Eleonora Cafiero

Papa a Settimanali cattolici: Continuate a essere giornali della gente

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Il Vaticanese.it: Fonte, Avvenire – «Continuate ad essere giornali della gente, che cercano di favorire un dialogo autentico tra le varie componenti sociali, palestre di confronto e di dibattito leale fra opinioni diverse». E’ questa la «missione» che il Papa ha consegnato ai direttori e ai collaboratori delle 188 testate giornalistiche cattoliche riunite nella Fisc (La Federazione italiana Settimanali cattolici) incontrandoli oggi in Vaticano insieme ai direttori dell’agenzia Sir e del quotidiano Avvenire.

«Questa – ha detto il Papa – è la funzione peculiare dei giornali di ispirazione cattolica: annunciare la Buona Novella attraverso il racconto dei fatti concreti che vivono le comunità cristiane e delle situazioni reali in cui sono inserite. Come una piccola quantità di lievito, mescolato con la farina, fa fermentare tutto l’impasto, così la Chiesa, presente nella società, fa crescere e maturare ciò che vi è di vero, di buono e di bello; e voi avete il compito di dare conto di questa presenza, che promuove e fortifica ciò che è autenticamente umano e che porta all’uomo d’oggi il messaggio di verità e di speranza del Signore Gesù».

Il Papa ha quindi offerto una articolata analisi sul «modo di intendere la verità» nell’attuale cotesto di post-modernità. «La cultura dominante – ha detto -, quella più diffusa nell’areopago mediatico, si pone, nei confronti della verità, con un atteggiamento scettico e relativista, considerandola alla stregua delle semplici opinioni e ritenendo, di conseguenza, compossibili e legittime molte “verità”».

Da qui il compito dei media cattolici. «Gli organi di informazione – ha detto Benedetto XVI – sono chiamati a servire con coraggio la verità, per aiutare l’opinione pubblica a guardare e a leggere la realtà da un punto di vista evangelico. Si tratta di presentare le ragioni della fede, che, in quanto tali, vanno al di là di qualsiasi visione ideologica e hanno pieno diritto di cittadinanza nel dibattito pubblico. Da questa esigenza nasce il vostro impegno costante a dare voce ad un punto di vista che rispecchi il pensiero cattolico in tutte le questioni etiche e sociali».

Il Papa ha terminato il suo discorso apprezzando la «diffusione capillare» delle testate riunite nella Fisc. Ed ha detto: «Questa diffusione passa attraverso il mezzo della carta stampata, che, proprio per la sua semplicità, continua ad essere efficace cassa di risonanza di quanto avviene all’interno delle diverse realtà diocesane. Vi esorto perciò a proseguire nel vostro servizio di informazione sulle vicende che segnano il cammino delle comunità, sul loro vissuto quotidiano, sulle tante iniziative caritative e benefiche che esse promuovono».

Benedetto XVI ha voluto anche incoraggiare oggi pubblicamente il direttore di Avvenire, Marco Tarquinio, e quello del Servizio Informazione Religiosa, Paolo Bustaffa, presenti all’udienza concessa alla federazione dei settimanali cattolici italiani. «Saluto in particolare – ha detto Ratzinger

- il direttore dell’agenzia Sir e il direttore del quotidiano Avvenire. Sono grato per questo incontro, con il quale manifestate la vostra fedeltà alla Chiesa e al suo magistero».

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>