Scatta la missione “terremoto bis”: la Guardia Svizzera Pontificia torna in Emilia Romagna

Must read

Famiglia oggi, con Gigi De Palo e Francesco Gallo. Incontro pubblico promosso dall’Istituto Diocesano “Beato Toniolo. Le vie dei Santi”.

“Famiglia: a che punto siamo? Dialoghi su crisi demografica, assegno unico, alleanza educativa”.  E' questo il tema generale...

Covid, le ultime news. La Cina ammette: “I nostri vaccini hanno bassa efficacia”. LIVE

Pechino per la prima volta parla della scarsa validità dei suoi farmaci anti Covid: "Non hanno un...

Il Papa: la fede non sia a metà, ma dia e si faccia dono

I cristiani non restino indifferenti, non vivano una fede a metà. Nella II Domenica di Pasqua della Divina Misericordia, Francesco, celebrando la...

Papa: stupirsi di fronte a Gesù che trionfa sulla croce

Un invito a ripartire dallo stupore di fronte all’amore di Cristo. É quello levato dal Papa, dall’altare della Cattedra nella Basilica Vaticana,...

Guardia Svizzera
Guardia Svizzera

Nonostante il loro compito sia quello di difendere il Papa e servire la Chiesa, il drammatico terremoto in Emilia Romagna ha permesso anche qualche eccezione al rigorosissimo corpo della Guardia Svizzera Pontificia. Un gruppo di Guardie del Papa sono partite dal Vaticano per raggiungere le zone colpite dal sisma. E sul posto dovranno svolgere compiti molto delicati.

Dopo che il Papa ha già inviato 600.000 euro per i terremotati, dal Vaticano partono adesso “braccia esperte” in grado di poter dare una mano per la ricostruzione. Durante la visita di Benedetto XVI a Milano, 20 guardie svizzere erano state nelle zone colpite e questa mattina è scattata la seconda missione dei soldati in divisa rinascimentale guidati dal Comandante Daniel Rudolf Anrig. Gli uomini svolgeranno sul posto principalmente mansioni di sicurezza, soprattutto negli ospedali di Carpi e Mirandola e ovviamente, se necessario, svolgeranno anche lavori manuali. Le 20 guardie, che hanno deciso di partire per l’Emilia autofinanziandosi, senza insomma attingere alle casse del corpo pontificio, dormiranno in tende da campeggio e rimarranno lì fino a domenica sera. Poi, nel prossimo fine settimana, arriverà una terza squadra di giovani guardie. Al servizio del Papa e per un po’ anche al servizio di chi ha perso tutto.

- Advertisement -

More articles

- Advertisement -

Latest article

Famiglia oggi, con Gigi De Palo e Francesco Gallo. Incontro pubblico promosso dall’Istituto Diocesano “Beato Toniolo. Le vie dei Santi”.

“Famiglia: a che punto siamo? Dialoghi su crisi demografica, assegno unico, alleanza educativa”.  E' questo il tema generale...

Covid, le ultime news. La Cina ammette: “I nostri vaccini hanno bassa efficacia”. LIVE

Pechino per la prima volta parla della scarsa validità dei suoi farmaci anti Covid: "Non hanno un...

Il Papa: la fede non sia a metà, ma dia e si faccia dono

I cristiani non restino indifferenti, non vivano una fede a metà. Nella II Domenica di Pasqua della Divina Misericordia, Francesco, celebrando la...

Papa: stupirsi di fronte a Gesù che trionfa sulla croce

Un invito a ripartire dallo stupore di fronte all’amore di Cristo. É quello levato dal Papa, dall’altare della Cattedra nella Basilica Vaticana,...

Papa Francesco: “realizzare attività museali e culturali negli edifici annessi alla basilica lateranense”

“Realizzare, nel complesso di quello che è stato per secoli noto come ‘Patriarchio lateranense’, attività museali e...