Seconda Giornata Nazionale delle vittime del dovere d’Italia

Must read

Famiglia oggi, con Gigi De Palo e Francesco Gallo. Incontro pubblico promosso dall’Istituto Diocesano “Beato Toniolo. Le vie dei Santi”.

“Famiglia: a che punto siamo? Dialoghi su crisi demografica, assegno unico, alleanza educativa”.  E' questo il tema generale...

Covid, le ultime news. La Cina ammette: “I nostri vaccini hanno bassa efficacia”. LIVE

Pechino per la prima volta parla della scarsa validità dei suoi farmaci anti Covid: "Non hanno un...

Il Papa: la fede non sia a metà, ma dia e si faccia dono

I cristiani non restino indifferenti, non vivano una fede a metà. Nella II Domenica di Pasqua della Divina Misericordia, Francesco, celebrando la...

Papa: stupirsi di fronte a Gesù che trionfa sulla croce

Un invito a ripartire dallo stupore di fronte all’amore di Cristo. É quello levato dal Papa, dall’altare della Cattedra nella Basilica Vaticana,...

Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano - Celebrazione della seconda giornata nazionale delle Vittime del  dovere d'Italia
Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano - Celebrazione della seconda Giornata Nazionale delle Vittime del Dovere d'Italia

Insieme al Papa e alla Presidenza della Repubblica Italiana l’Associazione Nazionale onlus “Le vittime del dovere d’Italia, della criminalità e del terrorismo” ha celebrato la seconda giornata nazionale per non dimenticare chi è stato ucciso perché credeva nei suoi compiti e nei suoi doveri verso la collettività. L’Associazione con il Presidente Cav. Andrea Frasanella, insieme ai familiari delle vittime, è stata accolta in udienza da Papa Francesco in Piazza S. Pietro, mercoledì 22 maggio 2013. L’occasione per la tutela della memoria di coloro che si sono sacrificati per una giusta causa e per il nostro Paese è stata ricordata, venerdì 24 maggio 2013, nella Santa Messa solenne nella Basilica S. Maria degli Angeli e dei Martiri di Roma – Chiesa di Stato, officiata dal Segretario Generale del Vicariato di Roma mons. Paolo Mancini e concelebrata da don Franco Cutrone Parroco della stessa Basilica. “E’ stato un evento molto significativoha detto don Franco Cutroneche ha visto una folta partecipazione di autorità militari e civili accanto ai familiari dei caduti dello Stato Italiano per adempimento del dovere: madri, mogli, fratelli, figli. Commovente durante la Celebrazione il dono di cento rose rosse alla Vergine degli Angeli da parte dei figli, anche piccoli, dei deceduti. Un’offerta di devozione filiale, esempio di autentica fede, che ci aiuta a ricordare sempre e a sperare. Da parte delle mogli in dono a Maria un’immagine della Madonna delle Grazie tratta da San Giovanni Rotondo, dove si è svolta la prima giornata nazionale dell’Associazione”. Alla manifestazione per le vittime del dovere d’Italia è stata conferita dal Presidente Giorgio Napolitano la medaglia della Presidenza della Repubblica Italiana.

Viviana Normando

Info e dettagli: www.levittimedeldovereditalia.it.

- Advertisement -

More articles

- Advertisement -

Latest article

Famiglia oggi, con Gigi De Palo e Francesco Gallo. Incontro pubblico promosso dall’Istituto Diocesano “Beato Toniolo. Le vie dei Santi”.

“Famiglia: a che punto siamo? Dialoghi su crisi demografica, assegno unico, alleanza educativa”.  E' questo il tema generale...

Covid, le ultime news. La Cina ammette: “I nostri vaccini hanno bassa efficacia”. LIVE

Pechino per la prima volta parla della scarsa validità dei suoi farmaci anti Covid: "Non hanno un...

Il Papa: la fede non sia a metà, ma dia e si faccia dono

I cristiani non restino indifferenti, non vivano una fede a metà. Nella II Domenica di Pasqua della Divina Misericordia, Francesco, celebrando la...

Papa: stupirsi di fronte a Gesù che trionfa sulla croce

Un invito a ripartire dallo stupore di fronte all’amore di Cristo. É quello levato dal Papa, dall’altare della Cattedra nella Basilica Vaticana,...

Papa Francesco: “realizzare attività museali e culturali negli edifici annessi alla basilica lateranense”

“Realizzare, nel complesso di quello che è stato per secoli noto come ‘Patriarchio lateranense’, attività museali e...