditori”.

Anche quando si devono portare avanti opere della Chiesa che appaiono “complesse”, ciò va fatto “con cuore di povertà, non cuore di investimento o di un imprenditore”, ha detto papa Francesco, ribadendo ancora una volta che “la Chiesa non è una ong” ma qualcosa di “più importante”, che nasce da questa gratuità “ricevuta e annunziata”.

L’altro segno di gratuità, ha proseguito Francesco, è la “capacità di lode” che il cristiano può perdere se non vive nello spirito della gratuità. Lodare il Signore, quindi, è “un’orazione gratuita”, in cui noi “non chiediamo” ma “soltanto lodiamo”.

In conclusione, ha detto il Papa, una Chiesa che diventi “ricca” o che vada a perdere la “gratuità della lode”, è una Chiesa che “invecchia” e, alla fine, muore, “non ha vita”.

La preghiera conclusiva del Pontefice è stata per il riconoscimento della gratuità, quale “dono di Dio”, e per andare “avanti nella predicazione evangelica” all’insegna di tale gratuità.

Fonte; www.vatican.va

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

Famiglia oggi, con Gigi De Palo e Francesco Gallo. Incontro pubblico promosso dall’Istituto Diocesano “Beato Toniolo. Le vie dei Santi”.

“Famiglia: a che punto siamo? Dialoghi su crisi demografica, assegno unico, alleanza educativa”.  E' questo il tema generale...

Covid, le ultime news. La Cina ammette: “I nostri vaccini hanno bassa efficacia”. LIVE

Pechino per la prima volta parla della scarsa validità dei suoi farmaci anti Covid: "Non hanno un...

Il Papa: la fede non sia a metà, ma dia e si faccia dono

I cristiani non restino indifferenti, non vivano una fede a metà. Nella II Domenica di Pasqua della Divina Misericordia, Francesco, celebrando la...

Papa: stupirsi di fronte a Gesù che trionfa sulla croce

Un invito a ripartire dallo stupore di fronte all’amore di Cristo. É quello levato dal Papa, dall’altare della Cattedra nella Basilica Vaticana,...

Papa Francesco: “realizzare attività museali e culturali negli edifici annessi alla basilica lateranense”

“Realizzare, nel complesso di quello che è stato per secoli noto come ‘Patriarchio lateranense’, attività museali e...