Martina Fedele debutta a Roma con il suo cd “Fotogrammi – Musica per immagini”

Must read

2021: l’Italia che Rinasce vince in Bellezza. Da Treviso a Cosenza punti di eccellenza

a cura di Marco Zabotti/ A Parma si apre l’anno della Capitale italiana della Cultura 2021, dopo...

Papa Francesco: Dio ci ama nelle nostre fragilità, apriamogli la porta di casa

a cura della Redazione/ E' un messaggio di amore infinito verso l'umanità quello...

Celebrazione della 54° Giornata Mondiale della Pace

a cura della Redazione/ 1. Alle soglie del nuovo anno, desidero porgere i...

Beni Culturali, Cosenza: nasce il Centro di Alta Competenza CONNESSIONI

a cura della Redazione/ Giovedì 17 dicembre 2020, la Biblioteca Nazionale di Cosenza e la Fondazione...

Successo oltre ogni aspettativa nell’Auditorium di S. Maria degli Angeli di Roma colmo di presenze per il debutto di Martina Fedele e la presentazione del cd “Fotogrammi – Musica per immagini“. “I pittori dipingono la tela, i musicisti i loro quadri sul silenzio”. Con questa frase la giovane artista di 23 anni, vincitrice di diversi premi nel suo percorso di perfezionamento musicale guidato dal Maestro Franco Medori, ha accolto autorità, amici e ospiti suonando il suo pianoforte accompagnata nelle percussioni da Gabriele Marone. Ed e’ così che il concerto diverso proprio nella impostazione, di musica e dialogo con il pubblico, e’ stato caratterizzato da un susseguirsi di immagini, sfondo dei brani composti, raccontati ed eseguiti dall’artista. “La musica e le immagini si intersecano, si completano e si danno un senso l’una nell’altra” – ha detto Martina Fedele, mostrando nella sua ‘Musica per immagini’, tema del suo primo cd, le emozioni, i luoghi, le persone che le hanno ispirato ogni nota. “Mi piace – ha continuato Fedele – come la musica e le immagini possano unirsi e valorizzarsi, il modo in cui la musica si adatta alle situazioni più diverse, una passione che ho fin da piccola, già dai primi anni della mia formazione musicale“.

[nggallery id = 6]

Dal brano di apertura “Respiro“, con un valore aggiunto come primo pezzo composto e primo del cd, al suo “Au marche’ d’Antibes“, musica attinta da un soggiorno nel sud della Francia da una visita ad Antibes nel mercato, “ricco di spezie, colori, sapori che rimandano a luoghi lontani e al mare da cui la cittadina e’ bagnata e su cui vigila il suo bel faro”. Quindi e’ la volta delle note scritte per il cortometraggio “Giacomo e il cuoco” di Lorenzo Nobile. “Questo pezzo – ha raccontato Martina Fedele – e’ stato un po’ una scommessa perché era una delle primissime volte che mi cimentavo a scrivere musica per immagini che non erano nate dalla mia fantasia o dal mio vissuto ma che mi erano date e che dovevo commentare al meglio. E’ stato un lavoro del tutto nuovo, stimolante, dove il piacere e la soddisfazione in me scaturiti hanno confermato il mio desiderio che questa fosse la mia strada, che ho nel cuore fin da bambina, di volere comporre musica per immagini, musica per film“.

Incentivata dal pubblico Martina ha suonato “Pausa tecnica” un brano che non e’ nel suo album, composto per un cortometraggio che ha come tema il vino. “Questo e’ stato un lavoro ancora diverso da ‘Giacomo e il cuoco’ per vari motivi, tra i quali la differenza di tono della storia, la brevità, l’assenza di dialogo, la presenza della musica dall’inizio alla fine come unico dato sonoro”. Non sono mancate le atmosfere più intime, in cui Martina ha composto la sua musica come in “Pandora“, rappresentazione sonora “di un pomeriggio in casa, tra la tastiera del pianoforte e un tè”. Il concerto si e’ concluso con la presentazione di “5 agosto” un brano che e’ espressione musicale di una danza su un prato dove Martina ha trascorso molti mesi di agosto della sua vita e che ha composto alla fine di una di queste giornate. E’ la sorella di Martina che danza in quel 5 agosto, in una delle località turistiche più belle d’Italia, a Monte Livata. “Au milieu de l’hiver, j’ai finalement appris qu’il y avait en moi un invincible ete’” (A. Camus).

