Dopo il presunto raid israeliano in Siria cresce la tensione nel Vicino Oriente

Must read

2021: l’Italia che Rinasce vince in Bellezza. Da Treviso a Cosenza punti di eccellenza

a cura di Marco Zabotti/ A Parma si apre l’anno della Capitale italiana della Cultura 2021, dopo...

Papa Francesco: Dio ci ama nelle nostre fragilità, apriamogli la porta di casa

a cura della Redazione/ E' un messaggio di amore infinito verso l'umanità quello...

Celebrazione della 54° Giornata Mondiale della Pace

a cura della Redazione/ 1. Alle soglie del nuovo anno, desidero porgere i...

Beni Culturali, Cosenza: nasce il Centro di Alta Competenza CONNESSIONI

a cura della Redazione/ Giovedì 17 dicembre 2020, la Biblioteca Nazionale di Cosenza e la Fondazione...

Il segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon
Il segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon

Damasco – Il segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon ha espresso «profonda preoccupazione» per il rischio di un aumento della tensione nel Vicino Oriente dopo il presunto raid israeliano in territorio siriano. «In questo momento, le Nazioni Unite non hanno i dettagli dell’incidente — ha dichiarato — né l’Onu è in grado di verificare in modo indipendente quello che è successo». Il segretario generale ha quindi rivolto un appello a «tutti gli interessati a evitare tensioni o un’escalation delle violenze nella regione, e ad applicare rigorosamente il diritto internazionale, in particolare nel rispetto dell’integrità territoriale e della sovranità di tutti i Paesi nella regione».

Ancora non è chiaro cosa sia accaduto nella notte tra martedì e mercoledì: la Nato e l’Onu affermano di non avere informazioni sufficienti. Le ipotesi sono contrastanti. Il Governo israeliano non ha confermato ufficialmente il raid. La Siria invece, come si legge in una nota governativa, «ritiene Israele e coloro che lo proteggono nel Consiglio di sicurezza responsabili delle conseguenze dell’attacco e conferma il proprio diritto alla difesa della terra e della sovranità». L’Esercito siriano afferma che i missili israeliani hanno centrato e parzialmente distrutto il sito militare di Jamraya, considerato il polo tecnologico più avanzato del Paese.

Fonte: Osservatore Romano

- Advertisement -

More articles

- Advertisement -

Latest article

2021: l’Italia che Rinasce vince in Bellezza. Da Treviso a Cosenza punti di eccellenza

a cura di Marco Zabotti/ A Parma si apre l’anno della Capitale italiana della Cultura 2021, dopo...

Papa Francesco: Dio ci ama nelle nostre fragilità, apriamogli la porta di casa

a cura della Redazione/ E' un messaggio di amore infinito verso l'umanità quello...

Celebrazione della 54° Giornata Mondiale della Pace

a cura della Redazione/ 1. Alle soglie del nuovo anno, desidero porgere i...

Beni Culturali, Cosenza: nasce il Centro di Alta Competenza CONNESSIONI

a cura della Redazione/ Giovedì 17 dicembre 2020, la Biblioteca Nazionale di Cosenza e la Fondazione...

Papa Francesco: messa per anniversario Lampedusa, “la cultura del benessere ci rende insensibili alle grida degli altri”

“La cultura del benessere, che ci porta a pensare a noi stessi, ci rende insensibili alle grida degli altri, ci fa vivere bolle di...