Una Mostra dedicata a Luca Signorelli: “de ingegno et spirto pelegrino”

Must read

2021: l’Italia che Rinasce vince in Bellezza. Da Treviso a Cosenza punti di eccellenza

a cura di Marco Zabotti/ A Parma si apre l’anno della Capitale italiana della Cultura 2021, dopo...

Papa Francesco: Dio ci ama nelle nostre fragilità, apriamogli la porta di casa

a cura della Redazione/ E' un messaggio di amore infinito verso l'umanità quello...

Celebrazione della 54° Giornata Mondiale della Pace

a cura della Redazione/ 1. Alle soglie del nuovo anno, desidero porgere i...

Beni Culturali, Cosenza: nasce il Centro di Alta Competenza CONNESSIONI

a cura della Redazione/ Giovedì 17 dicembre 2020, la Biblioteca Nazionale di Cosenza e la Fondazione...

News Art
Il 21 aprile 2012 sarà inaugurata una straordinaria mostra dedicata a Luca Signorelli (Cortona 1445-1523), uno fra i più rilevanti artisti del Rinascimento a cui non si dedica una rassegna monografica da orma cinquant’anni.  La mostra avrà tre location distine: nella Galleria Nazionale dell’Umbria in Perugia; nel Duomo, nel Museo dell’Opera e nella chiesa dei Santissimi Apostoli in Orvieto e nella Pinacoteca Comunale di Città di Castello.

La mostra sarà curata da Fabio De Chirico, Vittoria Garibaldi, Tom Henry e Francesco Federico Mancini. Sessantasei le opere esposte del pittore cortonese.

La mostra ha ottenuto il patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali (Direzione Regionale per i Beni Culturali e Soprintendenza per i Beni Storici Artici ed Etnoantropologici dell’Umbria), della Regione Umbria, delle Province di Perugia e di Terni, dei Comuni di Perugia, Orvieto e Città di Castello, delle Diocesi di Perugia, Orvieto e Città di Castello, delle Fondazioni delle Casse di Risparmio di Perugia, Orvieto e Città di Castello, delle Camere di Commercio di Perugia e di Terni e della dall’Università degli Studi di Perugia.

La mostra ha un titolo assai suggestivo: Luca Signorelli “de ingegno et spirto pelegrino”. Esso altro non è che le parole con cui il padre di Raffaello, Giovanni Santi, definì l’artista rinascimentale.

L’evento è da considerarsi come un altro luminoso passo del percorso intrapreso dalla Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici dell’Umbria e dall’Università degli Studi di Perugia al fine di ridare vigore mnemonico alle opere degli artisti più rappresentativi della stagione rinascimentale in Umbria. Tale cammino è stato iniziato nel 2004 con la mostra Perugino il divin pittore, proseguito nel 2008 con Pintoricchio e nel 2009 con Piermatteo d’Amelia.

Come da copione delle grandi mostre anche per questa stupenda rassegna saranno organizzati itinerari di visita nei siti che conservano opere dell’artista.

La Mostra sarà aperta sino al 26 Agosto

- Advertisement -

More articles

- Advertisement -

Latest article

2021: l’Italia che Rinasce vince in Bellezza. Da Treviso a Cosenza punti di eccellenza

a cura di Marco Zabotti/ A Parma si apre l’anno della Capitale italiana della Cultura 2021, dopo...

Papa Francesco: Dio ci ama nelle nostre fragilità, apriamogli la porta di casa

a cura della Redazione/ E' un messaggio di amore infinito verso l'umanità quello...

Celebrazione della 54° Giornata Mondiale della Pace

a cura della Redazione/ 1. Alle soglie del nuovo anno, desidero porgere i...

Beni Culturali, Cosenza: nasce il Centro di Alta Competenza CONNESSIONI

a cura della Redazione/ Giovedì 17 dicembre 2020, la Biblioteca Nazionale di Cosenza e la Fondazione...

Papa Francesco: messa per anniversario Lampedusa, “la cultura del benessere ci rende insensibili alle grida degli altri”

“La cultura del benessere, che ci porta a pensare a noi stessi, ci rende insensibili alle grida degli altri, ci fa vivere bolle di...