A richiesta incessante di bis Martina ha suonato “Da lontano” e un altro brano “inciso pochi giorni prima di registrare il cd”, come lei stessa prosegue a raccontare, il suo “Volo sopra il mondo“. “Ringrazio – ha concluso Fedele – Gabriele Marone alle percussioni, Federico Losapio per avermi permesso di mettere in musica il suo testo e per averlo letto, Jacques Peyrac per aver prestato la sua voce che ha reso al meglio l’altro racconto presente nel cd, non eseguiti stasera per motivi tecnici e per consentirvi di ascoltarli per la prima volta nell’album. Un ringraziamento particolare a Massimo Scarparo della Forward Studios dove nei suoi magnifici studi ho potuto incidere il mio disco. Grazie a Mons. Renzo Giuliano e a Mons. Giuseppe Blanda per avermi ospitato nell’Auditorium di S. Maria degli Angeli, nelle Terme di Diocleziano e la Fondazione Paolo di Tarso con le Tesate Giornalistiche del Gruppo ComunicareITALIA, le redazioni, il Direttore Editoriale Fabio Gallo e il Direttore Responsabile Viviana Normando per avere presentato il mio debutto”.

Ricordiamo che per info e richieste dell’album “Fotogrammi – Musica per immagini” e’ possibile contattare i seguenti recapiti:

Mobile: 333.34594882 – martyna.fedele@gmail.com

www.facebook.com/Fotogrammi.

Tra i presenti anche il Direttivo dell’Associazione Maison des Artistes che ogni anno conferisce il Premio Internazionale Medaglia d’oro “Maison des Artistes” a chi contribuisce in diversi settori, anche nella musica, alla crescita della società.

Ha curato l’organizzazione e la comunicazione dell’evento il Gruppo ComunicareITALIA della Fondazione Paolo di Tarso, nelle cui pagine dei portali e’ possibile accedere allo svolgimento della serata e al percorso musicale di Martina Fedele, in fotografie del concerto realizzate per la Fondazione Paolo di Tarso da Fabio Pignata e contributi video da De-Mitri video, in fotogallery e videogallery.

E’ stato un piacere – dice il Direttore del Gruppo Comunicare Italia Viviana Normando – presentare Martina e seguire il suo debutto. L’Italia che da sempre si riconosce per il suo ‘genio’, in talenti in vari ambiti, ha bisogno di giovani come Martina che crescano ed abbiano successo nel loro territorio, che coltivino con la medesima spontaneità e naturalezza la loro vocazione, per continuare a rappresentare, con grande forza e coerenza, un talento pulito, esprimendo al meglio il fervore e la dinamicità culturale del nostro Paese, essenza dei sentimenti, dell’intelletto e del valore della nostra bella Italia anche all’estero“.

Vedi anche: Italia-Magazine.it – Il Giornale del Turismo.itIl Vaticanese.it

Viviana Normando

- Advertisement -

More articles

- Advertisement -

Latest article

2021: l’Italia che Rinasce vince in Bellezza. Da Treviso a Cosenza punti di eccellenza

a cura di Marco Zabotti/ A Parma si apre l’anno della Capitale italiana della Cultura 2021, dopo...

Papa Francesco: Dio ci ama nelle nostre fragilità, apriamogli la porta di casa

a cura della Redazione/ E' un messaggio di amore infinito verso l'umanità quello...

Celebrazione della 54° Giornata Mondiale della Pace

a cura della Redazione/ 1. Alle soglie del nuovo anno, desidero porgere i...

Beni Culturali, Cosenza: nasce il Centro di Alta Competenza CONNESSIONI

a cura della Redazione/ Giovedì 17 dicembre 2020, la Biblioteca Nazionale di Cosenza e la Fondazione...

Papa Francesco: messa per anniversario Lampedusa, “la cultura del benessere ci rende insensibili alle grida degli altri”

“La cultura del benessere, che ci porta a pensare a noi stessi, ci rende insensibili alle grida degli altri, ci fa vivere bolle di...