Viviana Normando

Veglia Pasquale: l’essenzialita’ ci conduce a Gesu’. Il Papa: “Non chiudiamoci alle novità della vita”

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Papa Francesco - Roma Piazza San Pietro - Veglia Pasquale - Sabato Santo

Papa Francesco - Roma Piazza San Pietro - Veglia Pasquale - Sabato Santo

Roma – 30 Marzo 2013 – Sabato Santo. Dopo l’ostensione televisiva della Sacra Sindone registrata dalla Cattedrale di S. Giovanni Battista a Torino, per cui Papa Francesco ha prodotto anche un suo messaggio dedicato “alla speranza nell’amore di Dio“, e’ stata la volta della Veglia pasquale. Mentre la Sacra Sindone, il sacro telo, approda in 2.0 già la stessa rete, da tempo, per ricercare il volto di Gesù, per amore della verità, ospita un esperimento singolare. Unico più che altro e soprattutto bello. Nasce dall’esigenza di Fabio Gallo di testimoniare il desiderio di Cristo, suo e di molti, di incontrarlo ancora o per la prima volta in mezzo a noi. Scatti sovrapposti alla Sindone ci fanno giungere la percezione visiva e tattile di come fosse realmente il volto umano di Gesù. Perché quell’immagine è una fotografia perfetta di un giovane incontrato tra tanti ed il cui viso riporta fedelmente a Cristo, al facies, all’aspetto lasciato impresso sul lino. Cristo per amore dell’umanità ha portato la croce sulle sue spalle, mostrandosi a tutti e sacrificandosi per redimere il mondo e per fare ciò è divenuto umano. L’arte della Sindone ricostruita da Fabio Gallo ci riporta queste sembianze e ci fa sentire Cristo più vicino. E’ possibile prendere visione dell’opera su Il VATICANESE.IT, conoscere le curiosità della sua realizzazione, apprezzarne la straordinaria e puntuale qualità fotografica, in uno standard che appartiene ad uno dei fotografi contemporanei più quotati ed all’unità di misura di DigItaliaBank della Fondazione Paolo di Tarso. Sembrerà di riconoscere Gesù, per il tramite dell’arte che testimonia bellezza e verità.

Stasera in questo sabato santo in numerosissimi hanno partecipato alla Santa Messa in piazza San Pietro, dove per il rito pasquale e’ stata scelta la formula breve su desiderio di Papa Francesco. Presente come sempre in questi giorni, il Vaticanese.it. Tanti giovani hanno atteso il Papa, più di tutti, tra i fedeli, sempre composti, li’, pronti in silenzio a riempire tutti i settori della piazza come se fossero nella Basilica di San Pietro. Le letture sono state semplificate in accordo con il cerimoniere pontificio Guido Marini. Quattro catecumeni adulti hanno ricevuto i sacramenti dell’iniziazione cristiana da Papa Francesco: il battesimo, la comunione e la cresima. A riceverli proprio per mano del Sommo Pontefice in questa Pasqua 2013 un albanese di 30 anni, un italiano di 23 anni, un russo di 30, uno statunitense di origine vietnamita di 17 anni. Domenica vi e’ la Messa solenne con l’annuncio della Resurrezione di Cristo ed a seguire la tradizionale benedizione “Urbe et Orbi” da parte del Vescovo di Roma.

E’ giunto forte e chiaro a tutto il mondo il messaggio del Santo Padre in occasione della veglia pasquale. “Non chiudiamoci in noi stessi – ha detto Papa Francesco – non chiudiamoci alle novità della nostra vita, siamo spesso stanchi, delusi, pensiamo di non farcela ma dobbiamo aprirci al mondo perché può riservarci belle sorprese. Non chiudiamoci in noi stessi“.

Viviana Normando