Eleonora Cafiero

La crisi economica impatta sulla salute dei bambini: a rischio soprattutto gli immigrati

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

La crisi dei mercati impatta fortemente sui bambini, in particolare per quanto riguarda la salute fisica e psicologica e le cure mediche relative. E’ quanto emerso in un convegno a Roma sul tema “Crisi economica e condizione infantile”, organizzato dalla Caritas. Stando ai dati Istat in Italia sono 1,8 milioni i minori che vivono in famiglie in condizione di povertà relativa, oltre 700 mila, per lo più immigrati, quelli che vivono in povertà assoluta, dove i genitori non possono garantire loro standard di vita accettabili. Cecilia Seppia ne ha parlato con Salvatore Geraci, medico chirurgo, responsabile dell’area sanitaria per la Caritas di Roma:

R. – E’ come se la crisi economica avesse un indicatore di sofferenza, che sono proprio i bambini. Siamo partiti da un’analisi del bambino appena nato – a livello dei dati di neonatologia – quindi, bambini nati prematuri, a basso peso, bambini che hanno necessità di cure molteplici e quello che si scopre è che le persone che hanno disagi o malattie evidenti, sono quelle che vivono una situazione di maggiore crisi; con riferimento, per esempio, a persone immigrate – in particolare quelle che vengono dall’Africa subsahariana e dall’Europa dell’Est – con riferimento anche alle italiane in cui la madre riconosce da sola il bambino, quindi le famiglie “mono-parentali”.

D. – Quindi, la crisi impatta sull’infanzia, le condizioni di vita dei piccoli peggiorano. Di quali problematiche legate alla salute parliamo?

R. – Da una parte abbiamo visto quelle legate proprio al momento della nascita: patologie respiratorie e dal punto di vista neurolettico, poi anche disagi psicologici, malnutrizione. Il ragionamento che stiamo facendo però non è tanto nell’immediato – fortunatamente sono numeri piccoli, perché comunque l’Italia ha un sistema abbastanza buono di sorveglianza – quanto in termini di prospettive: questi bambini che nascono con questo handicap iniziale, in situazioni di disagio diffuso, che prospettive hanno di crescere bene e soprattutto di avere le stesse opportunità di tutti gli altri? … Si è parlato molto di disuguaglianze in questo convegno: il vero impegno nei momenti di crisi è fare in modo che le disuguaglianze si riducano. Le disuguaglianze sono quelle differenze evitabili, non necessarie, che producono appunto malattie, ma che possono essere evitate con delle attente politiche sociali e sanitarie.

D. – Quindi, cercare di insistere sulla prevenzione, chiedere politiche sociali adeguate anche per abbattere i muri della disuguaglianza. Parlando però del bambino immigrato, in particolare, quali criticità si aprono?

R. – Lì entra in gioco un altro capitolo molto delicato: questi bambini, che poi fanno un percorso di crescita, in realtà non vengono accolti dalla società, in particolare i bambini figli di immigrati continuano ad essere considerati immigrati pur non essendo mai stati fuori dall’Italia – pur parlando solamente la lingua italiana, o magari il dialetto della regione dove si trovano – questi bambini continuano ad essere considerati un “corpo estraneo”. È stato indicato da mons. Feroci, direttore della Caritas – che ha partecipato a questo convegno – l’importanza di un’assoluta urgenza di modificare la legge della cittadinanza e far sì che questi bambini si sentano effettivamente quelli che sono, cioè dei “nuovi italiani”.

D. – Cosa si può fare, cosa si deve fare e cosa sta facendo in particolare la Caritas, se ci sono programmi specifici per esempio di prevenzione, di cura o sostegno?…

R. – La Caritas continua il proprio intervento di “prossimità” e di scelta di campo, che è l’intervento diretto. In generale, il grande problema è più sul piano culturale: riscoprire quel ruolo – che è proprio anche della Caritas – ovvero quello della pedagogia; fare in modo che tutta la società capisca che questi bambini sono il nostro futuro e la nostra speranza. Se noi non interveniamo già adesso, subito dalla nascita, della crescita – con leggi sulla cittadinanza, con leggi di accoglienza degli immigrati, leggi che possono favorire le mamme italiane e straniere – noi ci stiamo veramente precludendo un futuro. Quindi, un intervento è un intervento nello specifico, nell’aiutare le persone che soffrono, ma nello stesso tempo è un intervento nelle politiche e nella cultura.

D. – In uno degli interventi dei relatori in questo convegno si è parlato di “neonato a rischio sociale”. Vogliamo spiegare in che senso?

R. – I problemi che vive il bambino nella primissima infanzia, anche come privazione economica – parliamo di cose essenziali e non di cose di lusso – si ripercuote sicuramente sulla possibilità futura che questo bambino possa essere una persona – uomo o donna – integrata ed inserita nella società e che possa essere anche un elemento produttivo non solo in termini economici, ma anche a livello culturale della società stessa.

Fonte Radio Vaticana