Editoria: Liberazione, occupazione continua con Veglia di Capodanno

Must read

Famiglia oggi, con Gigi De Palo e Francesco Gallo. Incontro pubblico promosso dall’Istituto Diocesano “Beato Toniolo. Le vie dei Santi”.

“Famiglia: a che punto siamo? Dialoghi su crisi demografica, assegno unico, alleanza educativa”.  E' questo il tema generale...

Covid, le ultime news. La Cina ammette: “I nostri vaccini hanno bassa efficacia”. LIVE

Pechino per la prima volta parla della scarsa validità dei suoi farmaci anti Covid: "Non hanno un...

Il Papa: la fede non sia a metà, ma dia e si faccia dono

I cristiani non restino indifferenti, non vivano una fede a metà. Nella II Domenica di Pasqua della Divina Misericordia, Francesco, celebrando la...

Papa: stupirsi di fronte a Gesù che trionfa sulla croce

Un invito a ripartire dallo stupore di fronte all’amore di Cristo. É quello levato dal Papa, dall’altare della Cattedra nella Basilica Vaticana,...

I giornalisti del quotidiano Liberazione, per cui la cui proprieta’ ha annunciato la fine delle pubblicazioni con l’anno nuovo a seguito dei tagli ai finanziamenti pubblici per l’editoria cooperativa, non ci stanno e continuano l’occupazione. Ufficialmente in ferie dal primo gennaio, con una conferenza stampa, cui hanno partecipato anche l’attore Pierfrancesco Favino e l’ex direttore Lucio Manisco, i 50 redattori e poligrafici hanno annunciato che proseguiranno a mantenere aperta l’edizione online dando il via alla fase transitoria con una Festa di Capodanno ”Occupy 2012” aperta a lettori e sostenitori.

”I sacchi a pelo accanto ai computer – spiega all’ASCA Carla Cotti, del Cdr – hanno due perche’ e un come. Il primo e’ un perche’ simbolico: il giornale non e’ solo del gruppo dirigente del partito della Rifordazione comunista, ha vent’anni di storia appena festeggiati e appartiene a militanti, lettori, simpatizzanti, che con le persone che lo hanno fatto, hanno dato voce a pezzi di storia del Paese. Il secondo perche’ e’ pratico: vogliamo salvare i posti di lavoro che il giornale sia vivo e la trattativa riprenda”.

L’editore, invece, ricorda Cotti ”ha annunciato l’addio alle edicole senza voler esaminare le nostre proposte, con un suicidio preventivo prima ancora di sedersi al tavolo”.

Il ”come” parla di un’occupazione aperta ”che ha parlato anche in conferenza stampa con le voci di precari, operai, ilcdr del Manifesto dell’Unita’, rappresentanti di giornalisti e studenti precari – conclude Cotti -. Roberto Natale, dell’Fnsi, ci ha annunciato che il Comitato per la difesa al diritto all’informazione ha stabilito la sua sede provvisoria presso il giornale, vertenza pilota di questa battaglia contro i tagli indiscriminati”.

La mobilitazione guarda al 15 gennaio, quando verranno attribuite le risorse del Fondo Letta. Quanto a Mrc, l’editore del quotidiano, si chiede che torni al tavolo delle trattative e vagli ogni proposta, comprese soluzioni-ponte, anche con l’aiuto delle sottoscrizioni.

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

Famiglia oggi, con Gigi De Palo e Francesco Gallo. Incontro pubblico promosso dall’Istituto Diocesano “Beato Toniolo. Le vie dei Santi”.

“Famiglia: a che punto siamo? Dialoghi su crisi demografica, assegno unico, alleanza educativa”.  E' questo il tema generale...

Covid, le ultime news. La Cina ammette: “I nostri vaccini hanno bassa efficacia”. LIVE

Pechino per la prima volta parla della scarsa validità dei suoi farmaci anti Covid: "Non hanno un...

Il Papa: la fede non sia a metà, ma dia e si faccia dono

I cristiani non restino indifferenti, non vivano una fede a metà. Nella II Domenica di Pasqua della Divina Misericordia, Francesco, celebrando la...

Papa: stupirsi di fronte a Gesù che trionfa sulla croce

Un invito a ripartire dallo stupore di fronte all’amore di Cristo. É quello levato dal Papa, dall’altare della Cattedra nella Basilica Vaticana,...

Papa Francesco: “realizzare attività museali e culturali negli edifici annessi alla basilica lateranense”

“Realizzare, nel complesso di quello che è stato per secoli noto come ‘Patriarchio lateranense’, attività museali e...