Utoya: nella Tragedia una Lezione di Civiltà

Must read

Famiglia oggi, con Gigi De Palo e Francesco Gallo. Incontro pubblico promosso dall’Istituto Diocesano “Beato Toniolo. Le vie dei Santi”.

“Famiglia: a che punto siamo? Dialoghi su crisi demografica, assegno unico, alleanza educativa”.  E' questo il tema generale...

Covid, le ultime news. La Cina ammette: “I nostri vaccini hanno bassa efficacia”. LIVE

Pechino per la prima volta parla della scarsa validità dei suoi farmaci anti Covid: "Non hanno un...

Il Papa: la fede non sia a metà, ma dia e si faccia dono

I cristiani non restino indifferenti, non vivano una fede a metà. Nella II Domenica di Pasqua della Divina Misericordia, Francesco, celebrando la...

Papa: stupirsi di fronte a Gesù che trionfa sulla croce

Un invito a ripartire dallo stupore di fronte all’amore di Cristo. É quello levato dal Papa, dall’altare della Cattedra nella Basilica Vaticana,...

Il popolo norvegese colpito duramente dalla lucida follia di un killer xenofobo, che con ferocia freddezza ha giustiziato, uno per uno 73 ragazzi, che festosamente si erano riuniti nell’isola Utoya, ci ha fornito la dolorosa occasione di comprendere quale sia la profonda anima nazionale di questo popolo scandinavo, erroneamente connotato da una laicità secolarizzata.

Profondamente struggente, infatti, è stata la dignità con cui le persone rivolgevano lo sguardo verso il cielo, il pianto sommesso del re seduto accanto al proprio popolo, l’intensità delle preghiere per lenire l’immenso dolore sofferto per i figli perduti, offrendoci anche una forte lezione di civiltà, nel non esser stata proferita una sola parola di vendetta nella richiesta a Dio, riemerso dalle loro anime, del perché di tanta imprevista e non meritata follia.

Si è così manifestata, improvvisamente, la forte intima latente presenza dell’eredità spirituale cristiana, connotata dall’amore comune celebrato coralmente e con coesione nel dolore, smentendo quanti hanno ritenuto come essa fosse svanita in un paese, a loro dire, ormai estremamente laicizzato.

La Norvegia, invece, ha confermato che, oltre ad essere una società civile e pacifica, aperta, cosmopolita e tollerante, è anche una società luminosa, ricca di fede intima e profonda, che dinanzi al dolore e all’angoscia risponde senza vendetta, ma con un silenzio raggelante e drammatico, più forte di tante condanne.

di Giovanni Borrelli

 

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

Famiglia oggi, con Gigi De Palo e Francesco Gallo. Incontro pubblico promosso dall’Istituto Diocesano “Beato Toniolo. Le vie dei Santi”.

“Famiglia: a che punto siamo? Dialoghi su crisi demografica, assegno unico, alleanza educativa”.  E' questo il tema generale...

Covid, le ultime news. La Cina ammette: “I nostri vaccini hanno bassa efficacia”. LIVE

Pechino per la prima volta parla della scarsa validità dei suoi farmaci anti Covid: "Non hanno un...

Il Papa: la fede non sia a metà, ma dia e si faccia dono

I cristiani non restino indifferenti, non vivano una fede a metà. Nella II Domenica di Pasqua della Divina Misericordia, Francesco, celebrando la...

Papa: stupirsi di fronte a Gesù che trionfa sulla croce

Un invito a ripartire dallo stupore di fronte all’amore di Cristo. É quello levato dal Papa, dall’altare della Cattedra nella Basilica Vaticana,...

Papa Francesco: “realizzare attività museali e culturali negli edifici annessi alla basilica lateranense”

“Realizzare, nel complesso di quello che è stato per secoli noto come ‘Patriarchio lateranense’, attività museali e...