La Povertà della Solitudine

Must read

Covid, le ultime news. La Cina ammette: “I nostri vaccini hanno bassa efficacia”. LIVE

Pechino per la prima volta parla della scarsa validità dei suoi farmaci anti Covid: "Non hanno un...

Il Papa: la fede non sia a metà, ma dia e si faccia dono

I cristiani non restino indifferenti, non vivano una fede a metà. Nella II Domenica di Pasqua della Divina Misericordia, Francesco, celebrando la...

Papa: stupirsi di fronte a Gesù che trionfa sulla croce

Un invito a ripartire dallo stupore di fronte all’amore di Cristo. É quello levato dal Papa, dall’altare della Cattedra nella Basilica Vaticana,...

Papa Francesco: “realizzare attività museali e culturali negli edifici annessi alla basilica lateranense”

“Realizzare, nel complesso di quello che è stato per secoli noto come ‘Patriarchio lateranense’, attività museali e...

La festa del Natale, che ancor oggi riunisce festosamente le famiglie, comporta  per chi è solo, una maggiore sofferenza, perché in tale occasione la solitudine è più sentita, divenendo non solo del tutto inaccettabile e schiacciante, ma così insopportabile da convincere, chi la prova, dell’inutilità della propria vita, sino al rifiuto di se stessi.

Essa si aggrava ulteriormente se la causa della solitudine, poi, non è dipesa da una scelta di sopravvivenza, ma è frutto di abbandono da parte dei parenti, perché legata  a ricordi, se non felici, quanto meno di vicinanza e di solidarietà, per cui non trovare più ascolto, affetto, comprensione, uccide l’anima più della morte.

La solitudine è, dunque, una forma di povertà, forse la più terribile e traspare apertamente, tanto che la si legge anche passando per strada, negli occhi dell’extra comunitario che ci chiede una moneta, nel barbone che si trascina col suo pacco di stracci, nel vecchio traballante che regge una misera busta con una singola porzione di cibo acquistata, ma anche nel ricco, rimasto solo per superbia o egoismo tristemente fermo in un auto di lusso o dietro i vetri di una sontuosa casa, ad attendere chi non verrà.

Guardando, invece, la mangiatoia del presepio, su cui è poggiato il bambino Gesù,  ci accorgiamo come la capanna sia circondata dai pastori ed in essa non esista solitudine, ma solidarietà, amore, comprensione, disponibilità e se non siamo ottusi, ne comprendiamo il primo grande messaggio che il Figlio di Dio apporta all’umanità,  scoprendo come non si debba mai dimenticare la sofferenza del prossimo se vogliamo chiamarci ancora uomini.

Auguri.

- Advertisement -

More articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Latest article

Covid, le ultime news. La Cina ammette: “I nostri vaccini hanno bassa efficacia”. LIVE

Pechino per la prima volta parla della scarsa validità dei suoi farmaci anti Covid: "Non hanno un...

Il Papa: la fede non sia a metà, ma dia e si faccia dono

I cristiani non restino indifferenti, non vivano una fede a metà. Nella II Domenica di Pasqua della Divina Misericordia, Francesco, celebrando la...

Papa: stupirsi di fronte a Gesù che trionfa sulla croce

Un invito a ripartire dallo stupore di fronte all’amore di Cristo. É quello levato dal Papa, dall’altare della Cattedra nella Basilica Vaticana,...

Papa Francesco: “realizzare attività museali e culturali negli edifici annessi alla basilica lateranense”

“Realizzare, nel complesso di quello che è stato per secoli noto come ‘Patriarchio lateranense’, attività museali e...

Libertà Civica – Noi Popolari: è la nuova rete civica dei popolati di Toniolo e Sturzo

Grande partecipazione ed entusiasmo all’incontro nazionale online del 3 marzo in occasione del battesimo di Libertà Civica - Noi Popolari. Abbiamo assistito...